Morte di uno sbirro

William Landay

Traduttore: S. Bortolussi
Editore: Fanucci
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788834726860
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 4,16

€ 4,90

Risparmi € 0,74 (15%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vittorio

    08/02/2017 09:21:19

    Un noir elegante, mai violento, a volte psicologico e con un finale sorprendente!! Differente da Difesa di Jacob.....Un ottimo libro da leggere!!

  • User Icon

    Filippo

    28/02/2014 15:36:15

    Non mi è piaciuto. Niente a che vedere con "In difesa di Jacob", che invece è un buon libro. Trama non appassionante, assenza quasi totale di colpi di scena, troppi personaggi che si dimenticano e si confondono facilmente. Scontata ed irritante la relazione sentimentale che, ad un certo punto, nasce tra il protagonista ed un altro personaggio del libro. Più volte, durante la lettura, sono stato tentato di abbandonare il libro (per me sarebbe stata la prima volta) per dedicarmi ad altro. Da notare che nel libro si fa espresso riferimento alla trama de "Lo strangolatore di Boston".

  • User Icon

    Francesco

    20/02/2013 14:52:32

    Mi spiace dover abbassare la media dei voti, ma non sono riuscito ad andare oltre pagina 200: una noia!!! Praticamente, a parte il ritrovamento del cadavere, nessun passaggio degno di nota. Voto:2.

  • User Icon

    tapparella 71

    29/01/2013 15:37:06

    "Tanta resa, poca spesa" con questa semplice citazione esprimo il mio giudizio su questo testo. Una storia non particolarmente intricata,quindi la si segue bene, godibile, semplice, ma nonostante tutto ricca di suspance. Un finale che davvero non mi sarei mai aspettato, ti fa godere ancora di più questo libro.

  • User Icon

    Camilletta85

    30/10/2012 21:29:24

    Morte di uno sbirro e' un noir che non delude le aspettative degli amanti del genere, disegnando personaggi imperfetti, ambigui, che si muovono al confine tra il bene e il male.....anime tutt'altro che salve...ma per questo dannatamente reali. Lo "sbirro" di cui parla il titolo diventa il simbolo di una giustizia privata, non meno giusta e rassicurante per il solo fatto che provenga dai tutori della legge, diventa simbolo della fragilità' della condizione umana, che non si scherma dal male attraverso un distintivo. Il libro di Landay brilla per le atmosfere, la scrittura, i colpi di scena e la complessità' psicologica dei suoi personaggi. Davvero riuscito il personaggio di John Kelly, che sembra proprio una citazione in salsa americana del mitico Malone del film Gli Intoccabili.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione