Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Mortal Engines - Stanislaw Lem - cover

Mortal Engines

Stanislaw Lem

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Penguin Modern Classics
Anno: 2016
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 240 p.
Testo in English
Dimensioni: 198 x 129 mm
Peso: 179 gr.
  • EAN: 9780241269077
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 10,93

€ 11,51
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO INGLESE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 11,51 €)

'A virtuoso storyteller ... a Jorge Luis Borges for the Space Age' The New York Times 'He was a robot-hypochondriac. On his squeaking cart he carried a complete set of spare parts.' A freighter pilot leads a manhunt across the Moon for a robot gone berserk; a shapeshifting assassin falls in love with the man she's programmed to kill; a paranoid King converts his kingdom into his artificial mind, but his dreams rebel. These stories range from surreal fables that satirically turn the fairy tale on its head, to longer works including the man vs. robot thriller, 'The Hunt', and possibly fiction's strangest love story, 'The Mask'. InMortal Engines Stanislaw Lem lays bare humanity's clash with machines, masterfully exploring science fiction's furthest frontiers.
  • Stanislaw Lem Cover

    Ha esordito dopo la guerra con versi e racconti brevi (L’uomo di Marte, 1946). Nel 1951 è uscito il suo primo romanzo di fantascienza, Il pianeta morto, cui ha fatto seguito un romanzo autobiografico sul periodo dell’occupazione nazista, Il tempo non perduto (1955). Ma L. ha poi virato decisamente verso la fantascienza, esplorando il genere in profondità e conferendo ad esso una nuova identità attraverso una lunga serie di romanzi e di racconti: La nuvola Magellano (1955), Memorie di un viaggiatore spaziale (1957), Ritorno dall’universo (1961), Solaris (1961, da cui A.Tarkovskij avrebbe poi tratto l’omonimo e film), L’Invincibile (1964), Cyberiade (1965), Insonnia (1971), Raffreddore (1975), Golem XIV... Approfondisci
Note legali