Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' odore dell'India-Passeggiatina ad Ajanta-Lettera da Benares - Pier Paolo Pasolini - copertina

L' odore dell'India-Passeggiatina ad Ajanta-Lettera da Benares

Pier Paolo Pasolini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2009
Pagine: 133 p., Brossura
  • EAN: 9788811697091
Salvato in 30 liste dei desideri

€ 9,50

Venduto e spedito da LOMELLIBRO

Solo una copia disponibile

+ 5,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo volume anche "Passeggiatina ad Ajanta" e "Lettera da Benares". Nel 1961, in compagnia di Alberto Moravia ed Elsa Morante, Pasolini si reca per la prima volta in India. Le emozioni e le sensazioni provate sono così intense da spingerlo a scrivere queste pagine, un diario di viaggio divenuto un libro di culto. Pasolini si aggira attento nella realtà caotica del subcontinente indiano, osservando i gesti e le movenze della gente, seguendo i colori dei paesaggi e soprattutto l'odore della vita. L'incanto di una terra ammaliante e l'orrore dell'esistenza che vi si conduce ci vengono restituiti dalla sua curiosità sensibile alle condizioni sociali, ma soprattutto con l'originalità della sua visione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessia

    16/01/2012 22:58:58

    Ancora una volta Pier Paolo Pasolini si conferma uno dei maggiori intellettuali del '900, che parli dei sobborghi romani, della contemporaneità in cui viviamo, delle differenze culturali del mondo, che scriva libri o diriga film, poco importa perché il risultato e' sempre lo stesso : opera di innegabile intelligenza! Forse libro poco conosciuto rispetto agli altri e forse anche meno coinvolgente, almeno secondo il mio parere, ma questo diario di bordo offre un panorama eterogeneo dell'India e colorato come le vesti delle donne che abitano questo posto, un paese capace di contenere all'interno una varietà infinita di usi, costumi, tradizioni , religioni, ecc... L'aspetto che più colpisce e' la grandissima umanità di Pasolini di raccontare la sua esperienza, il suo modo di rapportarsi con le persone vagando per le strade, aspetto che traspare anche quando parla delle borgate romane nonostante il suo realismo, di avvicinarsi al diverso senza pregiudizi, ma con estrema naturalezza e normalità .

  • User Icon

    Andrea

    12/04/2010 19:02:29

    In questo diario di bordo Pasolini racconta il suo primo viaggio in India insieme ad Alberto Moravia ed Elsa Morante. Con la sua sensibilità contemporaneamente poetica e sociale, Pasolini racconta l’incontro con un’umanità straordinariamente diversa da quella a cui è abituato il mondo occidentale. E’ un’umanità che pur nel groviglio di corpi, odori e colori in cui si presenta, spicca per la sua assoluta disponibilità sintetizzata, secondo l’autore, nel gesto inconfondibile che gli indiani usano per dire sì. Pasolini riflette sulla borghesia indiana, disperatamente chiusa nel rigido sistema delle caste e in quello familiare, eppure contraddistinta dalla rara dote della tolleranza. Attinge a piene mani dalle sue passeggiate notturne, a Mumbay innanzitutto, il materiale su cui scriverà, delineando ritratti efficacissimi di giovani e di poveri, disegnando paesaggi indimenticabili, dicendo dei canti, della cucina, dei riti religiosi. Narra degli incontri con Madre Teresa di Calcutta, così come con poeti, giornalisti, intellettuali, volontari. Consegna un ritratto amaro e appassionato di un paese da sempre ‘mitico’ per l’Occidente, costruendo un testo imperdibile per chi in India vorrebbe andare o è già andato, fosse solo per confrontare quanto siano ancora attuali le riflessioni di quel genio di Pasolini.

  • Pier Paolo Pasolini Cover

    Pasolini nasce a Bologna il 5 marzo 1922. Per tutta l’infanzia e l’adolescenza segue il padre, ufficiale di fanteria, nei suoi spostamenti, trasferendosi continuamente da una città all’altra del Nord Italia. Nel 1942 a causa della guerra si rifugia nel paese materno, Casarsa in Friuli. Sin da giovane, inizia a scrivere poesie, alternando testi in italiano e in friulano. Nel 1942 esce il suo primo libro Poesie a Casarsa. Nel corso della sua vita l’attività poetica costituirà una costante e porterà alla pubblicazione di alcuni dei più importanti testi della letteratura italiana del Novecento. Nel 1950 Pasolini è costretto a lasciare il Friuli e si trasferisce a Roma. Nel 1955 esordisce nella narrativa con Ragazzi di vita. Parallelamente,... Approfondisci
Note legali