Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti

Marguerite Yourcenar

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 350 p.
  • EAN: 9788806174088
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,75

€ 6,75

€ 12,50

7 punti Premium

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberta valeria

    01/10/2016 18:59:44

    Confermo la grande bellezza di questo libro, non solo per contenuti, ma anche per la forma raffinata e poetica direi. Tuttavia, bisogna dire che tale lettura non si snoda in modo semplice, in quanto i riferimenti storici (non a caso è stato elaborato in quasi un trentennio...) sono numerosi e così anche i personaggi menzionati (la guerra contro i Parti e l'imperatore Osroe, la rivolta giudaica, Cabria....). Tale lettura, voglio dire, implica conoscenze storiche affinché possa essere apprezzato appieno. La parte focale è nello "svelarsi" dell'amore verso Antinoo. L'incanto di tale libro, oltre che nella raffinatezza della scrittura, è nell'espressione di questo sentimento etereo, delicato che trascende l'umanità dei rapporti. Persino la morte di Antinoo introduce a sentimenti poetici, elegiaci. Nel complesso, insomma, secondo il mio giudizio, è un testo aulico, erudito ed eclettico e per questo non di facile lettura.

  • User Icon

    maurizio

    20/03/2015 20:52:49

    Vado fuori dal coro. E' un libro molto difficile da leggere. A tutti gli amanti del romanzo avvincente e mozzafiato consiglio di stare alla larga da questo libro.

  • User Icon

    kenzokabuto

    18/09/2014 13:27:44

    Perfezione. In ogni pagina sono nascoste verità assolute, pensieri e concetti magnifici. Una lunga riflessione che non ha tempo e che monta, monta, fino a spengersi in un "finale" meraviglioso.

  • User Icon

    Alessandro

    14/09/2014 15:43:35

    Non ho mai letto un libro così splendido, umano, raffinato, toccante.

  • User Icon

    Gondrano

    28/04/2014 10:01:59

    Sono senza parole, come mi capita spesso quando mi trovo di fronte a quello che per me è un capolavoro. Chapeau.

  • User Icon

    laura

    03/09/2013 18:39:13

    Incantevole! Rimandavo questa lettura da tempo pensando fosse la solita opera osannata immeritatamente. Sbagliavo. Si tratta di un capolavoro, un romanzo storico pregevole, molto profondo, scritto in modo sublime. La scelta della voce narrante è davvero azzeccata: perdi di vista il fatto che si tratta di un romanzo e ti sembra di leggere le lettere autentiche dell'imperatore. Indimenticabili le battute finali. E' raro trovare libri così, lo consiglio caldamente.

  • User Icon

    angelo

    19/07/2013 14:16:08

    Ingredienti: viaggi, battaglie, vittorie e conquiste di un anziano che ripercorre il proprio passato; fallimenti, inquietudini, limiti e riflessioni di un imperatore al culmine del potere; l'amore per la cultura, l'arte e la filosofia di un uomo di guerra; le decisioni, le leggi e le innovazioni di un erudito al potere. Consigliato: a chi vuol ammirare le capacità di una donna nell'illuminare un mondo fatto quasi solo di uomini, a chi vuol osservare quanta umanità, modestia e umiltà può esserci anche in chi ha mezzo mondo ai suoi piedi.

  • User Icon

    Raffaele

    07/07/2013 14:37:59

    Un'opera certamente interessante che attira e che merita i positivi giudizi di critici e lettori; personalmente lo ritengo più un saggio che un romanzo, solo apparentemente destinato a tutti, riservato, invece, ai cultori della storia antica e a chi ha specifiche inclinazioni letterarie. L'alone mitico creatosi attorno al libro ne ha indubbiamente accresciuto il valore, forse troppo.

  • User Icon

    Dario

    21/09/2012 12:07:46

    L'imperatore Adriano racconta la propria vita attraverso l'introspezione e la riflessione profonda delle azioni, dei dubbi e delle decisioni di politico e di uomo comune. Il destinatario, quel 'Mio caro Marco' con cui inizia il racconto, verrà svelato nel corso del romanzo. Siamo di fronte ad un libro epico, profondo, illuminato, romantico, a tratti struggente; definirlo 'libro' mi sembra quasi riduttivo. Qui si va oltre al semplice raccontare una storia mettendo una parola dopo l'altra. Qui si entra nel profondo del pensiero di un grandissimo uomo che ha governato il proprio impero come una 'missione' caricandosi sulle spalle la responsabilità della "bellezza del mondo". Si ha l'impressione di poter vedere e capire l'anima di una persona comune che il destino, l'ambizione e la certezza dell'esattezza delle proprie idee hanno portato ad essere imperatore. L'autrice ci regala un uomo dalle idee illuminanti e attualissime ( oppure ci rivela un mondo, il nostro, in cui l'essere umano si evoluto tanto verso l'alto nella tecnologia quanto verso il basso nell'anima ). Un applauso a questa incredibile scrittrice il cui tormento e le cui difficolta, relative alla stesura del romanzo, sono rese molto bene dal prezioso 'taccuino di appunti'. Un grazie per non esserti arresa alla complessità dell'opera e per averci regalato la magia di questo romanzo.

