Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Novella degli scacchi-Paura-Lettera di una sconosciuta. Ediz. integrale - Stefan Zweig,Silvia Montis - ebook

Novella degli scacchi-Paura-Lettera di una sconosciuta. Ediz. integrale

Stefan Zweig

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: Silvia Montis
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 269,46 KB
  • EAN: 9788854148796
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 3,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Cura e traduzione di Silvia Montis
Edizioni integrali

La Novella degli scacchi, scritta nel 1941 durante l’esilio brasiliano di Zweig, a pochi mesi dal suicidio, è considerata il capolavoro dello scrittore austriaco. A bordo di una nave da crociera due contendenti si sfidano alla scacchiera. Da un lato Mirko Czentovic, campione mondiale in carica, rozzo, arrogante e venale; dall’altro il misterioso dottor B., colto, elegante e nervoso, dotato di un talento prodigioso e immaginifico.
Paura (1920) ha per protagonista un’affascinante signora dell’alta borghesia viennese. Nella sua vita apparentemente perfetta irrompe un giorno una donna che, mostrando di sapere molto di lei, comincia a ricattarla. Tutto quello che segue è una sorta di thriller, una vicenda tesa come un incubo fino al colpo di scena finale.
«A te, che non mi hai mai conosciuto»: sono queste le prime parole della Lettera di una sconosciuta (1922) che un romanziere viennese, viziato dalla fortuna e dal successo, riceve nel giorno del suo compleanno. È la lunga confessione di una donna sola e disperata, la storia di un amore intenso, di una dedizione nutrita al buio, in segreto.


Stefan Zweig
(Vienna, 1881–Petrópolis, 1942) crebbe nella Vienna di fine Ottocento, ed esordì giovanissimo sulla scena letteraria. Autore di raffinata formazione culturale e artistica, scrisse novelle, romanzi, poesie, opere teatrali, saggi letterari e biografie storiche, e conobbe uno straordinario successo mondiale tra gli anni Venti e Trenta. Dopo l’ascesa al potere del nazismo, Zweig – le cui opere furono bruciate nei roghi dei libri del 1933 – dovette rifugiarsi, essendo di origine ebrea, in Inghilterra, poi a New York e infine in Brasile. Morì suicida nel febbraio del 1942. Delle sue opere la Newton Compton ha pubblicato Il mondo di ieri, Novella degli scacchi - Paura - Lettera di una sconosciuta e Mendel dei libri - Amok - Bruciante segreto.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Silvancov

    13/09/2014 12:55:04

    Si vede che l'autore era un appassionato di psicanalisi! Tre racconti nei quali i pensieri più intimi dei protagonisti vengono rivoltati come un calzino. Anche troppo, a mio avviso: anche l'introspezione deve avere dei limiti, per non correre il rischio di diventare... come dire... morbosa e fine a se stessa. L'ultimo racconto li ha davvero superati questi limiti, in maniera esagerata: ed infatti risulta inverosimile, cervellotico e ben poco appassionante.

  • User Icon

    Monica M.

    06/09/2014 11:53:08

    Ho iniziato questo libro più o meno verso mezzanotte di ieri e l'ho terminato intorno alle 5 del mattino... Inizia con un racconto "tiepido"..il primo..un racconto che mette in luce due facce della stessa medaglia: gli scacchi come mezzo per vivere; chi li sfrutta per arricchirsi e vivere e chi invece si aggrappa a questo gioco per non morire. Molto bello. Il secondo...Paura.. Se avessi potuto consigliare al Maestro un titolo di riserva gli avrei suggerito "Angoscia"..perchè questo è il sentimento che ti pervade per tutto il racconto fino alla penultima pagina...quando si comprende il tutto e si viene miracolosamente alleggeriti di un peso non proprio( ma della protagonista..) e che involontariamente, durante la lettura hai fatto tuo e subentra la pace interiore. Senza paragoni. Il terzo racconto..l'ho terminato con le lacrime agli occhi.. Vi dirò solo che Zweig è il secondo essere umano maschio che riesce a scrivere pensando come una donna.. una cosa rara.. Racconto triste e malinconico.. Bravo anche a colui che ha deciso di raggruppare questi tre racconti insieme: ad un'analisi superficiale non hanno a che fare nulla l'uno con l'altro ma alla fine scopri di essere stato trasportato, gradualmente, in un crescendo di emozioni.

  • Stefan Zweig Cover

    Nato il 28 novembre 1881 a Vienna, Zweig era figlio di un ricco industriale ebreo e per questo potè studiare con tutta libertà, seguendo i suoi gusti che lo portavano a interessarsi di letteratura, filosofia e storia.L'atmosfera cosmopolita della Vienna imperiale favorisce la sua curiosità del mondo, che si trasforma in una sorta di bulimia culturale. Come letterato esordisce con poemi in cui si percepisce l'influenza di Hofmannsthal e Rilke, di cui parla nella sua autobiografia Il mondo di ieri (Die Welt von gestern, 1942). Per Stefan Zweig "la letteratura non è la vita", ma "un mezzo di esaltazione della vita, un modo di cogliere il dramma in maniera più chiara e intelleggibile". La sua ambizione è dunque "dare alla mia esistenza l'ampiezza, la pienezza,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali