Categorie

Giorgio Amitrano

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 126 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788807840814

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luana

    15/05/2014 19.13.30

    non mi è piaciuto per niente, scialbo, vuoto,uno dei peggiori libri di banana yoshimoto..

  • User Icon

    Giuseppe 83

    05/10/2012 20.10.26

    "Il mondo di Banana Yoshimoto" è proprio come te lo aspetti. Un libro interessantissimo che approfondisce in modo esauriente, semplice e mai banale ciò che si cela dietro l'animo delle opere di questa artista. L'autore propone una prima parte di intervista alla scritttrice e una seconda di analisi del suo stile e delle sue tematiche. Un libro a momenti più interessante degli stessi libri di B.Y.

  • User Icon

    Maunakea

    27/07/2008 19.27.37

    Da brava fan di Banana ho preso questo libro del suo principale traduttore e professore all'Orientale di Napoli forse per capire meglio io stessa cosa mi spinge a comprare anche a scatola chiusa ogni nuovo libro dell'autrice. Il libro mi ha fornito moltissimi punti di riflessione. Fortinatamente è una mescolanza di intervista, considerazioni e saggio, non essendo assolutamente un'intellettuale e leggendo solo per passione non apprezzo più di tanto quelle speculazioni che considero aria fritta come ad esempio, in riferimento al libro, il vuoto parallelismo fra la Yoshimoto e Calvino. All'autore sfugge un particolare: alla mia cultura di 36 enne italiana appartiene pià la Y. che Calvino che so a stento chi sia, da vaghe frequentazioni scolastiche del liceo classico e che non sono interessata ad appronfondire, questo dare per scontato che Calvino sia la mia cultura lo trovo finanche irritante, fortunatamente dopo questa piccola parentesi dedicata agli addetti alla specluazione critica letteraria fine a se stessa, il libro offre molto altro: il concetto messo in parole del fatto che i romanzi della Y. si pongano "al di fuori della barriera, del confine fra vita e letteratura, e possiedono un'energia particolare che riverbera nella nostra esistenza anche a lettura conclusa" erano appunto parole che non riuscivo a trovare, carino l'excursus facendo il parallelismo con lo shojo manga (che ovviamente nonostante la mia età leggo) che non mi toglie dalla convinzione, nel libro evita tra le righe, che la spontaneità della Y. sia dovuta principalmente ad un fatto: che nonostante sia laureata in letteratura, manga a parte, per sua stessa ammissione non è mai stata una accanita lettrice, ecco perchè riesce ad esprimere sensazioni nuove a parer mio, un parere forse inguenuo o volutamente infantile, proprio come le sue opere.

Scrivi una recensione