Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz

Geoff Dyer

Traduttore: R. Brazzale, C. Carraro
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Pagine: 330 p., Brossura
  • EAN: 9788806212490
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    09/05/2017 07:22:47

    In ogni giro di pagina di questo deliziosissimo libro sembra aleggiare a perfezione quella celebre frase di Ralph Ellison: "Il jazzista deve perdere la sua identità anche mentre la trova. E' la contraddizione crudele implicita in quella forma artistica". E' proprio così. Per una di quelle leggi insondabili nella loro arcaica essenza, scaturite chissà da quale consumatissimo astuccio di un Dio senz'altro autodidatta, il jazz è appunto un perdersi per riaversi. Somma meraviglia. Se in effetti ascoltassimo per cento sere diverse All of me o Tenderly o Misty o Easy to love queste non sarebbero mai, mai, mai le stesse, ma come rivoltate da dentro in un giocoso vortice che, facendocele totalmente perdere per lunghi minuti, poi ce le restituisce come messe a nuovo, tirate a lucido, in un impensabile abito ogni sera diverso che è davvero il timbro definitivo su quella che - almeno per me - è la musica assoluta. La più disubbediente e libera, dolcissima e scaltra nelle sue incantevoli magiche storture. L'unica in grado di salutare ogni norma sullo spartito e andarsene anarchica per i suoi mondi su arie che nessuno mai potrebbe afferrare o inseguire. Mai, è un segreto dentro un segreto. Per questo e altri splendidi motivi il libro di Dyer vale davvero spesa e lancette, perché abbraccia in ogni pagina, illustrando destini certo non comuni in questo reame leggendario, proprio quelle illogiche trafitture al ventre di un brano, quei tradimenti che lo migliorano e lo elevano oltre la consueta regola del grande pezzo, portandolo su altari ben più eterni, dove è giusto che tutto sfugga perché infine non sfugga più. Accordi, intese, allunghi, assoli, partono su un singolo brano come da binari diversi, ma la genialità è esattamente questa, cioè un punto d'arrivo di pazzesca riunione collettiva che ha esaltato ogni singolarità strumentale e non ha fatto perdere nulla della grandezza dell'intero. Anzi...Libro bellissimo, dove ci si commuove come in una galleria di favolosi ritratti.

  • User Icon

    Nicola59

    27/08/2013 22:28:39

    Sinceramente mi ha un po' deluso, avevo sentito parlare molto bene di questo libro ma alcuni dei racconti non mi hanno convinto: lasciatemi dire sono scritti "sopra le righe". Vabbè che alcuni dei protagonisti hanno avuto una storia tribolata fra droghe, alcol e depressioni, ma si è data troppa enfasi su tali problemi e gli eccessi derivanti. Peccato. Anche la postfazione mi ha deluso e la lista dei dischi dei protagonisti non è molto ragionata.

  • User Icon

    massimo de falco

    28/09/2004 03:40:14

    bello e poetico

Scrivi una recensione