Categorie
Traduttore: L. Cangemi
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2002
Pagine: 352 p., Brossura
  • EAN: 9788870911046
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Lo scrittore svedese Björn Larsson, molto apprezzato e conosciuto per i suoi libri di avventure marinaresche, torna con un avvincente thriller, pieno di novità. La prima sorpresa è l'ambientazione della storia. Abbandonate le distese marine che hanno fatto da sfondo ai precedenti successi (La vera storia del pirata Long John Silver, Il cerchio celtico, Il porto dei sogni incrociati), la vicenda di quest'ultimo romanzo si svolge nelle viscere della terra, precisamente nel sottosuolo parigino. Qui, in un'immane voragine celata agli occhi dei cittadini, non solo fervono i lavori per la costruzione di una nuova linea metropolitana ma si materializza anche lo scontro epocale tra Occidente e Islam, sotto forma di aspri ed eterni contrasti: tra i lavoratori francesi e algerini, tra l'egoismo e la generosità, tra la vita e la morte.
I protagonisti principali del romanzo, tutti impegnati nelle attività del cantiere, si confrontano in modo drammatico con il problema dell'intolleranza e con le sue tragiche conseguenze. Ahmed, uno dei tanti lavoratori immigrati dall'Algeria, dopo un passato di guerra nel suo paese natale, cerca di rifarsi una vita insieme alla figlia Fatima e alla moglie francese, Mirelle, che da sempre lotta per la difesa dei perseguitati e soprattutto delle donne che subiscono violenza per i fanatismi religiosi. Sostenuto dall'apertura e dalla generosità di Georges ma minacciato dall'odio e dal desiderio di vendetta del razzista Alain, Ahmed viene coinvolto dal fondamentalista islamico Rachid nel progetto di un disastroso attentato. In un crescendo di tensione e colpi di scena, l'uomo si troverà solo di fronte a una drammatica scelta…
Scritto nel 1999, L'occhio del male non è solo un giallo ricco di suspense, ma anche un libro "profetico", che ha anticipato fatti e tematiche di drammatica attualità indagandone i sottili meccanismi. Con grande capacità di analisi ed estremo realismo, Björn Larsson si avventura negli abissi terrestri per indagare il lato più oscuro e nascosto della natura umana. E' spinto in questa sua ricerca dal suo consueto bisogno di verità e dalla speranza in una vita migliore, ispirata alla tolleranza, alla libertà reciproca, alla convivenza pacifica, al rispetto per il "diverso" da sé.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marcello Muratore

    05/04/2014 19.45.03

    Non bisogna lasciarsi ingannare dalla facilità di lettura di questo romanzo, che possiede i connotati (e la forza...) di un Thriller. In realtà, il richiamo a problematiche che ancora oggi,15 anni dopo la sua uscita, rimangono attuali, è fortissimo. (Era il 1999, e Larsson in qualche modo preannuncia la possibilità su larga scala di un attentato terroristico che poi, effettivamente, accadrà due anni dopo....)I temi principali cui si snoda il racconto sono il razzismo nei confronti degli immigrati nordafricani,la violenza delle frange estremiste, (Il contesto narrativo è quello di Parigi e di una Francia "intaccata" dagli ideali del Fronte Nazionale) ma anche la "scomoda posizione" delle donne all'interno di quei conflitti etnico-religiosi. Dove in alcuni episodi del libro si potrebbe pensare ad una sottile smagliatura nelle pur "spessa" trama del romanzo, presto ci si accorge che non si tratta di un richiamo dello scrittore volto all'ottenimento di un facile consenso commerciale, ma di elementi che devono, necessariamente, incastrarsi nel puzzle del messaggio finale che l'autore cerca di trasmetterci. I quattro o cinque capoversi finali del libro ne sono la riprova. Laddove ad una prima lettura ci appaiono quali un banalissimo epilogo, ad una successiva e più attenta rilettura si dimostrano in tutto e per tutto la vera chiave di lettura del romanzo....

  • User Icon

    AdrianaT.

    05/02/2014 09.03.49

    Mi piace Larsson, mi piace come scrive, ma questo non mi è piaciuto. L'ambientazione, i personaggi, la storia in se forse poteva intrigare qualche anno fa, ma ora suona scontata e un po' patetica. Rimane la prosa e poco altro.

  • User Icon

    Federico

    21/03/2007 15.37.22

    Bellissimo, soprattutto per chi come me conosce la Francia ed il relativo problema di integrazione razziale molto da vicino. Se vi chiedete come siano stati possibili i recenti scontri nelle banlieus parigine questo libro vi mettera' sulla buona strada

  • User Icon

    Fabrizio

    01/09/2005 15.26.07

    Ho da poco finito di leggere questo libro di Larsson e sono rimasto di "stucco". E' un libro profetico!!! Scritto quasi due anni prima dell'11 settembre 2001 e ben 6 anni prima dei recenti attentati di Londra, descrive lucidamente i meccanismi che possono portare in una società come la nostra allo scoppio dei conflitti tra culture diverse. Viene da chiedersi come quello che ha potuto prevedere un romanziere, seppur in modi e luoghi diversi, non sia stato previsto e fermato dalle varie "intelligence" mondiali. Comunque Larsson si schiera contro tutti i tipi di fanatismi, facendo emergere come figure positive Ahmed e George che nella loro laicità, credono al valore dell'uomo in quanto tale e non come membro di una comunità o di una religione. E' il primo libro di Larsson che leggo, ma provvederò ad acquistare anche il resto della sua produzione.

  • User Icon

    Maurizio Vitale

    06/11/2002 12.57.49

    Sinceramente, a mio parere, è il meno bello dei libri di Larsson finora tradotti in italiano. Superficialmente potrebbe far pensare ad un poliziesco: un fanatico islamico progetta un attentato nel ventre di Parigi che potrebbe causare migliaia di morti. Ci riuscirà? (Nota: il libro è stato scritto nel 1999, due anni prima dell'11 settembre). Al di sotto della superficie,però, è un libro sul fanatismo e l'intolleranza che generano mostri. Protagonisti principali, infatti, oltre al fanatico terrorista, sono un marito e una moglie scappati dall'Algeria in seguito alla guerra civile e che cercano, con enorme difficoltà, di barcamenarsi tra i fanatici razzisti di Le Pen da un lato e i fanatici integralisti islamici dall'altro. Se nonostante le buone intenzioni non ho apprezzato questo libro come gli altri tre è perché mi sembra che Larsson, nel cimentarsi in un mondo e una materia non sua (non c'è il mare, non c'è il Grande Nord in questo libro) perda di scioltezza. Lo stile è piuttosto legnoso, i dialoghi poco brillanti e troppo didascalici: mi è sembrato di avvertire una gran paura di sbagliare, di dire quella frase in più o in meno che avrebbe rivelato il suo essere, in fondo, uno spettatore esterno del mondo che qui descrive. Un eccesso di "politically correct", insomma, a discapito della scioltezza di scrittura (e lettura).

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione