Nei tuoi occhi di bambino

Tiberio Timperi

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 marzo 2013
Pagine: 163 p., Brossura
  • EAN: 9788850230907
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    faffa

    29/07/2013 10:37:55

    Fino al mese scorso ignoravo il fatto che il giornalista Tiberio Timperi avesse dato voce al suo dolore di padre separato in questo romanzo-diario toccante e vero. Sfogliando il catalogo "TEA", infatti, mi sono imbattuta nel titolo "Nei tuoi occhi di bambino" e sia per curiosità che per entrare nel vivo della problematica figli-genitori separati l'ho acquistato. Se pur "questo romanzo è frutto della mia fantasia" sicuramente le pagine del diario veicolano quelli che sono i sentimenti di padre di T.Timperi, quelli che sono i momenti di dolore, rabbia, impotenza e vuoto che caratterizzano i padri separati, per lo più poco tutelati dalle leggi in materia di separazioni e alimenti. Merito del giornalista è quello di impegnarsi socialmente per fare in modo che i padri separati non siano solo un portafoglio da svuotare per mantenere un modus vivendi ante separazione. Il romanzo di Timperi, infatti, getta una luce sulla situazione di padri separati costretti a consumare i pasti alle mense Caritas per cercare di poter arrivare a fine mese. Protagonista, però, di tutte le pagine del romanzo è il piccolo Matteo a cui è affidata l'apertura e la chiusura del libro: "Mi sento come un pugile al tappeto. ... Le lacrime si sostituiscono alla pioggia." Il pugile al tappeto che, però, riesce ad alzarsi è anche il padre Leonardo: i cinque capitoli in cui è suddiviso il romanzo scandiscono le cinque fasi di abbattimento e ricostruzione di una vita dopo la fine di un matrimonio e le cinque fasi per imparare a gestire il ruolo di padre il mercoledì, il week-end, a Natale e durante i quindici giorni estivi.

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    30/01/2012 21:56:12

    Bravo Tiberio Timperi, oltre che come giornalista anche come scrittore , col suo romanzo Nei tuoi occhi di bambino, che ho letto in un pomeriggio. Timperi parla del dramma dei padri separati narrando in un diario la storia di Leonardo, giornalista che lotta per ritagliarsi sufficienti spazi nella vita del figlioletto Matteo. Sicuramente Timperi ha mutuato il romanzo sulla sua esperienza; attualmente egli si occupa della modifica della legge sull'affido condiviso, che favorirebbe troppo le madri a scapito dei padri. Timperi a tale riguardo ha ottenuto appoggi bipartisan, da Luca Barbareschi ai Radicali . Tornando al romanzo ,esso è un pugno nello stomaco che colpirà chi ha vissuto situazioni del genere, ma non lascerà insensibili gli altri. E' bellissimo il rapporto d'amore che il protagonista stabilisce col figlio Matteo, anzi è la cosa migliore di tutto il romanzo. Il padre del diario ha un solo interesse: il benessere del figlio. E non reagirà alle provocazioni materne, fatte di piccoli dispetti e oppsizione gretta al diritto di paternità. Dal libro emerge come la figura femminile sia quella ritenuta più credibile nei casi di separazione , sia in ambito scolastico che sociale. Ma il libro fa luce anche sulla condizione di impoverimento economico di alcuni padri che, svolgendo lavori modesti, si ritrovano sempre più spesso alle mense della Caritas. Non è il caso di Leonardo, alter ego di Timperi, ma sullo sfondo del breve romanzo c'è tutto questo e anche qualcosa di più. Un viaggio a Disneyland Parigi sancirà l'affetto ormai sedimentato tra padre e figlio ROMOLO RICAPITO

Scrivi una recensione