Editore: Franco Angeli
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 6 aprile 2016
Pagine: 176 p.
  • EAN: 9788846429889
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

«Sono convinto che il lettore apprezzerà questo libro di Sandler e dei suoi colleghi e ne trarrà profitto, sia come esposizione magistralmente sintetizzata di quelli che sono stati i risultati intellettuali raggiunti da Freud, sia come una base di conoscenze molto piacevole ed esauriente con la quale misurare tutti i diversi sviluppi che si sono avuti nella psicoanalisi da allora.» (dalla Prefazione di R. S. Wallerstein)

Freud non tentò mai una revisione metodica ed esauriente della propria opera e del proprio pensiero, di come essi si erano sviluppati ed erano cambiati durante la sua vita. Non riconcettualizzò né ricontestualizzò in modo sistematico le posizioni iniziali alla luce delle revisioni concettuali successive. Tuttavia, una esegesi dettagliata e sistematica della sua opera e del suo pensiero è una necessaria base per comprendere le formulazioni psicoanalitiche successive e lavorare con esse... Per esempio, le concezioni attuali sulle relazioni di oggetto e sulla patologia narcisistica non possono essere pienamente comprese senza una conoscenza delle idee di Freud su concetti basilari quali il narcisismo e il transfert.
È proprio questo il compito che Sandler e i suoi coautori hanno portato a termine con successo in questo libro, riuscendo nella difficile impresa di presentare la struttura dell'opera e del pensiero di Freud nel modo più sistematico possibile.
Ciò può servire come punto di partenza concettuale sia per l'analista esperto e lo studioso di Freud, che in ambito universitario per orientarsi meglio nella nostra letteratura.

€ 25,00

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Indice

Robert S. Wallerstein, Prefazione
Joseph Sandler, Anna Ursula Dreher, Presentazione

Parte I. Fondamenti
I. Lo sviluppo della teoria di Freud
- La prima fase: la teoria del trauma affettivo - La seconda fase: la teoria topografica - La terza fase: la teoria strutturale

I. Assunzioni di base
- Psicoanalisi come psicologia generale - Funzionamento mentale inconscio - L'apparato mentale - Adattamento psicologico - Determinismo psicologico

Parte II. Prima fase: il modello di riferimento del trauma affettivo
I. Il modello del trauma affettivo
- L'apparato mentale nel modello di riferimento del trauma affettivo - Energia mentale - Difese - Processi patogenetici - Trauma mentale - Concetto di nevrosi

Parte III. Seconda fase: il modello di riferimento topografico
I. L'organizzazione dell'apparato mentale
- Topografia - Un commento sull'uso del termine "Inconscio" - Un commento sull'uso del termine "Preconscio" - L'interrelazione tra i sistemi mentali

II. Il sistema Inconscio
- Desideri istintuali - Il funzionamento mentale all'interno dell'Inconscio

III. Il sistema Preconscio
- Caratteristiche e funzioni del Preconscio - Funzionamento del processo secondario

IV. Il sistema Conscio
- Derivati del transfert nel Preconscio - Derivati di transfert nel Conscio - La funzione del sogno - Il processo della formazione del sogno

Parte IV. Ulteriori aspetti
I. Narcisismo e oggetto d'amore
- Lo stato precoce: narcisismo primario - Amore di oggetto e narcisismo residuo - Narcisismo secondario - Una nota sull'ideale dell'Io - Tipi di scelta dell'oggetto

II. Limiti del modello topografico e passaggio al modello strutturale
- Difficoltà nell'uso e nel significato del termine "Inconscio" - Il problema di localizzare le forze della rimozione - Il problema dei valori morali, della coscienza e degli ideali - Il problema della "internalizzazione" - Il problema del narcisismo e del sé - Il problema dell'ansia - Il problema dell'aggressività e delle pulsioni di auto-conservazione

Parte V. Terza fase: il modello di riferimento strutturale
I. Caratteristiche
- Una veduta d'insieme del modello di riferimento strutturale

II. Le tre istanze
- Il Super-Io - L'Es - L'Io