Niente canzoni d'amore

Charles Bukowski

Traduttore: G. Luciani
Editore: TEA
Collana: Tea Trenta
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 luglio 2018
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788850247356
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elisa

    18/09/2018 14:08:49

    Non si tratta di certo della migliore opera di Bukowski che ho letto, Infatti è semplicemente una raccolta di brevi racconti che va acquistata solo per completare tutte le opere che lui ha scritto punto non rimane particolarmente impresso Una volta finito di leggere, anzi va nel dimenticatoio nell'arco di breve tempo

  • User Icon

    Emanuel Gavioli

    20/01/2008 10:50:55

    “Scrivere ti getta in spazi troppo ariosi, ti rende strano, un disadattato. Nulla di cui stupirsi se Hemingway si è fatto saltare le cervella sul succo d’arancia della colazione. Nulla di cui stupirsi se Hart Crane si è fatto maciullare dall’elica, nulla di cui stupirsi se Chatterton ha preso il veleno per topi. Gli unici che andavano avanti erano quelli che scrivevano i best-sellers, e quelli non scrivevano, era gente già morta.” Una raccolta di ventuno racconti che hanno come protagonisti uomini annoiati, apatici, anestetizzati. Ritratti sullo sfondo d'un mondo che sembra prendersi gioco dei sentimenti, del buon cuore, di quelli che fanno di tutto pur di cercare di cambiare qualcosa alla loro vita, magari scommettendo ai cavalli o ad un incontro di boxe. Illusioni quotidiane che la vita ci propone, e che la vita continuerà a proporci fino a quando le daremo l'opportunità di nutrirsi con un poco della nostra speranza.

  • User Icon

    Oscar Grimaldi

    26/08/2003 10:02:51

    Brevi racconti che nulla aggiungono al grande e rimpianto genio di Bukowski. Un libro per completisti, molti dei raconti sono superflui e scialbi. Un voto allo scrittore, più che al libro in se.

Scrivi una recensione