  • User Icon

    flavioalbanese90

    02/09/2012 19:30:40

    Marguerite Yourcenar: scrittrice, "storica", lesbica, ma soprattutto, prima di tutto, DONNA. Così anche l'Adriano di queste "Memorie" assume i trati delicati, femminili (ma non effemminati!) di un esperienza tutta rivolta alla ricerca della cultura del sapere, del conoscere, dell'intercultura. L'amore per il giovane Antinoo non è una passioncella che ha il retrogusto di un vizietto: è, bensì, la bellezza, il cercare di scovarla in un'integrità che secoli dopo sarà detta "neoclassica"; un sentimento completo e sincero, che ha l'unica pecca-pregio di essere totale, completo, latine e moderne loquendo, perfetto (da "perfectus", compiuto, finito, in sè stesso). Emozionante, commovente, pieno di ardore di un contatto con l'esterno e di un'ineluttabile solitudine. Fino alla fine, fino a che l'"animula vagula blandula" non deve trasmigrare altrove: "Piccola anima smarrita e soave, compagna e ospite del corpo, ora t'appresti a scendere in luoghi incolori, ardui e spogli, ove non avrai più gli svaghi consueti. Un istante ancora, guardiamo insieme le rive familiari, le cose che certamente non vedremo mai più... Cerchiamo d'entrare nella morte a occhi aperti..."

  • User Icon

    nicoletta

    06/08/2012 16:01:54

    libro molto bello ...introspettivo...di entra nell'anima contesto storico spettacolare non leggero... difficile da leggere in quando impegnativo a tratti pesante ma sicuramente imperdibile

  • User Icon

    giorgio g

    24/07/2012 12:14:58

    Ho ripreso in mano il libro a più di vent'anni dalla prima lettura. Devo dire che ha conservato tutto il suo fascino: era e rimane non solo il capolavoro della Yourcenar ma uno dei capolavori della letteratura di tutti i tempi. Aggiungerei una considerazione: leggendolo si ha l'impressione che non sia l'autrice che racconta ma che sia lo stesso Imperatore Adriano a parlarci della sua vita. Anche se nel libro ci sia spesso il pensiero della morte, consiglio a tutti di leggerlo o di rileggerlo.

  • User Icon

    Gozer

    15/06/2012 14:26:46

    Un libro profondo. Forse troppo per l'epoca di decadenza in cui viviamo.

  • User Icon

    sasso

    07/10/2011 18:57:56

    «Cerchiamo di entrare nella morte a occhi aperti...». È un capolavoro della letteratura questo romanzo storico della Yourcenar, pieno zeppo di riferimenti culturali al mondo antico, soprattutto greco e romano, che contiene stimoli ed inviti ad un eterno umanesimo, che contempli la tolleranza nei confronti del pensiero altrui, ma anche l'accettazione etica e stoica del destino che ci è assegnato, fosse anche l'estremo sacrificio di essere imperatore, senza trascurare l'amore in tutte le sue forme e, in definitiva, senza tralasciare di vivere. Come i grandi capolavori, "Memorie di Adriano" è un libro d'arte, di sentimento e di vita, che va assaporato ancora prima che compreso in tutti i suoi aspetti.

  • User Icon

    Franca

    02/09/2011 22:04:05

    Una donna scrive l'autobiografia di un'imperatore vissuto 2000 anni prima. Un lavoro sublime la rende per noi comprensibile toccando contenuti universali.

  • User Icon

    Antonio

    27/08/2011 14:12:00

    Appena iniziato il libro, mi sono detto che mai sarei riuscito a finirlo: mi sembrava eccessivamente ampolloso e contorto. Invece, dopo poche decine di pagine, ho dovuto ricredermi e alla fine ho partecipato anch'io emotivamente alle vicende sentimentali e politiche dell'ultimo grande imperatore che Roma abbia avuto. La vicenda amorosa tra Adriano e Antinoo, che rasenta la pederastia, viene trattata con grande delicatezza e partecipazione, come solo una grande scrittrice avrebbe saputo fare.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    08/05/2011 17:47:31

    Pretenzioso, lo è senz'altro; ma il risultato di tanto sforzo non si vede affatto. Mi pare anche del tutto ingiustificato "suggerire" che chi legge questo libro abbia comprato anche "L'Aleph", quasi ad evidenziare un ipotetico legame, o affinità; anch'io ho comprato entrambi questi volumi: e allora? Due mani più distanti difficilmente sono state accostate; la maestria (l'arte?) ancora non si trasmette per osmosi attraverso le copertine di due volumi eventualmente conservati fianco a fianco nello stesso scaffale della libreria

  • User Icon

    castelvec

    11/02/2011 12:11:50

    Un libro dove ogni riga è lavorata come per scriverla sulla pietra, che duri nei secoli. E si ha l'impressione di leggere parole che vengono da duemila anni fa.

  • User Icon

    roberto brusadelli

    02/11/2010 20:56:58

    Libro capitale per la riflessione sul potere, illuminato anche nelle sue ombre dal pathos di una narrazione densissima e al contempo lineare. Da far leggere nei licei con l'obbligo di un commento scritto

  • User Icon

    corra

    05/09/2010 18:53:34

    Mi ha dato l'opportunità di entrare in contatto con un personaggio della storia decisamente affascinante, però bisogna dire che il romanzo non è sempre di facile lettura, ha parecchi cali di tono.

Vedi tutte le 73 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione