Metafora e vita quotidiana

George Lakoff,Mark Johnson

Curatore: P. Violi
Editore: Bompiani
Edizione: 2
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 12 gennaio 2005
Pagine: 294 p., Brossura
  • EAN: 9788845233609
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Per Lakoff e Johnson la metafora è il meccanismo fondamentale non solo del linguaggio quotidiano, ma anche del nostro stesso funzionamento cognitivo. È praticamente impossibile parlare, e di conseguenza pensare, senza fare ricorso a meccanismi metaforici, perché la metafora è lo strumento linguistico che meglio di qualunque altro esprime la nostra interazione corporea col mondo. Analizzandone alcuni sistemi metaforici di base che organizzano in modo sistematico la nostra quotidianità, gli autori dimostrano come pensiero e linguaggio siano condizionati dalla nostra struttura percettiva e come non siano possibili un pensiero e un linguaggio disincarnati e privi di metafore.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mario Ciusa

    13/02/2016 17:23:55

    Trovo assurdo che in Italia si concedano nuove edizioni a libretti come questo e non a capisaldi spariti dagli scaffali della critica letteraria quali "Letteratura europea e medioevo latino" di Curtius. Il libro di Lakoff e Johnson è semplicistico e ripetitivo, senza che la ripetizione continua aggiunga nulla al già detto. Vi sono all'interno delle affermazioni (soprattutto di stampo non strettamente linguistico) a mio giudizio addirittura abbastanza contestabili. Mi riferisco, ad esempio, all'avvicinamento della guerra al concetto di razionale. Si capisce cosa i due autori vogliano dire, ma, per stare in tema, si muovono su un terreno minato. Visto che i due studiosi tengono a spiegare i rapporti tra parole e processo conoscitivo del mondo avrebbero dovuto quantomeno prestare attenzione ad usare l'aggettivo "razionale" su un fenomeno barbaro come la guerra. Purtroppo la superficialità dell'indagine non tocca solo il livello formale dell'opera, il come è scritto, ma, come detto, anche quello dei contenuti. Insomma, delle circa 300 pagine se ne possono leggere le prime 50 e cercare informazioni più dettagliate e meno superficiali altrove, in vari altri testi. Bompiani, ridacci tra gli scaffali Curtius, Eagleton, Goldmann, Szondi, Mukarovskij, e lascia perdere questi due signori.

  • User Icon

    Nicola Rossi

    14/11/2005 01:28:14

    Un buon libro. Riesce ad essere convincente su ciò che costituisce "metafora" per gli autori. La cosa più interessante è che si inizia ad interpretare le proprie azioni quotidiane e i propri pensieri quotidiani in termini metaforici! cioè il libro stimola la riflessione sulla propria conoscenza e sui perché abbiamo una conoscenza fatta in un certo modo piuttosto che in un altro. La parte più squisitamente filosofica la trovo un po' banale e ingenua. Due pecche: 1) l'assenza quasi completa di bibliografia e note, 2) una certa ridondanza nelle argomentazioni (ma forse è studiata per riuscire più convincenti!).

Scrivi una recensione