La morte ci sfida

Joe R. Lansdale

Editore: Fanucci
Collana: Tif extra
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788834714188
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 4,95

€ 9,90

Risparmi € 4,95 (50%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rain

    04/10/2015 17:41:35

    che dire nella prefazione il vecchio landsdale dice tutto "questo non è un libro per grandi riflessioni" e così è storia scarna lineare senza troppe tiritere che fila che è una bellezza per tutte le 190 pag. che si divorano in poche ore accompagnati dal reverendo jeb con i suoi tormenti e la sua fida .36 army a sterminare orde di zombi in un paesino texano dove il sangue e altre parti anatomiche scorrono a fiumi assieme al piombo. lettura veloce piacevole e divertente

  • User Icon

    TG

    17/06/2012 17:20:42

    Si,devo dire che come primo libro di Lansdale mi è piaciutio molto,non avendo mai letto qualcosa horror.In più nel prenderlo in libreria mi ha aiutato l'ambientazione da Far West.Leggerò sicuramente qualcos'altro su di lui!Anche perchè si lascia leggere con molta fluidità!

  • User Icon

    Mario

    02/04/2011 16:36:04

    Ecco come deve essere un romanzo! Basta con i salamelecchi esistenzialisti, con le prediche velate, con le storie di autori del cavolo che si spacciano per maestri di vita con le loro storie d'amore e i loro personaggi che fanno venire il latte alle ginocchia! Basta! Vogliamo Lansdale! Vogliamo i personaggi bastardi, che usano la pistola anche per aprire la porta di casa, che cadono in mezzo ad avventure dove se non cominci a sparare o a menare cazzotti rischi di perdere ancor prima di un battito di ciglia. In questo racconto lungo Lansdale ci offre azione e intrattenimento, rade al suolo qualsiasi pretesa di dramma psicologico/esistenziale/amoroso e tira fuori un'ottima storia. Una cittadina del West, una maledizione indiana, un reverendo con la pistola e un'orda di zombie in attesa nel buio... tutto condito con piombo rovente e sangue a fiumi. Persino la "storia d'amore" è ridotta a minima cosa (non la credevo possibile in romanzo del genere, nemmeno così breve) e meno male! Un Lansdale forse acerbo ma già con uno stile da bastardo che ti acchiappa e ti inchioda in un punto della strada da cui puoi vedere tutto, proprio come se fossi al centro dell'azione. Le vicende, con il loro intreccio molto poco intrecciato, lineari e sequenziali, permettono una lettura rapida (io l'ho finito in tre ore) e coinvolgente, per cui direi che l'appellativo di "b-movie su carta" calza a pennello. Nota stonata l'edizione e la traduzione, molto probabilmente fatta in fretta e furia. Spero che pubblichino altri romanzi western di JL, d'altronde l'ho sempre conosciuto come eccellente autore di storie di Frontiera.

  • User Icon

    Massimiliano Della Mora

    12/11/2010 10:58:11

    È logico che leggere questo libro significa soltanto due cose: amare il genere, o essere un accanito fan di Lansadle. I primi troveranno pane per i loro denti e sicuramente non rimarranno delusi da pagine da leggersi tutto d'un fiato. I secondi (come il sottoscritto) non faranno altro che ammirare la straordinaria capacità dello scrittore americano nel sapersi districare magistralmente in ogni sfida letteraria.

  • User Icon

    Alessio

    11/02/2010 10:12:09

    È proprio come un film dell'orrore di serie B. Però si lascia leggere.

  • User Icon

    Moreno C.

    18/12/2009 16:05:26

    Nella dedica-prefazione di 'La morte ci sfida' Lansdale in persona dice: "Questo non e' un libro di 'grandi riflessioni'. Piu' che altro e' come i film dell'orrore che guardavi la sera tardi". Noi ringraziamo per le ore di divertimento che il romanzo ci ha procurato e con lo stesso onesto spirito delle parole di cui sopra diciamo che e' un libro che non ha nessun valore.

  • User Icon

    Pamela

    31/08/2009 17:57:18

    Lansdale voleva scrivere un libro splatter, e gli è riuscito a meraviglia.

  • User Icon

    buricio

    02/08/2009 21:10:04

    Si legge e pare di essere al cinema a vedere un B-Movie targato Rodriguez, tanto è cinematografico il racconto di Lansdale. Per gli amanti del (sotto)genere, c'è tutto quello che ci si può aspettare. Gratificante.

  • User Icon

    Claudia

    19/11/2008 17:03:03

    Sarà... ma la mia opinione è pessima: non lasciatevi trarre in inganno dal nome dell'autore, ha scritto mooolto di meglio e questo libro è una sorta di barzelletta pseudo horror. Peccato

  • User Icon

    Emiliano

    29/07/2008 13:59:07

    Non è tra i migliori di Lansdale, ma è sempre Lansdale. Divertente e con qualche chicca, si legge piacevolmente

  • User Icon

    Simone

    25/06/2008 18:43:11

    Occorre ricordare che il racconto risale agli anni '80 del secolo scorso. Detto cio', francamente mi e' sembrato talmente inferiore al ivello di Lansdale che non conviene nemmeno abbozzare una critica seria. C'e' scritto che questo romanzo e' dedicato al fratello. Non lo invidio di sicuro.

  • User Icon

    Simone

    03/06/2008 15:08:29

    Puro divertimento. Il libro di Lansdale che più ricorda i folli orrori di certi racconti kinghiani (ed è un complimento). Pulp, horror, western, cinema di serie z, grottesco: tutto frullato per ottenere un mix intrigante, leggero, molto "estivo". Regala un'ora di relax e qualche brivido.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione