Mr. Peters' Connections

Mr. Peters' Connections

Arthur Miller

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 366,78 KB
  • EAN: 9781101664957

€ 8,31

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Produced in May 1998 in New York and starring Peter Falk, Mr. Peters' Connections takes place, in Miller's own words, in "that suspended state of consciousness when the mind is freed to roam from real memories to conjectures, from trivialities to tragic insights, from terror of death to glorying in one's being alive." Within the confines of his mind, Mr. Peters interacts with the living members of his family and his long-deceased brother and lover, as well as the imaginary Adele, a black bag lady, who is a figment of Peters' imagination and one of Miller's most original characters. "A work of rare honesty and dignity" (Fintan O'Toole, New York Daily News), Mr. Peters' Connections uncoils with ferocious, life-affirming intensity.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Arthur Miller Cover

    Drammaturgo statunitense di famiglia ebraica (padre commerciante di abiti, un fratello - Kermit - e una sorella attrice - Joan Maxime - nota con lo pseudonimo di Joan Copeland) s’impone all’attenzione della critica e del pubblico con il romanzo Focus (1945), sul tema dell’antisemitismo; del 1947 è Erano tutti miei figli (All my sons), dramma incentrato sul conflitto padre/figlio; del 1949 è il successo internazionale di Morte di un commesso viaggiatore (Death of a salesman), il cui protagonista, Willy Loman, stigmatizza con la propria morte la pochezza e l’ambiguità del «sogno americano». Memorabile la versione cinematografica del dramma del 1951 per la regia di László Benedek, con l'interpretazione straordinaria di Fredric... Approfondisci
Note legali