La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah - Enrico Mentana,Liliana Segre - copertina

La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah

Enrico Mentana,Liliana Segre

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: Best BUR
Edizione: 1
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 ottobre 2015
Pagine: 225 p., Brossura
  • EAN: 9788817084000

nella classifica Bestseller di IBS Libri Storia e archeologia - Storia - Specifici eventi e argomenti - Genocidi e pulizia etnica

Salvato in 511 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 9,55 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Un conto è guardare e un conto è vedere, e io per troppi anni ho guardato senza voler vedere." Liliana ha otto anni quando, nel 1938, le leggi razziali fasciste si abbattono con violenza su di lei e sulla sua famiglia. Discriminata come "alunna di razza ebraica", viene espulsa da scuola e a poco a poco il suo mondo si sgretola: diventa "invisibile" agli occhi delle sue amiche, è costretta a nascondersi e a fuggire fino al drammatico arresto sul confine svizzero che aprirà a lei e al suo papà i cancelli di Auschwitz. Dal lager ritornerà sola, ragazzina orfana tra le macerie di una Milano appena uscita dalla guerra, in un Paese che non ha nessuna voglia di ricordare il recente passato né di ascoltarla. Dopo trent'anni di silenzio, una drammatica depressione la costringe a fare i conti con la sua storia e la sua identità ebraica a lungo rimossa. "Scegliere di raccontare è stato come accogliere nella mia vita la delusione che avevo cercato di dimenticare di quella bambina di otto anni espulsa dal suo mondo. E con lei il mio essere ebrea". Enrico Mentana raccoglie le memorie di una testimone d'eccezione in un libro crudo e commovente, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con l'adorato papà Alberto, le persecuzioni razziali, il lager, la vita libera e la gioia ritrovata grazie all'amore del marito Alfredo e ai tre figli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,91
di 5
Totale 65
5
59
4
6
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    enrico

    16/05/2020 14:57:50

    Tutti ma proprio tutti dovrebbero leggere questo libro. Vero, toccante, unico.

  • User Icon

    enrico

    16/05/2020 13:42:49

    Due grandi pensatori dei nostri tempi si uniscono per raccontare una storia toccante.

  • User Icon

    nico

    14/05/2020 06:38:13

    Bellissimo. Unico termine per descrivere questa opera. Qui c'è tutto. Il dramma dell'olocausto visto sotto ogni aspetto. Dagli occhi di una bambina, dall'evoluzione e dalle elaborazioni avvenute nel crescere e nel porsi con sé stessa e con una società che troppo spesso ti mette davanti a un bivio. Un bivio che, in questo caso, farebbe rabbrividire chiunque.

  • User Icon

    sepe

    14/05/2020 06:34:37

    Un libro molto intenso,dove si colgono la disperazione e l' ingiustizia subite da milioni di persone innocenti. Il libro é scritto in modo molto semplice ed é proprio per questo che dovrebbe essere un testo obbligatorio già alle scuole medie, in modo che i ragazzi possano rendersi conto che loro non sfruttano abbastanza la loro libertà. Oltre ciò, è molto intimo e delicato nonostante la tematica..scritto egregiamente!

  • User Icon

    nadia

    14/05/2020 06:31:21

    Un libro "necessario", da far leggere nelle scuole. Un libro che tiene vigile la memoria sugli orrori del nazifascismo e che, perciò, ci aiuta ad evitare che possano ritornare anche sotto altre forme. Occorre farlo leggere soprattutto ai giovani, per poi proporre loro, subito dopo, la lettura di "Se questo è un uomo" di Primo Levi. Divorato in un paio di giorni, è un libro crudo in molte parti ma sicuramente reale. Ricordiamoci sempre di non dimenticare mai la crudeltà di quel periodo. Libro che si legge bene e adatto anche ad un pubblico giovane.

  • User Icon

    marco

    14/05/2020 06:26:17

    Libro impegnativo in questo periodo di quarantena. È un pugno nello stomaco per quello che racconta, alcune pagine sono talmente dettagliate che lascia poca fantasia al lettore come è giusto che sia. È un testo che prima o poi tutti dovremmo leggere perché lo dobbiamo per il rispetto di quei fatti storici accaduti e soprattutto perché la memoria rende liberi.

  • User Icon

    martina

    14/05/2020 05:31:08

    Beh che dire è un libro straordinario che ti appassiona e si legge tutto d'un fiato. Racconta in maniera semplice e leggera l'orrore che ha dovuto subire una bambina e un' intera popolazione. Complimenti all'autrice che ha avuto il coraggio di raccontare tutto ciò perché non bisogna mai dimenticare cosa è successo agli ebrei durante la seconda guerra mondiale e soprattutto ci fa capire fin dove può arrivare la cattiveria dell'essere umano

  • User Icon

    marta

    14/05/2020 05:27:24

    Un racconto intenso e toccante che impone di riflettere su quanti e quali danni possa recare l’indifferenza . Tutti dovrebbero leggerlo così come tutti dovrebbero leggere i libri di Primo Levi; lo consiglio ai giovani perché è nel passato che va ricercata la capacità di costruire il futuro, un futuro migliore che non dimentica le atrocità del passato. Liliana Segre scrive e narra in modo fluente avvenimenti e situazioni pesanti come macigni ed è difficile non leggerlo d’un fiato.

  • User Icon

    marzia

    14/05/2020 05:24:23

    Questo libro è assolutamente da leggere. Comprato alcuni mesi fa, dopo la nomina di Liliana Segre a Senatrice a vita, mi ha conquistato. Le pagine scorrono veloci, mentre la capacità di racconto sincero e senza edulcorazioni dell'autrice tocca davvero nel profondo. E' importante, soprattutto attuale, capire quanto l'indifferenza possa far male.

  • User Icon

    marisol

    14/05/2020 05:20:30

    Diverso da come me lo aspettavo, ma estremamente chiaro nella spiegazione del momento storico raccontato con semplicità. L'aspetto umano ed emozionale supera quello letterario, si ha l'impressione di sedere vicino al caminetto ascoltando i racconti di vita della nonna. Nella sua drammaticità lascia una sensazione stranamente molto familiare.

  • User Icon

    maristella

    14/05/2020 05:15:16

    Questo è un libro bellissimo. Liliana Segre si racconta con la stessa modestia, dolcezza e intelligenza delle interviste televisive. Il libro rispecchia l'evento storico della deportazione degli Ebrei nei campi di concentramento. L'ho trovato diverso dai libri di Primo Levi, che pur ho amato. Il registro della Segre è ancor più personale e quindi immersivo. Caldamente raccomandato.

  • User Icon

    mamy

    14/05/2020 05:11:57

    Volevo conoscere meglio la storia della Senatrice ed in questo libro ho trovato tutto e soprattutto tutto raccontato senza timore di scontentare o desiderio di compiacere qualcuno. Le persone ed i fatti vengono descritti con lucidità e disincanto. La lettura è scorrevole e piacevole. Lo consiglio, anche ai più giovani perché la deportazione e la prigionia vengono raccontati con delicatezza, in punta di penna, per non turbare ma contemporaneamente per non dimenticarne l’atrocità.

  • User Icon

    marta

    14/05/2020 05:09:08

    Il libro riporta la testimonianza di Liliana Segre, scritto insieme ad Enrico Mentana, di cui è senz'altro da apprezzare lo stile scorrevole e chiaro. Liliana Segre nasce in una rispettabile famiglia ebrea ben inserita nella società milanese degli anni 30-40. Orfana di madre, vivrà con l'amatissimo padre le conseguenze dell'applicazione delle leggi razziali ad appena 8 anni, la successiva carcerazione a San Vittore per poi essere deportata, con un viaggio di una settimana in un treno merci, ad Auschwitz. Nel lager rimarrà, a 13 anni, completamente sola. La lotta per la sopravvivenza continuerà anche dopo la liberazione dal Lager, infatti troverà la forza di portare la sua testimonianza solo dopo molti anni.

  • User Icon

    lisa

    14/05/2020 05:05:54

    Anche se leggendo questo libro ho notato una certa somiglianza nella descrizione dei luoghi e delle situazioni al libro di Primo Levi "Se questo è un uomo", Liliana Segre ha avuto, senz'altro, il pregio di scriverlo da "donna" e, quindi, con sfumature diverse. Inoltre, contrariamente al libro di Levi, solo una parte del libro racconta il periodo nei campo di concentramento, mentre il resto racconta la sua vita prima e dopo la segregazione nel lager. Lettura consigliata anche per la scorrevolezza del testo.

  • User Icon

    lore

    14/05/2020 05:02:41

    il racconto di una vita che nessuno di noi vorrebbe vivere e che pochi avrebbero la forza di affrontare. una storia che scorre veloce, accompagnati nella lettura, nonostante la drammaticità degli eventi, dal rassicurante tono di voce della Segre. una storia che fa pensare e che, con buona pace di negazionisti e nostalgici, dovrebbe essere libro di testo in tutte le scuole, specie per le profonde quanto sofferte riflessioni dell'autrice.

  • User Icon

    daniela

    14/05/2020 04:59:23

    Non servono presentazioni a questo libro. Sono drammaticamente sufficienti le parole di Liliana Segre: «Quel numero tatuato, 75190, lo porto con onore perché è la vergogna di chi lo ha fatto». C'è molto "dopo" in questo libro, dove Liliana Segre racconta di come la vicinanza del marito e dei tre figli l'abbiano, in qualche modo, difesa dai ricordi. Ma il male vissuto da bambina e da adolescente, le leggi razziali, il carcere, la deportazione, la morte del padre e dei nonni ad Auschwitz, i lavori forzati, la Marcia della morte, è tutto radicato nelle sue paure e nella depressione da cui è uscita dopo anni di silenzio, quando ha trovato la forza di condividere i suoi ricordi, affinché la memoria rimanga anche quando non ci saranno più testimoni diretti.

  • User Icon

    katia

    13/05/2020 21:00:04

    Letto d'un fiato, grazie alla scorrevolezza del testo. Lo stile dell'Autrice, mi ha rievocato lo stesso di "Se questo è un uomo" e de "La Tregua", dal momento che nella narrazione non si riscontrano parole di odio e vendetta nei confronti degli oppressori; così come nel modo di narrare di Primo Levi: non vengono utilizzati termini atti a sottolineare l'orrore, che in tal senso è già contenuto nella descrizione dei fatti: dalle rigide restrizioni subite prima della deportazione, fino alla liberazione (passando, ovviamente, per la fase dell'arresto, e quella della prigionia.) Alla fine del testo Liliana Segre sostiene di trovare insopportabile sentire parlare la lingua tedesca e che ancora oggi verso i tedeschi prova sentimenti orribili; questi sono gli unici due punti in cui calca la mano contro i carnefici.

  • User Icon

    jess

    13/05/2020 20:57:28

    Nel campo di concentramento il sentimento prevalente sarà quello di cercare di sopravvivere, pur sapendo che ogni secondo potrebbe essere l'ultimo. Ma anche una volta tornata a casa, dopo aver recuperato una condizione fisica accettabile, Liliana fatica a riabituarsi alla vita di tutti i giorni che le sembra troppo banale e piena di futili preoccupazioni, come quella dei nonni di trovarle un marito. Riesce a riprendersi solo quando troverà l'amore, per il marito prima e per i figli dopo. E, dopo decine di anni in cui è rimasta completamente in silenzio, trova la forza di parlare della sua esperienza, soprattutto ai giovani perché i testimoni diretti della Shoah sono pochissimi e la memoria di quest' immane tragedia deve essere mantenuta viva. Sempre.

  • User Icon

    jack

    13/05/2020 20:51:40

    Attraverso una scrittura semplice e lineare, Liliana Segre ci racconta la sua storia personale che l'ha portata a vivere una delle più grandi tragedie della storia. Il libro si divide in tre parti: la vita prima della deportazione, la prigionia e il lento ritorno alla normalità, che non potrà mai essere tale, dopo quello che la ragazza ha vissuto sulla sua pelle: la morte dell' amato padre e dei nonni e il trauma di un esperienza che non potrà mai essere dimenticata. Talvolta la Segre intervalla alla narrazione degli eventi alcune considerazioni che nella prima parte si traducono nell' incapacità di capire cosa stia succedendo: perché all' improvviso non può più andare a scuola, perché devono nascondersi e poi scappare, come mai vengono respinti dalla Svizzera da chi sapeva bene a quale destino li stavano condannando.

  • User Icon

    ila

    13/05/2020 20:48:59

    Un libro che dovrebbero leggere tutti , soprattutto molti ragazzi che si ritrovano a fare il saluto nazista senza sapere nemmeno cosa stiano facendo. Una testimonianza importante della catastrofe che è sono stati il nazismo e il fascismo. Nonostante i temi non certo leggeri , il libro si legge facilmente e velocemente. Consigliato .

Vedi tutte le 65 recensioni cliente
  • Enrico Mentana Cover

    Enrico Mentana è giornalista, conduttore e scrittore italiano. Nato a Milano da Franco, giornalista sportivo, e da Lella, di origini ebraiche, il giovane cresce nel quartiere del Giambellino e frequenta il Liceo classico "Manzoni". Appassionato di politica (ha militato nel Partito Socialista e ha diretto per qualche anno il giornale «Giovane Sinistra»), si iscrive a Scienze Politiche all'Università Statale di Milano, ma non si laurerà. Nel 1982 diviene giornalista professionista, anche se già da due anni era stato assunto in RAI, alla redazione esteri. Nel 1991 passa a Mediaset e il 13 gennaio 1992 fonda il TG5, insieme a Lamberto Sposini, Cristina Parodi, Clemente J. Mimum, Emilio Carelli e Cesara Buonamici: a soli 36 anni, è direttore del... Approfondisci
  • Liliana Segre Cover

    Liliana Segre è nata a Milano, di famiglia ebraica. La piccola è espulsa dalla scuola a soli otto anni, a seguito dell'intersificarsi delle leggi razziali in Italia. Nel 1943 la famiglia cerca di sfuggire in Svizzera, ma viene respinta dalle guardie di frontiera: il giorno dopo lei e il padre vengono arrestati in provincia di Varese. A soli 13 anni, Liliana Segre viene internata nel campo di concentramento di Auschwitz, dal quale verrà liberata nel 1945. Dei 776 bambini italiani di età inferiore ai 14 anni che furono deportati a Auschwitz, Liliana è tra i soli 25 sopravvissuti. Per molto tempo non ha voluto parlare della propria esperienza, quando, a metà degli anni '90, ha cominciato a girare per le scuole a raccontare quegli anni terribili. Le sono... Approfondisci
Note legali