Natale in Silver street. Nuove storie del petalo cremisi

Michel Faber

Traduttore: G. Granato
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Pagine: 137 p., Rilegato
  • EAN: 9788806179427
Usato su Libraccio.it - € 5,29

€ 5,29

€ 9,80

5 punti Premium

€ 8,33

€ 9,80

Risparmi € 1,47 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ciomegna

    11/04/2011 13:51:50

    Inutile! Non solo come libro, ma anche come scarti del racconto del petalo cremisi... non aggiunge nulla di nuovo. Leggete solo l'ultimo capitolo e sarete soddisfatti.

  • User Icon

    Elisa

    09/01/2009 19:42:52

    Questi raccontini sono una delusione per chi sperava in un'opera simile a IL PETALO CREMISI E IL BIANCO... Non ricreano pienamente l'atmosfera e possono sembrare un po' miserelli. Ma se presi singolarmente sono piacevoli,gettano un po' di luce sulle sorti di Sugar e compagnia. Concordo con chi ha visto in questo libriccino una mossa editoriale; e un po' con chi pensa che i racconti siano scarti del romanzo. Ciò non toglie che per me sia stata una lettura piacevolissima.

  • User Icon

    Carolina

    30/12/2007 14:40:22

    Raccontini che purtroppo non riescono a ricreare l'atmosfera del "Petalo cremisi", e che continuano a non svelare la storia di Sugar dopo la fine del primo romanzo. Un librettino inutile ma che almeno si legge in poco tempo.

  • User Icon

    simpson

    06/04/2007 13:03:02

    Concordo con la maggior parte di questi commenti, questo libro sembra un pò forzato proprio per cercare il successo ottenuto col "petalo" che non si commenta! Anche se devo ammettere che mi ha fatto piacere leggere che fine ha fatto Sophie, la prima parte del libro però si poteva evitare, secondo me certi racconti non avevano proprio senso, la storia finale le ha fatto guadagnare punteggio.

  • User Icon

    Benedetta

    20/12/2006 22:45:49

    "Il petalo" mi aveva entusiasmato per tre quarti e quel finale da querela al tribunale aveva molto contribuito a ridimensionare la passione iniziale. "Natale in Silver Street" è di gran lunga inferiore, come se Faber avesse riesumato digressioni già scartate per il romanzo precedente. Lo stile e la felicità narrativa rimangono sempre brillantissimi.

  • User Icon

    Simona

    27/07/2006 15:49:40

    DELUSISSIMA: pensavo di poter godere del modo di scrivere stupendo e del contenuto dell'autore del Petalo..." ed invece mi sono ritrovata a leggere qualcosa di orrido, e inconcludente: veramente triste! Non leggetelo o perderete il bellissimo ricordo che vi ha lasciato il "Petalo..."

  • User Icon

    Barbara

    25/06/2006 08:16:55

    Un libro totalmente inutile, atto ad attirare i lettori che hanno amato "Il petalo cremisi e il bianco" e che, non ancora stanchi del romanzo, vengono attirati da questa raccolta di storielle, illusi di poter rivivere la magia. "Natale in Silver Street" non è niente di tutto questo, lascia l'amaro in bocca e un senso di grande insoddisfazione, non aggiunge nulla ma toglie tanto ad un romanzo comunque interessente con'è stato "Il petalo...". Grandissima delusione.

  • User Icon

    Barbara

    04/04/2006 14:37:50

    Anch'io concordo sulla mossa editoriale, e sul fatto che l'autore non ci svela molto sui personaggi...anch'io mi chiedo che fine abbia fatto Sugar. Non do però un voto pessimo a questo libro, perchè, come è già stato detto da altri, Faber ha saputo riportarmi alle magiche atmosfere del petalo in poche righe, facendomi riassaporare personaggi ed atmosfere che sembrano vere e lì ad aspettarmi fuori dalla mia porta.

  • User Icon

    Betty

    22/03/2006 18:56:52

    Sicuramente pubblicato solo per vendere delle copie ma non di certo per raccontarci che fine hanno fatto i personaggi! un po' squalllido

  • User Icon

    Giuly

    07/03/2006 13:25:02

    Non si puo’ negare che dietro la pubblicazione di questa raccolta di racconti ci sia un’abile operazione commerciale, guidata dal successo mondiale del “Petalo” e dalle richieste dei lettori di saperne di piu’ sul conto di Sugar, Agnes, William e dei personaggi che li circondano. In realta’, i racconti non rivelano molto di per se’, Faber non racconta, ma accenna soltanto, abbozza una storia, allude. E come nel “Petalo” i sentimenti hanno il sopravvento sulle azioni: non e’ importante cio’ che accade, quello che conta sono le emozioni e i sentimenti che provano i protagonisti mentre vivono le situazioni. Faber dimostra che in letteratura quantita’ non e’ sinonimo di qualita’. Con pochi brevi tocchi da vero maestro della prosa ci riporta nel mondo dorato (solo in apparenza) della società’ vittoriana ed edwardiana e ci restituisce la magia dei suoi personaggi, per mostrarceli in tutta la loro umanita’ e fragilita’, prima e dopo il “Petalo”.

  • User Icon

    nicoletta

    02/03/2006 08:57:39

    non volevo comprarlo ma l'ho comprato lo stesso. era meglio se non lo facevo. ancora indecisa su che voto dare al PETALO, lo sono meno su questo librettino che pare fatto raccattando i fogli avanzati o cestinati

  • User Icon

    Stella

    21/02/2006 10:04:34

    Salve a tutti, ho appena visto questo sito e scoperto del seguito del petalo cremisi... Lo ammetto, non ne sapevo niente!! Vorrei pregare chi ha trovato il petalo cremisi straordinario (come me che l'ho letto 3 volte) di scrivermi, così ci scambiamo opinioni... ciao!!!!!!!!!!

  • User Icon

    ELEONORA

    25/01/2006 10:52:11

    QUESTO LIBRO E' SOLO UNA PRESA IN GIRO. HO NOTATO UNA MASSIMA ATTENZIONE A NON SVELARE NULLA DI NUOVO SUL DESTINO DEI PERSONAGGI, FORSE PER NON PRECLUDERSI LA POSSIBILITA' DI UN SEQUEL.UN'OPERAZIONE COMMERCIALE SECONDO ME NON PROPRIO RIUSCITA. LO STILE DI FABER RIMANE COMUNQUE INIMITABILE.

  • User Icon

    Anna

    23/01/2006 20:45:20

    Faber è insuperabile ... ma ahimè questi brevi racconti lasciano un pò l'amaro in bocca. Un'occasione buttata via forse per sfornare un libro "non finito" per il periodo natalizio. Peccato davvero!

  • User Icon

    mo saunders

    02/01/2006 13:01:58

    ritornano dopo qualche anno le atmosfere vittoriane del petalo...inutile dire che ho prenotato il seguito delle "miserie e splendori" (chi ha letto sa...) di miss sugar, appena ho saputo della sua esistenza...il petalo è un gran libro e il suo autore ha una capacità descrittiva al di fuori del comune...lo ritroviamo un po' fiacco nel seguito, che riporta le stesse atmosfere, ma in maniera più fugace e superficiale...troppo tangenziale il flashback su sugar, che certo meritava il primo piano in questa raccolta...da decifrare il significato della posizione di clara nel seguito...alla fine del suo racconto ti chiedi "perchè?"...bellissimo lo squarcio delle suffragette tra cui militava sophie, e i lati un po' oscuri del racconto a lei dedicato, non lasciano affatto scontento il lettore...william...beh...delirio di un uomo ammalato, che fa capire quanto fosse legato alla nostra sugar, contrariamente a quanto aveva lasciato intendere nel petalo, dove sugar viene praticamente sbattuta fuori da quella casa che sentiva sua...il petalo è insuperabile...la tua scrittura, caro michel faber, è insuperabile...il petalo le rendeva giustizia da solo...col seguito siamo tutti più tranquilli sulla fine di sophie...un po' meno su quella, ancora oscura, di sugar...ma ripeto, con o senza, il primo grande romanzo di questo autore rimane uno dei più bei romanzi vittoriani degli ultimi tempi. ergo...racconti fondalmentalmente inutili per chi si è accontentato del petalo...scrittura tuttavia eccellente, come sempre...da leggere.

  • User Icon

    Michela

    28/12/2005 19:50:19

    E' bello aver ritrovato alcuni dei protagonisti del Petalo in questa breve raccolta di racconti. Peccato, però, che di Sugar si parli solo al passato, prima che incontrasse William Rachkam..e poi un breve accenno nell' ultimo racconto, dove se ne parla come di una benefattrice truffaldina. Insomma, spero vivamente che Michel Faber ci proponga un seguito degno dei personaggi e dell' atmosfera vittoriana che il Petalo mi aveva fatto scoprire.

  • User Icon

    Isabella

    23/12/2005 12:08:35

    Da fanatica del Petalo sono corsa a comperare questi racconti, delusa? Ma si potrebbe andare avanti all'infinito a leggere cosa è successo. Onestamente temo il filone ... Faber è bravo ma non è la lui la nostra Miss Sugar che scappa e non si sa dove andrà e cosa farà. non è che il figlio di Sophie assomiglia un po'troppo a Forrest Gump ? è sempre testimone di grandi eventi

  • User Icon

    Paola

    21/12/2005 09:37:33

    E' evidente che la casa editrice doveva sfornare un libro prima di Natale. Ritrovi la scrittura di Faber ma i racconti non sono il proseguo del superlativo Il Petalo... Scusate, ma Miss Sugar si può sapere che fine ha fatto? Probabilmente dobbiamo aspettare il prossimo Natale.

  • User Icon

    ALESSANDRA

    06/12/2005 13:48:33

    ho ritrovato il Faber del petalo...bello...peccato che troppo breve.da leggere.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Chi non ha nostalgia della Londra del 1875 così meravigliosamente ritratta da Michel Faber? O per la folla di memorabili personaggi, da William Rackham, l'erede dell'industria profumiera, alla piccola Sophie, ma soprattutto l'indimenticabile prostituta Sugar? Per tutti coloro che, dopo le mille pagine del Petalo cremisi e il bianco, ancora non ne hanno avuto abbastanza e che, anzi, muoiono dalla voglia di sapere che fine hanno fatto Sugar e Sophie, ecco una silloge di short stories che raccontano gli antefatti e gli epiloghi del romanzo che ha appassionato i lettori di tutto il mondo.
Lo scrittore olandese, cresciuto in Australia, dopo il repentino successo del suo libro d'esordio e i successivi Sotto la pelle e A voce nuda, offre ai lettori l'occasione di immergersi nelle ovattate atmosfere della Londra vittoriana magistralmente rievocate dalla sua fervida fantasia, per scoprire i segreti dei suoi personaggi più amati. Apre la raccolta un raconto che ha per protagonista una Sugar ancora diciassettenne, intitolato appunto Natale in Silver Street: è il 25 dicembre del 1872 e la ragazza se ne sta malinconica nella sua stanza tra le mura del bordello di Mrs Castaway, quando l'incontro con un piccolo sguattero le restituisce la magia dello spirito natalizio. Dopo di lei l'autore si diletta a ritrarre la buona Emmeline Curlew, impegnata a combattere "via posta" una sua guerra personale, giusta e inoffensiva, contro la schiavitù, e segue le riflessioni di William Rackham, ormai anziano, ossessionato da un misterioso fantasma femminile. Ci svela, infine, attraverso il racconto del figlio di Sophie, la sorte dell'erede di William fuggita con Sugar.
Caratterizzati da uno stile piacevole e da raffinate invenzioni narrative, questi sette nuovi racconti non solo susciteranno la curiosità di chi ha amato il Petalo cremisi ma piaceranno anche ai lettori che ancora non conoscono il mondo e i personaggi di Michel Faber.