Topone PDP Libri
Salvato in 39 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Una mutevole verità
7,50 €
LIBRO USATO
Venditore: illibroraro
7,50 €
disp. in 2 gg lavorativi disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 4,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
illibroraro
7,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libraccio
6,48 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
11,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
illibroraro
7,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Libraccio
6,48 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Una mutevole verità - Gianrico Carofiglio - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Un buon investigatore deve essere capace di costruire una storia, immaginare che cosa è successo prima e dopo il crimine, come in un romanzo. Poi, costruita la storia, deve andare in cerca di ciò che la conferma e la contraddice. Così pensa il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, piemontese trapiantato a Bari, che si trova a indagare su un omicidio dove tutto appare troppo chiaro fin dall'inizio. Non fosse che al principale sospettato, su cui si concentra ogni indizio, mancava qualsiasi movente per commettere il delitto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
24 giugno 2014
118 p., Brossura
9788806220525

Valutazioni e recensioni

2,6/5
Recensioni: 3/5
(45)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(6)
3
(18)
2
(10)
1
(9)
giacomo
Recensioni: 4/5

Il primo della serie del Maresciallo Fenoglio. Non appassionante come i successivi, comunque scorrevole.

Leggi di più Leggi di meno
AdrianaT.
Recensioni: 1/5

Troppo elementare, Watson!

Leggi di più Leggi di meno
ormos
Recensioni: 2/5

In effetti questo romanzo breve ha poco del sapore vero delle indagini, della ricerca delle prove, della tensione degli interrogatori, dell'analisi indiziaria. Lo stile è proprio di Carofiglio, asciutto ed essenziale, ma forse questa caratteristica non ha giovato alla storia, che è risultata povera di contenuti e quasi affrettata per esigenze di brevità editoriale. Il maresciallo Fenoglio non convince, ho apprezzato altre prove narrative dell'autore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,6/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(6)
3
(18)
2
(10)
1
(9)

La recensione di IBS

Premio Giorgio Scerbanenco - La Stampa 2014 per il Miglior Romanzo Noir italiano edito.

«Questa è la cosa più vicina a un poliziesco classico che abbia mai scritto». Carofiglio parla in questi termini a proposito di Una mutevole verità, il suo libro pubblicato con Einaudi. E in effetti questa è la prima grande sorpresa in cui si imbatte il lettore che di Carofiglio si era fatto sostanzialmente l’immagine di uno scrittore di noir. Tanti sono gli aspetti che fanno propendere questo breve romanzo verso il poliziesco, inserendolo così nella tradizione classica di Sciascia e Scerbanenco, o a guardar più vicino, di Camilleri e Lucarelli.
Ci lasciamo alle spalle l’avvocato Guido Guerrieri, a cui però Carofiglio sembra essere ancora legato (lo dimostra la presenza di un suo cameo nel libro) e conosciamo un nuovo malinconico personaggio: il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, un piemontese trapiantato a Bari.
Non è la prima volta che incontriamo un carabiniere come protagonista dei romanzi di Carofiglio, già ne Il silenzio dell’onda c’era un maresciallo italo messicano, ma questa volta la scelta del personaggio non è casuale visto che siamo nel Bicentenario dei Carabinieri e l’edizione del libro è stata realizzata in collaborazione con l’Ente editoriale dell’Arma.
L’ambientazione resta la stessa di tutti gli altri romanzi: la Bari tanto cara allo scrittore.
Siamo alla fine degli anni Ottanta e Fenoglio si trova ad indagare su un omicidio dove tutto sembra chiaro sin dall’inizio e la soluzione pronta ad arrivare.
Un uomo, dal trascorso torbido, viene ritrovato morto nella sua abitazione, colpito alla gola con un coltello. C’è un testimone chiave: un’anziana vicina che ha visto un ragazzo correre via dall’appartamento della vittima e buttare qualcosa nel cassonetto della spazzatura per poi allontanarsi, in tutta fretta, in macchina.
Il maresciallo fruga nella spazzatura e trova l’arma del delitto, a questo punto con le impronte digitali e la testimonianza della vicina l'indagine volge al termine: gli indizi portano a Nicola Fornelli, un giovane della zona, un ragazzo di buona famiglia. Tutto liscio. Caso chiuso. Ogni cosa è chiara, non fosse che al principale sospettato manchi qualsiasi movente per commettere il delitto. È un’indagine troppo facile per essere vera, Fenoglio sa che qualcosa non quadra, ed è deciso ad andare fino in fondo. Perché un buon investigatore non può sottrarsi alla ricerca della verità, anche se sarebbe meno faticoso accontentarsi della spiegazione più semplice. Il maresciallo intuisce un’incoerenza, un elemento dissonante. La dote dello sbirro è proprio questa: andare alla ricerca delle discontinuità, delle note discordanti. Fenoglio percepisce quello che agli altri sfugge, le presenze o le assenze, come accade nel suo racconto preferito di Sherlock Holmes, Silver Blaze. Sarà proprio la ricerca costante dell’elemento discontinuo che consentirà a Fenoglio di affrontare un’indagine già incanalata nel suo binario e dimostrare quanto mutevole sia la verità. Questo nuovo investigatore, malinconico e misericordioso al punto da ricordare Jules Maigret, rispecchia quelle che per l’autore sono le migliori caratteristiche di un detective: la capacità di dubitare e di non affezionarsi alla prima tesi; il senso dell’umorismo; il saper guardare le cose da un punto di vista diverso.
Fenoglio incarna alla perfezione tutti questi aspetti, ma è anche uno che non dà giudizi morali sull’umanità ed è cosciente che siamo tutti fragili. Un personaggio a tutto tondo vero e indimenticabile di cui speriamo di sentir ancora parlare.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Gianrico Carofiglio

1961, Bari

Magistrato dal 1986, ha lavorato come pretore a Prato, Pubblico Ministero a Foggia e come Sostituto procuratore alla Direzione distrettuale antimafia di Bari. È stato eletto senatore per il Partito Democratico nel 2008. Il suo primo romanzo è del 2002, Testimone inconsapevole, edito da Sellerio. Con quest'opera Carofiglio ha inaugurato il legal thriller italiano. Il romanzo, che introduce il personaggio dell'avvocato Guido Guerrieri, ottiene vari riconoscimenti riservati alle opere prime, tra cui il Premio del Giovedì "Marisa Rusconi", il premio Rhegium Iulii, il premio Città di Cuneo e il Premio Città di Chiavari. Sempre con protagonista Guerrieri, da Sellerio seguono nel 2003 Ad occhi chiusi (premio Lido di Camaiore, premio delle Biblioteche di Roma...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore