Categorie

Clive Cussler, Dirk Cussler

Traduttore: P. Mirizzi Zoppi
Editore: TEA
Collana: Best TEA
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 498 p., Brossura
  • EAN: 9788850241040
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 3,72

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dan

    19/09/2016 10.42.50

    Scrivo questa recensione per rispondere a quelli che trovano improbabile questa storia.... Oserei dire che tutte le avventure di Cussler sono improbabili, mi spingerei a dire che questo è il suo marchio di fabbrica! Chi acquista un libro di Cussler sa che leggerà qualcosa che, partendo da fatti e realtà veri e attuali (in questo caso si tratta di riscaldamento globale), la storia si svilupperà con colpi di scena e vicende al limite dell'impossibile...ritengo che sia proprio questo il motivo per cui si acquistano i suoi libri. Una lettura coinvolgente che non solo ti fa rilassare, ma anche divertire; esattamente la lettura di evasione che molti desiderano per allontanarsi dalla quotidianità. Quando ci si appresta a leggere un'avventura di Clive Cussler, bisogna essere consci che non stiamo iniziando a leggere un capolavoro della letturatura, ma un libro che, per gli appassionati del genere, ti porterà a vivere emozioni e avventure che, ricordiamolo, sono solo sulla carta... se ci ci aspetta una realtà di vita vissuta, Cussler e tutti i suoi personaggi non sono esattamente i rappresentanti ideali.. Comunque Morsa di Ghiaccio è un libro piacevole, anche se non altezza di altri precedentemente scritti.

  • User Icon

    migliettaser

    03/05/2013 11.31.51

    Mi imbarazza dare un giudizio negativo su un autore che vende centinaia di migliaia di libri e ha numerossimi estimatori , ma come si fa a non dire cosa si pensa? E' la prima volta che leggo Cussler e non lo farò mai più. Sono arrivato fino alla fine del racconto perchè anche "il peggio" attrae come il bello, ma mi chiedo cosa possa dare un libro così scritto male e così farcito di improvabili colpi di scena cosi forzati da sembrare ridicoli? Può forse anestetizzare il cervello di chi non vuole pensare per qualche ora, cosa per altro lecita, ma da un libro ci si aspetta qualcosa di più.

  • User Icon

    ales

    06/04/2011 10.21.00

    Non riesco ad accanirmi sul caro Cussler per una storia che, cambiando il nemico, è bene o male la solita degli altri 30 precedenti, ciò non toglie che questo è il suo marchio di fabbrica, è ciò che lo ha portato al successo. Giudico quindi la storia molto bella e avvincente col suo solito ritmo e con i soliti personaggi che non deludono mai, aggiunti i nuovi come Dahlgreen e i due Baby Pitt che un pò alla volta escono fuori per ritagliarsi una parte sempre maggiore. Forse l'unica nota stonata è stato proprio l'accantonamento delle vicende di Dirk e Summer da metà libro in poi, sarebbe bello vederli un pò più spesso essendo ormai parte integrante della Numa. Ma alla fin fine bastano i soliti Pitt e Giordino per salvare la faccia al nostro Clive.

  • User Icon

    Paolo Pizzi

    09/12/2010 14.29.16

    Un libro sbilanciato: con una sovrabbondante prima parte che strizza l'occhio alle modaiole problematiche ambientali e una striminzita seconda e ultima parte che dovrebbe raccogliere il frutto dei semi gettati durante le prime trecento pagine ma che inevitabilmente delude le aspettative poiché quantitativamente incongrua a soddisfare l'ampia premessa con degli sporadici quanto fortuiti epiloghi paralleli. E' un romanzo involontariamente disgiunto che narra di tante vicende a se stanti che si rendono complementari e raffazzonatamente intersecate solo nel finale. Frutto della stesura a più mani? Probabile. Frutto dell'ormai eclatante disinteresse dello stesso autore per le vicende di quel personaggio che l'ha fatto campare nell'opulenza per quarant'anni? Verosimile. Qualunque spiegazione si cerchi, il risultato, alla luce dei fatti, ahimè non cambia: l'ennesimo deludente libro di Cussler. Deludente non per demeriti particolari, ma per mancati meriti, che i suoi lettori più affezionati sicuramente ricordano con la nostalgia di coloro che nell'ultimo decennio si illudono ad ogni nuova pubblicazione per poi immancabilmente restarne delusi. Se è vero che non è tutto oro quel che luccica è altrettanto vero che non è tutto letame quel che puzza: nel finale ricco d'azione e ironia il ritmo e lo stile di vent'anni fa si ritrovano fugaci, quasi parte di quel sadico gioco di promesse e disattese speranze per il romanzo ancora la da venire: "ma allora riesce ancora a scrivere così?" "Dunque magari il suo prossimo libro..." In fine il solito ultimo lamento è rivolto alla riempitiva prole del protagonista: così inutile e improbabile che persino l'autore (o gli autori) se ne dimenticano per gran parte del libro, dunque perché introdurla all'inizio? Alcuni tra i più grandi capolavori non raggiungono le 200 pagine, non è indispensabile arrivare a 500. Concludendo Morsa di Ghiaccio è un libro che meriterebbe il voto minimo ma la nostalgia del fasto di un tempo è ardua a svanire.

  • User Icon

    Paolo

    12/04/2010 10.24.00

    C'è un misto fra i nuovi personaggi ed i vecchi (ed è qui che sta la parte migliore); pare che Clive abbia capito che non era ancora il tempo di pensionare gli interpreti che l'hanno reso famoso. La storia è uno dei suoi classici, che altro dire ?

  • User Icon

    Andrea

    05/04/2010 14.49.33

    Mi è piaciuto, siamo tornati alle atmosfere di una volta, nonostante ormai al trentesimo libro sia abbastanza chiaro chi vinca, il pecorso e l'intreccio della storia sono tornati ad altissimo livello. mi associo ad un commento precedente : Continua così!

  • User Icon

    Albano

    29/03/2010 13.00.56

    Mi ha deluso. Il buon Cussler sembra avere perso la grinta che ha contraddistinto i suoi primi romanzi. Solamente nell'ultima parte del libro la storia riesce veramente a decollare. Forse è troppo impegnato con la stesura delle serie parallele con i vari co-autori(vedi numa file oppure oregon file alle quali si aggiungeranno le serie dedicate ad Isac Bell e alla Fargo Adventure - i primi volumi sono gia usciti negli stati uniti). A questo punto mi viene da pensare, che abbia scritto suo figlio questo romanzo?

  • User Icon

    Sara

    26/03/2010 13.25.33

    Sono sempre stata una grande fan di Clive Cussler e dei suoi best seller su Dirk Pitt. Sinceramente avevo perso un po' di fiducia nei suoi scritti quando ha fatto apparire Dirk jr e Summer, quasi a voler dare la posssibilità ad un Dik Pitt di continuare con le stesse scene d'azione dei suoi primi libri. Con quest'ultimo romanzo, secondo me, Cussler torna in carreggiata e riesce a scrivere una trama coinvolgente, appassionante, sapendo quando essere serio e quando comico. I dialoghi sono scritti molto bene e le descrizioni dei paesaggi o delle azioni non sono da meno. Continua così Cussler!

  • User Icon

    Salvatore

    22/03/2010 19.16.05

    Bellissima nuova avventura del grande Dirk Pitt e del suo amico Al Giordino.Belle le descrizioni dei luoghi,ma ancora più bella la trovata di un improbabile conflitto tra gli Stati Uniti ed il Canada...lo consiglio vivamente!

  • User Icon

    Fabio De Fanis

    21/03/2010 13.00.36

    brutto, noioso e lento.

  • User Icon

    Alessandro

    20/03/2010 12.28.37

    Classica avventura di Dirk e figli in un intreccio di avvenimenti descritti alla perfezione nel fascino dell'Artico. Bellissimo, lo ho divorato in poco tempo, la lettura scorre fluida per tutta la durata.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione