Traduttore: F. Rocca
Editore: Babalibri
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 34 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788883621864

Età di lettura: Da 3 anni

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
C'era una volta un lupo bianco. Prima della sua nascita, i suoi genitori pensavano che sarebbe stato marrone o grigio, come loro, a dalla pancia della mamma uscì tutto bianco. Bianco come il latte, bianco come la luna, bianco come la neve. Non vollero un lupo così pallido. Decisero di abbandonarlo... Età di lettura: da 3 anni.

€ 11,48

€ 13,50

Risparmi € 2,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,50 €)

 
 
 

Bene ha fatto l'editrice a porre, diversamente dal solito, prima il nome dell'illustratrice. Perché il testo, che pure appare ben costruito nella sua alternanza di solitudine e compagnia, di assenze e presenze, fondamentalmente racconta una storia ben nota. Che, però, Olga Lecaye rende nuova con la delicatezza e insieme l'intensità di colori e immagini, la nettezza e pure l'indefinitezza dei pochi personaggi, due lupacchiotti, più un pettirosso, un orso e due corvi presenti per non più di una pagina, l'espressività dei sentimenti dei protagonisti resa con sguardi e posture di grande forza rappresentativa, la costruzione/rottura del ritmo narrativo attraverso l'alternarsi di primi piani e di campi lunghi di distese e boschi innevati. Un lupo appena nato viene abbandonato perché è bianco. Vaga solo e affamato nel gelo dell'inverno. Finché incontra un lupo nero che si chiama Leo, mentre il piccolo scopre di non avere nemmeno un nome; e piange. I due si trovano reciprocamente brutti, si separano, poi si cercano, finalmente una mattina di primavera il lupo bianco sente una voce: "Ehi! Neve! Sono io". Il lupo bianco ha ritrovato un amico, ha trovato un nome: "Neve – si ripeté. – Che bel nome, Neve! Sono io". Ma la sintesi non può rendere nemmeno lontanamente la bellezza delle immagini e l'essenziale pregnanza della storia. Al recensore il libro ha ricordato la fotografia di un bambino africano albino isolato e guardato con diffidenza dai suoi coetanei con la pelle di un colore "normale", cioè nera, sulla "Stampa" dello scorso 20 ottobre. Soprattutto, ha ricordato il fratello albino, intelligentissimo e che poi ha fatto la sua strada nella vita, ma che da ragazzo molto ebbe a soffrire perché "diverso". C'è una grande letteratura che sa dire all'infanzia cose molto grandi con la leggerezza di un albo illustrato. Da cinque anni.
Fernando Rotondo