Categorie
Traduttore: T. Dobner
Collana: Pickwick
Edizione: 3
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 400 p.
  • EAN: 9788868361556

28° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Horror e narrativa gotica - Narrativa horror

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianmarco

    07/08/2015 15.52.44

    Divorato in tre giorni. Tesissimo e coinvolgente. Più scorrevano le pagine e più l'ansia e la tensione aumentavano. Annie è un personaggio memorabile. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    furetto60

    27/05/2015 14.49.31

    Uno dei migliori romanzi di King, non (sol)tanto per la tensione narrativa (il finale si può intuire, ma che importa? Ciò che conta è COME ci si arriva), quanto per la dettagliata descrizione dei personaggi, dalla lucida (e consapevole) follia di Anne, alla passione, evidentemente autobiografica, dello scrittore. La passione per la scrittura è evidenziata come mezzo d'espressione ma anche come ciambella di salvataggio, il buco nel foglio si rivela più forte delle debolezze personali. E dei propri demoni.

  • User Icon

    stefano

    16/01/2015 13.11.48

    Ho letto questo romanzo molti anni fa, ma è rimasto il migliore che abbia letto di S. King. L'atmosfera opprimente, una nevicata infinita, un incidente dall' esito imprevedibile, uno scrittore di successo, il personaggio principale, una zitellona psicopatica, il caso vuole che i loro destini s'incrocino; tutto è stato creato per catturare letteralmente l'attenzione del lettore. La storia è geniale e risulta ancora oggi accattivante e carica di suspense. L'intersecarsi delle vicende, la progressiva escalation, fino al definitivo scontro, lo stesso finale inatteso, rendono questo racconto gustoso e divertente.

  • User Icon

    Anonimo

    08/10/2010 09.08.35

    Sono d’accordo anche io sul fatto che sicuramente è stato scritto da uno scrittore di talento. E’ il mio primo romanzo di Stephen King (e credo che sarà anche l’ultimo) e devo dire che mi aspettavo di meglio. Originalissimo il personaggio di Annie. La trama è molto lineare. La maggior parte del romanzo è di tipo riflessivo, spiega cioè (spesso attraverso metafore devo dire ben azzeccate), tutti i pensieri del protagonista e tutte le sue sensazioni. La suspance cresce di molto, ma purtroppo solo in alcuni punti cruciali della storia. Il finale è scontato: si sarebbe potuto prevedere già dalle prime pagine… Lo sconsiglio a chi ama l’intreccio, l’azione, la suspance, un finale mozzafiato.

  • User Icon

    zombie49

    02/09/2010 16.30.46

    Uno scrittore rimane vittima di un incidente stradale tra le montagne del Colorado e, gravemente ferito, viene soccorso da un’infermiera, fanatica ammiratrice dell’eroina popolare da lui creata, Misery. Ma Annie è pazza e tiene prigioniero Paul, sottoponendolo a terribili sevizie, xché scriva solo x lei un nuovo romanzo su Misery. La storia è avvincente nella sua semplicità e si basa su due temi fondamentali: l’istinto di sopravvivenza comunque sia, insito in ogni essere vivente a dispetto della ragione e la genesi di un’opera letteraria. King racconta qui il “mestiere dello scrivere” in modo molto più interessante che nelle opere successive ad esso dedicate: è la droga dello scrittore, il “buco nella carta” che è indispensabile riempire. Uno dei migliori thriller di King e bellissimo film.

  • User Icon

    unalettrice

    25/02/2010 12.14.22

    Il libro non mi è piaciuto. L' ho trovato alquanto ridicolo.

  • User Icon

    KINE

    31/08/2008 15.41.17

    Grande il personaggio di ann. Meraviglioso. Il libro, a parte le pagini iniziali, è di uno scrittore di talento e si vede. Grandi complimenti per l'idea. Ha ciccato poche volte quando descriveva di scrittori. Deve essere stata una sua fobia, qui molto ben rappresentata.

  • User Icon

    zogno gian luca

    18/01/2008 23.48.00

    Complimenti al genio King per questo grande romanzo.Sicuramente una perla nel firmamento di un grande scrittore.A mio avviso uno dei migliori in assoluto.

  • User Icon

    Jackal

    18/05/2006 23.07.51

    Quando Misery uscì, molti fedeli lettori ci rimasero male poichè in questo libro King attacca in modo esplicito l'insaziabilità del lettore (del fan numero uno). Quando Annie prende in ostaggio Paul Sheldon, siamo noi che prendiamo in ostaggio Stephen King per costringerlo a scrivere storie sempre più belle e originali. Come in molti altri suoi romanzi, King prende a prestito la sua vita di scrittore e la traspone nella materia narrativa, donandoci le sue più belle pagine di prosa. Questo libro è sicuramente uno dei suoi più riusciti, che fa parte del gruppo di capolavori usciti negli anni ottanta che talvolta rimpiango.

  • User Icon

    Lauretta

    05/11/2004 22.06.43

    Perchè mi sorprendo ancora? Ormai dovrei sapere che King è il migliore quando si tratta di scrivere libri horror ma ogni volta che rileggo questo libro mi piace sempre di +!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione