Traduttore: N. Gobetti
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 184 p.
  • EAN: 9788806227319
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    18/02/2016 15:16:36

    E' una feroce satira politica contro il presidente Nixon e il suo entourage. Nixon-Dixon è " un moralista ipocrita, un opportunista senza legge, uno spudorato bugiardo e un vero e proprio dittatore in pectore". In realtà è una satira che si può estendere a quei politici di oggi, che al pari di Tricky Dixon, manipolano l'opinione pubblica per conservare il loro potere, per i quali la verità non deve essere mai detta, che dicono il contrario di ciò che pensano, che si riempiono la bocca di parole come Costituzione, Trasparenza, Giustizia, Verità... per poi fregarsene appena girano l'angolo, che parlano a vuoto: " bla, bla, bla...", o usano un linguaggio incomprensibile, come il vicepresidente di Dixon: " Non può esserci un paese senza presidente, così come non può esserci un chicchiricco senza predipizio, o implumità senza predenzione preprerogatoria". La sete di potere è tale che quando Dixon finisce all'inferno, dove la menzogna è virtù, imbastisce una campagna elettorale, tra i dannati, per essere eletto Primo Diavolo. Libro tuttora attualissimo, ma si sa che la grande letteratura non scade mai.

  • User Icon

    diomede

    19/02/2015 15:13:39

    So bene che i signori della Einaudi fanno libri professionalmente da decenni e io sono soltanto un modesto lettore dilettante, per cui va a mio demerito il non aver capito il motivo per il quale sono state confinate tutte insieme in fondo al volume le numerose note esplicative che infarciscono questo libro allo scopo di far comprendere anche ai modesti lettori una serie cospicua di riferimenti all'attualità statunitense di oltre quaranta anni fa. Però, a prescindere dal motivo, sarebbe stato molto più agevole leggere questo libro se le note fossero state stampate a pie' di ciascuna pagina. Quanto al libro, ho la sensazione che i decenni trascorsi abbiano tolto inevitabilmente gran parte della forza a questo testo satirico, strettamente legato al momento in cui fu scritto.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    30/07/2014 11:55:02

    Tra le opere giovanili di Ph. Roth spiccano in modo particolare tre romanzi che sono stati trattati piuttosto male dall'editoria italiana in passato: «Letting Go» (1962), «The Great American Novel» (1973) e appunto «Our Gang» (1971). Forse, proprio in virtù del fatto che l'identità di Roth come autore era ancora "in fieri" e non aveva fissato con chiarezza le coordinate entro le quali avrebbe raggiunto i suoi migliori risultati, in questi romanzi incontriamo un Roth particolarmente satirico e semiserio, la cui proverbiale acidità ha modo di misurarsi con questioni di politica del momento, anziché insistere sui temi che poi diverranno costanti nella sua opera (il sesso, la malattia, il rapporto col padre). In questo contesto, «Our Gang» ci fa conoscere un Philip Roth che avrebbe potuto tranquillamente surclassare il miglior Norman Mailer, dato il modo in cui riesce a trasfigurare l'amministrazione Nixon (non solo l'ex presidente ma tutto il suo staff) in un'armata demoniaca sguinzagliata sulla terra da Satana in persona, allo scopo di permettere al lato peggiore della natura umana di scatenarsi senza freni.

  • User Icon

    massimo r.

    19/05/2014 21:17:15

    Insieme a Il grande romanzo americano è il libro più "anomalo" di Roth, e anche il più ostico per i non statunitensi. Inoltre sconta una certa immaturitá del grande scrittore che, rivelatosi con Portnoy, troverá col tempo la piena realizzazione del proprio stile e delle tematiche che costituiranno il suo inimitabile marchio di fabbrica.

  • User Icon

    Michael Moretta

    26/03/2014 01:24:12

    Se mai ci fosse stato bisogno di una conferma circa la genialità di Philip Roth questo piccolo libro ne è la prova. Pubblicato nel 1971, e quindi successivo al suo primo grande successo letterario, "Il Lamento di Portnoy", "La Nostra Gang" è una feroce satira del Presidente Nixon e dei suoi collaboratori e dimostra la incredibile capacità di Roth di variare il suo stile. Tutto in quest'opera è grottesco, esagerato e smaccatamente volgare. Il Presidente, Tricky, il suo vice ed i suoi collaboratori, i giornalisti, i cittadini. Tutti sono rappresentati come dei perfetti idioti ed interagiscono tra di loro provocando solo danni ed idiozie. Le note dell'autore alla fine del libro ci fanno capire che gran parte delle parole presenti nel libro sono ispirate a discorsi realmente avvenuti e pronunciati da Nixon o dal suo vice Agnew. Roth si prende amplissime libertà e li modifica a suo piacimento per riversare sulla figura del Presidente tutto il suo disprezzo di cittadino deluso dalla politica americana di quegli anni. Quindi si parla in primo luogo della politica estera americana negli anni della fine della Guerra del Vietnam e della preparazione della prima visita di un presidente americano in Cina. Poi si tocca il tema della proliferazione delle armi nucleari e dei programmi per incrementare la produzione di questo tipo di tecnologia ( il bombardamento della Danimarca pro-pornografia ) ed infine la difesa da parte di Nixon della vita fin dal suo concepimento e, di conseguenza, la netta contrarietà all'aborto della sua amministrazione. A questo proposito sommamente grottesca è la morte che Roth inventa per il presidente Dixon. Ma dove l'autore raggiunge il suo apice è nel discorso di Dixon per l'elezione a diavolo nell'Inferno! Stupendo! Un libro diverso dai soliti di Roth ma davvero imperdibile per chi ama questo autore. Una chicca da avere nella propria biblioteca!

  • User Icon

    Nicola Intrevado

    05/03/2014 21:32:11

    Ogni autore ha un neo. Persino Philip Roth ne ha uno, quindi. E bello grosso, piu' che un neo una orrenda verruca che fa brutta mostra di se' sul volto immacolato della sua grande quanto impeccabile produzione letteraria. Philip Roth : il mio autore preferito in assoluto, ma neppure se mi si torturasse con la fiamma ossidrica direi che ci sia un capitolo da salvare in questo, noiosissimo, lavoro del 1971, pensandoci bene, neppure un paragrafo, e se mi interrogo con assoluta onesta' di ammiratore : neppure una riga. Un libro che si puo' riassumere con una sola parola : inutile.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione