Mingus Ah Hum (180 gr. Import) - Vinile LP di Charles Mingus

Mingus Ah Hum (180 gr. Import)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Charles Mingus
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time Records
Data di pubblicazione: 14 luglio 2017
  • EAN: 8436559462129

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Verso la metà degli anni '50, Charles Mingus aveva ormai fondato le proprie case editrici e di registrazione per proteggere il suo repertorio di musica originale in continua crescita. Aveva inoltre fondato il “ Jazz Workshop”, un collettivo che ha permesso a giovani compositori di vedere i propri lavori eseguiti in concerto e in sala di registrazione. Da quel periodo di fermento creativo nasce l’album “Mingus Ah Um”, un album estremamente personale che ancora una volta mostrava il talento unico di Mingus nello svelare nuove possibilità musicali. Nelle note di copertina del suo album successivo, Mingus Dynasty, il bassista e compositore, parlando Mingus Ah Um, ha scritto: «Il mio ultimo disco, Mingus Ah Um, in cui ogni pezzo era diverso, ha venduto molte migliaia di copie, e sono sicuro che ciò è dovuto al fatto che la gente è stanca di sentire gruppi formati da vibrafono, pianoforte, basso e batteria, che suonano sempre con le stesse dinamiche piatte, con la stessa forma compositiva, con gli stessi colori e sfumature. O le stesse grandi orchestre con quattro o cinque trombe, quattro o cinque tromboni, cinque o sei sassofoni e una sezione ritmica martellante, 1-2-3-4, 1-2-3-4, come se il pubblico non avesse senso del ritmo nella sua mente. E ancora gli arrangiamenti fatti come se ci fossero solo tre strumenti: una tromba, un trombone e un sassofono, con gli altri tre o quattro trombe, tre o quattro tromboni e quattro o cinque sassofoni messi lì solo per rendere il suono più forte dando sostegno armonico allo strumento solista. Cosa definireste questo? Una big band? Una jazz band? Un gruppo creativo? Io scrivo per ottenere un grande suono (e con meno musicisti) pensando che ogni strumento, nella sua individualità, debba suonare in relazione a tutti gli altri all’interno della composizione “. Da questa idea nasce “Mingus Ah Um” che vede tra i musicisti coinvolti: Jimmy Knepper, John Handy, Booker Ervin e Curtis Porter (Shafi Hadi).
Disco 1
1
Better Get It In Your Soul
2
Goodbye Pork Pie Hat
3
Boogie Stop Shuffle
4
Self-Portrait In Three Colors
5
Open Letter To Duke
6
Bird Calls
7
Fables Of Faubus
8
Pussy Cat Dues
9
Jelly Roll
  • Charles Mingus Cover

    Contrabbassista e compositore statunitense di jazz. Strumentista di eccezionale tecnica e talento, esordì con Louis Armstrong (1941-43), suonando poi nelle orchestre di Lionel Hampton (1946-48) e Duke Ellington (1953), accanto a Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Bud Powell e Max Roach (concerto di Toronto, 1953) e quindi in proprio. La sua musica, caratterizzata da un pregnante contrasto di violenze e dolcezze, partiva da reminiscenze liriche di Ellington e da una originale utilizzazione del gospel e del blues; pervenne in lavori di ampio respiro come Pithecanthropus Erectus (1956) e The Black Saint and the Sinner Lady (suite per balletto, 1963) a esprimere, in chiave esistenziale, la tensione fra bianchi e neri. Dotato di straordinarie doti «catalizzatrici», M. fu l'animatore di piccoli gruppi... Approfondisci
Note legali