Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali (Blu-ray + Blu-ray 4K Ultra HD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Tim Burton
Supporto: Blu-ray + Blu-ray Ultra HD 4K
Numero dischi: 2
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 14,99

€ 24,99
(-40%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray + Blu-ray Ultra HD 4K

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 24,99 €)


Da una delle serie young adult più amate di sempre, lasciatevi incantare da un mondo meravigliosamente speciale

«Se c'è un regista riconoscibile anche da poche immagini, quello è senz'ombra di dubbio Tim Burton.»La Repubblica

«Burton doc, proprio per quanto miscela personaggi e forme dal suo cinema, mistery fantastico delle età della vita»La Stampa

«Tim Burton, un regista mai scontato, autore sempre alla ricerca di una chiave poetica, fantastica, visionaria»Il Giornale

Sulle tracce di alcuni indizi collegati a un mistero che attraversa epoche diverse e realtà alternative, Jake scopre un rifugio segreto noto come "Casa dei ragazzi speciali di Miss Peregrine". Approfondendo la conoscenza delle persone che vi abitano e scoprendone le insolite abilità, il ragazzo si rende conto che la sicurezza è un'illusione e il pericolo è in agguato sotto forma di potenti nemici nascosti. Jake deve capire non solo che cosa è reale e di chi può fidarsi, ma anche chi è lui veramente.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mario

    11/05/2020 19:12:10

    E' un film con molti aspetti surreali, come tutti i film di Tim Burton, e non vengono risparmiati particolari raccapriccianti e mostri crudelissimi, che però come nella migliore tradizione vengono sconfitti. Non capisco che si dica che non è un film per bambini, a meno che non si tratti di bimbi piccolissimi non in grado di capire la vicenda, i personaggi, i temi, il senso della storia che sono al contrario molto delicati, molto pieni di sentimenti positivi e stimoli "burtoniani", cioè surreali sì ma che fanno riflettere. E tutto ciò con un pathos, una suspence, effetti speciali da urlo! Se i bambini sono intelligenti, lo vorranno vedere due volte di seguito, come è successo ai miei figli.

Un film ispirato e personale, abitato in un mondo di infanzia eterna

Trama
Jacob ha sedici anni, una madre distratta e un padre pragmatico. Timido e impacciato è cresciuto col nonno, Abraham Portman, sfuggito alle persecuzioni naziste e riparato in un orfanotrofio diretto da Miss Peregrine. Di quell'infanzia, spesa in un'isola a largo del Galles, Abraham racconta meraviglie incantando Jacob e cogliendone la natura peculiare. Perché Jacob, proprio come suo nonno, è un ragazzino speciale che scoprirà la sua vocazione in circostanze drammatiche. Alla morte del nonno, ucciso dal suo peggiore incubo, Jacob decide di lasciare la Florida per il Galles, alla ricerca di qualcosa che possa spiegare le sue ultime volontà. Spiaggiato sull'isola, scopre molto presto che Miss Peregrine non era un'invenzione di una mente senile ma una giovane donna che accudisce ragazzi con doni speciali. Doni che mostri avidi e voraci vorrebbero possedere. Protetti da un loop temporale, Jacob e compagni risponderanno alla minaccia.

Fuoco, invisibilità e sguardi che pietrificano sono solo alcuni dei super poteri che hanno i protagonisti di Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali, il nuovo film di Tim Burton tratto dal libro del 2011 di Ransom Riggs. A differenza degli X-Men o dei maghetti dei libri della Rowling, questi bambini non si muovono tra noi, ma all’interno di un grande loop temporale che gli fa rivivere lo stesso giorno del 1943, unico modo per restare al sicuro e sfuggire agli attacchi dei “vacui”, cattivoni senza pupille che vogliono ucciderli per ottenere l’immortalità.

Un po’ un casino, vero? Forse sì, perché di cose, nel nuovo film di Tim Burton, ne capitano parecchie – forse troppe.

Ma torniamo ai nostri giorni, perché si parte proprio da qui e da Jake Portman, ragazzino che inizia a credere che i racconti del nonno – che giura di essere cresciuto in quel mondo magico – non siano frutto di un anticipo di Alzheimer ma di qualcosa di reale, e che potrebbe essere responsabile della sua morte misteriosa. Inizia così la sua avventura tra America e Europa, presente e passato, alla scoperta delle sue radici e in continuo pericolo tra i bombardamenti nazisti della Seconda Guerra e mostri di ogni tipo.

Riuscire a incastrare tutti i pezzi della trama nelle due ore di film potrebbe risultare un tantino faticoso se non avete letto il libro. Inoltre, l’abbondante utilizzo di tecniche di animazione digitale vi riporterà a tratti a respirare le atmosfere diabetiche del non riuscitissimo Alice in Wonderland del 2010.

Tolti questi due aspetti, difficilmente non sarete affascinati dalla spocchia che Eva Green mette nell’interpretare quella Mary Poppins goth che è Miss Peregrine e dalla follia del personaggio di Samuel L. Jackson, capo dei cattivi, oltre che da alcune scene decisamente punk, come la lotta dell’esercito degli scheletri al luna park. 

La Casa dei Ragazzi Speciali non è un film che entrerà nella storia, ma se siete tra quelli che, come il sottoscritto, tra il credibile e l’incredibile scelgono sempre e comunque il secondo, non ne sarete delusi. Voto 3/5 

Recensione di Filippo Ferrari

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2017
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1); Inglese (Dolby Atmos)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Contenuti: Storia di peculiarità - Anello temporale: La casa di Miss Peregrine / Torre di Blackpool - Vacui ed Ex-Vacui - Gli "Speciali" - Video musicale di Florence + The Machine - Galleria di immagini
  • Eva Green Cover

    Propr. E. Gaëlle G., attrice francese. Figlia dell’attrice M. Jobert, dopo vari anni di gavetta teatrale viene scoperta e lanciata da B. Bertolucci che la sceglie come protagonista femminile del suo The Dreamers - I sognatori (2003), dove interpreta con sensuale dolcezza il ruolo di una studentessa in scienze naturali che si lascia coinvolgere in una «pericolosa» relazione a tre con il fratello gemello (L. Garrel) e con un giovane studente americano (M. Pitt). Considerata dalla critica come un ibrido fra la M. Schneider di Ultimo tango a Parigi e L. Tyler in Io ballo da sola, grazie al successo del film di Bertolucci viene scelta da R. Scott per interpretare il ruolo della bella Sybilla nel kolossal Le crociate (2005). Sempre sensualissima in Casino Royale (2006) di M. Campbell, è poi la strega... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali