La mia strada è la tua strada. Meditazioni sul vivere. Vol. 1

Jiddu Krishnamurti

Editore: Mondadori
Collana: Oscar varia
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 252 p., Brossura
  • EAN: 9788804531388
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    uno di passaggio

    08/06/2009 09:22:55

    Mi piacerebbe tanto sapere il perchè non sia mai possibile avere in copertina il titolo originale dell'opera. Scelte editoriali o fantasticherie del traduttore? L'ottima trilogia de "commentaries on living" che vede come primo volume "la mia strada è la tua strada", seguito da "il silenzio della mente" e "senza pensieri", sono indubbiamente tre opere molto importanti, dove l'indice di ognuna, offre subito al lettore la possibilità di approfondire un tema particolare sui vari problemi della vita. Ogni tema, (dopo una breve, attenta e piacevole descrizione ad opera di K sul paesaggio circostante) si sviluppa sotto forma di dialogo reale tra k e l'interlocutore (sempre diverso e dal ruolo sociale più disparato, dal politico o religioso "affermato" al più comune uomo della strada) che, cercando di trovare risposte ai propri dubbi, problemi e sofferenze, si troverà invariabilmente a dover affrontare la lucidità di K nel dispiegare i fatti e le varie argomentazioni, assumendo sempre quel ruolo di specchio per l'altro, affinchè questo possa da se, vedere chiaramente le cose per quello che sono e le varie fughe messe in atto dalla mente per dedicarsi ad altro, evitando così il problema e il modo corretto per affrontarlo. L'editore o il traduttore però, a mio giudizio avrebbero potuto evidenziare meglio la domanda dell'interlocutore e la risposta di k, magari stampando in corsivo l'una o l'altra, o (come già presente in altri testi) semplicemente evidenziando una "k", all'inizio dell'intervento dello stesso. La lettura sarebbe risultata più chiara, anche se un piccolo segno di matita a margine, potrà risolvere questa piccola manchevolezza. Una trilogia che è comunque una raccolta di temi e di dialoghi imperdibile per chiunque cerchi onestamente di coprendere quel messaggio che Krishnamurti per oltre sessan'anni, ha cercato trasmettere all'essere umano per liberarlo da quelle gabbie mentali, fatte di concetti, astrazioni, fantasie dentro le quali la mente condizionata "vive" e si dibatte prigioniera.

Scrivi una recensione