Oggi forse non ammazzo nessuno. Storie minime di una giovane musulmana stranamente non terrorista

Randa Ghazy

Editore: Fabbri
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 4 aprile 2007
Pagine: 202 p., Brossura
  • EAN: 9788845140846

Età di lettura: Young Adult

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
I jinn (un esemplare illustre: quello che abitava nella lampada di Aladino) appartengono a un mondo che non è quello degli uomini né quello degli angeli. Stanno a metà, possono essere buoni o cattivi, certo sono curiosissimi. Jasmine è come un jinn: buona, ma spesso arrabbiata, perché nessuno la capisce. Non la sua migliore amica Amira, che dopo anni di fronte comune cede (cede?) a un matrimonio combinato. Non i genitori, perplessi come tutti i genitori del mondo davanti agli scatti ribelli di una ventenne in cerca di identità. Non i ragazzi musulmani come lei, che la vorrebbero più semplice, più tranquilla. Non i ragazzi occidentali, pronti a rovesciarle addosso insopportabili, banali, disarmanti luoghi comuni sugli arabi. Sola, smarrita in un groviglio di contraddizioni, Jasmine possiede però un'arma potente: l'ironia. E in questa storia molto vera Randa Ghazy riesce a mescolare un acceso istinto polemico con la leggerezza di chi sa sorridere di sé.

€ 7,02

€ 13,00

7 punti Premium

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rebecca

    18/10/2017 07:00:20

    Imbarazzante. L'autrice usa un linguaggio, meglio dire gergo adolescenziale, per sembrare ironica, per buttarla sul ridere col l'unico risultato di generare imbarazzo.

  • User Icon

    Carol

    24/02/2014 09:47:34

    Non mi è piaciuto. Un diario adolescenziale che ha il solo pregio di farci conoscere l'opinione di una ragazza musulmana italiana di seconda generazione in merito ai pregiudizi di noi italiani per gli immigrati e ai pregiudizi degli stessi immigrati nei nostri confronti. Anche il tema dei figli di immigrati che vivono nel limbo di due culture, quella di origine e quella del Paese in cui abitano e spesso sono nati, poteva essere approfondito meglio. Purtroppo poche lucide considerazioni non bastano a elevare questo libro, il cui livello si abbassa ulteriormente per l'uso di un linguaggio adolescenziale che vorrebbe essere ironico e che invece ha il solo risultato di infastidire e di risultare completamente fuori luogo in bocca ad una laureanda. Mi sa tanto di iniziativa editoriale, soprattutto nella scelta del titolo. Più che storie minime, un risultato minimo.

  • User Icon

    Sara

    10/03/2011 10:33:52

    Devo dire che quando me lo hanno regalato ho pensato che fosse semplicemente uno scherzo e quindi, ahimè, ho accantonato il libro! Qualche settimana fa invece, mi è capitato di leggere un'articolo sui molti autori italiani di nascita, ma stranieri di origine, che venivano "snobbati" dal pubblico del nostro Belpaese e che invece all'estero erano parecchio conosciuti. E chi ti trovo? Ghazy Randa! Che fare allora se non leggere incuriosita? Scrittura impeccabile, con poche parole e senza troppi giri, ti da molti spunti di riflessione... molto, molto consigliato per la sua freschezza e irrefutabile attualità.

  • User Icon

    Clara

    23/10/2009 12:02:45

    Questo libro é bellissimo, merita assolutamente di essere letto! É incredibile come l'autrice riesca ad affrontare temi cosí importanti e difficili con garbo e ironia; per tante cose la vita della protagonista é uguale a quella di tutte le sue coetanee, per altre peró si vede come la sua famiglia, religione, etc. la rendano "diversa". La protagonista mi ha ricordato tante ragazze musulmane di origine asiatica che ho conosciuto a Londra. Bellissimo anche il "rapporto" con Oriana Fallaci, ho veramente rivisto me stessa. Insomma, leggetelo!!!!

  • User Icon

    marta

    25/05/2008 13:33:48

    ...ho incomincaito a leggere questo libro per caso durante una mattinata a scuola, in un ora nella quale è arrivata una ragazza per tenere una lezione interculturale la quale ci ha letto alcuni passi del libro. ero molto scettica all'inizio, lo ammetto, però c'era qualche cosa in quella copertina che mi intrigava. il sabato successivo ci siamo recati alla fiera internazionale del libro di torino, ho subito notato la copertina che mi era rimasta impressa e così ho comprato questo libricino. l'ho divorato in pochi giorni, è leggero come romanzo, ma nella sua leggerezza, questa ragazza musulmana ma di sentimento italiano, è riuscita ad urlare contro il mondo le sue idee. un libro particolare all'inazio ironico, forse troppo ma i concetti seri riescono a farsi spazio tra le risate. mi è parso strano che nessuno abbia lasciato un commento, forse perchè, purtroppo non è stato pubblicizzato a dovere, ma io mi sento pienamente di consigliarlo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione