Le Metamorfosi di Pasquale

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Gaspare Spontini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Dynamic
Data di pubblicazione: 5 luglio 2019
  • EAN: 8007144078362

€ 33,90

Punti Premium: 34

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Libretto di Giuseppe Foppa - Teatro G.B. Pergolesi, Jesi, Settembre 2018
“Le Metamorfosi di Pasquale” di Gaspare Spontini debuttò a Venezia nel 1802. Questa farsa giocosa per musica in atto unico, su libretto di Giuseppe Foppa, fu l’ultima destinata ad un pubblico italiano. Dopo la prima rappresentazione, infatti, il giovane compositore lasciò l’Italia alla volta di Parigi e poi Berlino, tanto che lo spartito di quest’opera fu creduto smarrito fino al 2016, anno della sua straordinaria riscoperta nella biblioteca dei Duchi d’Ursel in Belgio. Questo doppio CD è una prima registrazione mondiale di una coproduzione fra la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi e la Fondazione Teatro La Fenice di Venezia. Edizione critica di Federico Agostinelli.
  • Gaspare Spontini Cover

    Compositore. Allievo di Sala e Tritto al Conservatorio della Pietà dei Turchini a Napoli, esordì come operista a Roma nel 1796. Attivo per due anni a Palermo (1799-1801), nel 1803 si trasferì a Parigi, dove conquistò il favore di Giuseppina Bonaparte e poi quello di Napoleone. Trionfale fu l'accoglienza alla sua opera La Vestale (1807), che l'imperatore premiò con una donazione di 10.000 franchi. Divenuto praticamente il compositore ufficiale dell'impero, S. colse un altro trionfo con il quasi allegorico Fernando Cortez (1809), che sottintendeva la celebrazione dei fasti napoleonici. Diresse il Théâtre Italien dal 1810 al 1812 e nuovamente dal 1814; ma con la Restaurazione il suo prestigio decadde. Naturalizzato francese nel 1817, tre anni dopo lasciò Parigi per Berlino, chiamatovi da Federico... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali