Native Dancer

(180 gr.)

Artisti: Wayne Shorter
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Data di pubblicazione: 11 marzo 2016
  • EAN: 4260019715036

€ 36,90

Venduto e spedito da IBS

37 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Ponta de Areia; Beauty and the Beast; Tarde; Miracle of the Fishes; Diana; From the Lonely Afternoons; Ana Maria; Lilia; Joanna's Theme
I vertici della casa discografica Columbia dovevano avere molta fiducia nei confronti di Wayne Shorter se nel 1974 gli misero a disposizione uno studio di registrazione e i finanziamenti necessari per realizzare un disco così elaborato e costoso. A distanza di oltre quarant’anni dalla sua uscita, ancora oggi nessuno può dire con certezza se gli ingenti costi di produzione siano stati coperti o meno dai proventi derivanti dalle vendite. D’altra parte questo fatto appare del tutto secondario, visto e considerato che negli anni Settanta la Columbia aveva sotto contratto altri gruppi pop di grandissimo successo, che le avrebbero permesso di ripianare agevolmente eventuali perdite. Per questo disco Shorter decise di presentare cinque brani di Milton Nascimento, tre lavori scritti da lui stesso e uno fornito da Herbie Hancock. Fatta eccezione per Herbie Hancock e Airto Moreira, tutti i musicisti che fanno parte della band messa insieme da Shorter sono relativamente sconosciuti, ma nonostante questo dimostrano tutti di essere in grado di integrarsi a meraviglia e di dare un contributo molto personale. L’aspetto più affascinante di questa musica è costituita dalla bellezza dei suoi temi e dall’evidente affinità con la musica popolare brasiliana. Nelle note di copertina Wayne Shorter mette in evidenza l’autenticità e l’assoluta serietà che tutti i suoi musicisti dimostrarono durante le sessioni di registrazione. Questo fatto appare evidente in ogni secondo di musica di questo disco, anche oltre quarant’anni dopo la sua realizzazione. Date queste premesse, non esiste nessuna ragione migliore per inserire Native Dancer nella vostra collezione di vinili, magari accanto a Speak No Evil e a Supernova. Detto per inciso, con Wayne Shorter non si può sbagliare, per cui potete acquistare questa rimasterizzazione della Speakers Corner senza se e senza ma.