Categorie

Loretta Napoleoni

Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2017
Pagine: 346 p., Rilegato
  • EAN: 9788817092944
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

In principio è stata la cocaina, ora la fonte più redditizia per i trafficanti senza scrupoli tra Asia-Africa-Europa è la Vita umana. Dalle alture del nord della Siria al deserto del Maghreb, Loretta Napoleoni ci conduce all’interno di un sistema che non ha niente da invidiare alla tratta degli schiavi che per più di quattro secoli ha coperto di vergogna il nostro continente. E che adesso è diventato il tratto peculiare della politica dell’Isis.

Il futuro a volte può essere anche peggio del passato che non si è riuscito ad estirpare. Tra le pagine di questo libro, il presente si dimostra nel suo fare spietato e crudele e ci svela il rovescio della medaglia di una globalizzazione sul baratro del fallimento.

«La legge della domanda e dell’offerta è valida anche quando la posta in palio sono persone.
E alla fine, qualunque cosa tu faccia, non vinci mai. Perché hai dovuto assegnare un valore monetario a una vita umana.»

“Anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”. Con queste parole di una famosa canzone di Francesco De Andrè si può dare una chiave di lettura all’ultimo libro-inchiesta di Loretta Napoleoni, economista e grande esperta di terrorismo internazionale, che nel suo Mercanti di uomini tenta di ricostruire lo strettissimo legame, ormai consolidato, che ricorre tra i rapimenti organizzati dallo Stato Islamico nei confronti di cittadini e professionisti europei, e il flusso continuo di migranti disperati in fuga da una vita che non è più di loro proprietà.

Questo libro non racconta le storie di James Foley o di Alan Henning, vittime sacrificali del mondo occidentale in nome della propaganda terroristica dell’Isis, questo libro prova a svelare i retroscena dei cosiddetti rapimenti a lieto fine, che al contrario di quanto si possa immaginare, tutto hanno fuorché dei risvolti positivi. Non è un mistero infatti che gli stati occidentali, per quanto barricati dietro alla fitta coltre fatta di tutte le smentite del caso, pagano sempre per la liberazione degli ostaggi, e così facendo non fanno altro che alimentare il fuoco di quella che secondo l’autrice è una vera politica demenziale.

È così che si mette in moto il processo che nell’ultimo decennio è diventato inarrestabile e che nel solo 2015 ha fruttato al Jihadismo criminale oltre 2 miliardi di euro.

Da qui parte la sottile linea rossa che dai rapimenti porta alla tratta commerciale degli uomini, un modello di business infallibile secondo la ricostruzione attenta e puntuale della Napoleoni, abile a districarsi tra negoziatori, operatori dell’intelligence, giornalisti freelance e volontari umanitari. Un sistema che arriva quindi a coinvolgere tutti, e che per certi versi, conviene anche a tutti.

«Durante le mie ricerche ho avuto la netta sensazione che i rifugiati siano una merce per tutti, una fonte di reddito e di guadagno. Il business costruito intorno al loro dramma dà lavoro a centinaia di migliaia di persone in tutta Europa. A volte si tratta di incarichi part-time, ma sono pur sempre posti di lavoro in un’economia afflitta da una disoccupazione a due cifre.»

Recensione di Andrea Papa

Indice

Prefazione

Prologo. Il negoziatore

I. Sulle rotte del contrabbando

II. Libia, il circolo vizioso

III. L'economia della pirateria

IV. Il caso Leopard e le complicità della diaspora somala

V. Cortine di fumo e giochi di specchi: la guerra civile siriana

VI. Come si paga un riscatto

VII. L'ora cruciale: anatomia di un rapimento

VIII. Da cacciatori di notizie a prede dei sequestratori

IX. La mitologia degli ostaggi occidentali

X. La fine della verità

XI. Una partita a scacchi con la vita degli ostaggi

XII. Un incontro rivelatore

XIII. Dai rapimenti alla tratta, un unico business

XIV. Da pirati a trafficanti d'uomini

XV. Una storia d'amore tra rifugiati

XVI. Il boomerang politico

Epilogo. Le lunghe notti della politica

Glossario

Note

Ringraziamenti

Indice analitico