Non so se don Lorenzo

Adele Corradi

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 aprile 2017
Pagine: 181 p., Brossura
  • EAN: 9788807889240
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Emma

    18/09/2018 13:50:30

    Un'elegante e commovente raccolta di istantanee in cui si tratteggia la figura di don Milani per quello che è, anche quando è urtante o lontano da un personaggio quasi idolatrato. Libro bellissimo che ci racconta don Lorenzo nella sua umanità semplice, disadorna, coraggiosa. Lo stile non è mai autocompiaciuto, è disarmato come questo privato don Lorenzo che i saggi non trattengono

  • User Icon

    Mara

    09/03/2015 20:22:47

    Non conoscevo la figura di Adele Corradi. Quasi coetanea di Don Milani, ha aspettato i suoi novant'anni per affidarci questi ricordi. La lunga attesa è pari alla sobrietà e alla delicatezza di quanto ci trasmette. Pensando che non si è limitata ad insegnare a Barbiana (oltre che nella scuola statale, dove svolgeva il suo lavoro professionale), ma che lì viveva, condividendo a tempo pieno ambiente, frequentazioni, compagnie, di don Lorenzo e dei suoi ragazzi, si ha la misura del suo impegno. Che a me sembra quasi "fuori misura".

  • User Icon

    claudio

    29/05/2012 08:12:50

    Conoscevo (o almeno pensavo di conoscere don Milani) attraverso qualche suo libro (Lettera ai cappellani e Lettera ad una professoressa) o qualche biografia; ma non ricordo di aver sentito parlare di questa Adele Corradi, professoressa di italiano in una scuola media vicino a Barbiana, che aiutò moltissimo don Milani nell'insegnamento. Questo suo libro non è assolutamente una biografia, sono ricordi che sono tornati a galla a distanza di tanti anni, da quegli anni sessanta che don Milani attraversò, senza arrivarne alla fine. Ne esce un ritratto di don Milani splendido nella sua "stranezza", contrario ai laureati, ruvido, diverso rispetto a tutti gli altri preti: una persona unica, un caso unico, tanto che a Barbiana dopo la sua morte la scuola non sopravvisse al Maestro.

  • User Icon

    Claudio S.

    31/03/2012 18:05:58

    Dopo 45 anni dalla scomparsa di don Lorenzo, Adele Corradi, stretta collaboratrice e animatrice della scuola di Barbiana dal 1963 al 1967 (anno della scomparsa del Priore), si decide a rendere pubbliche le sue memorie e i suoi ricordi di quegli anni. Al centro la scuola e, in particolare, i suoi rapporti con don Lorenzo. Personaggio carismatico, ricco di coerenti contraddizioni, ruvido ma attento. Persona unica e che ha lasciato il segno di profetiche testimonianze. La sua coerenza, a volte, diventa integralismo. Quando Adele gliene parla è capace di comprendere e di trovare vie d'uscita (belle le pagine sulla "bugia" e sulla sua utilità). Dandosi rigorosamente del "lei" collaborano e si stimano e riesce ad entrare nella stretta cerchia dei "barbianesi", pur essendo....laureata (ad un certo punto gli intellettuali vennero banditi da Barbiana, perchè...venivano a far salotto!). Toccanti i ricordi sulla malattia che stroncò a soli 44 anni don Milani che rimane un personaggio che ha lasciato un grande patrimonio culturale, come cittadino, uomo, intellettuale e prete.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione