Ogni cosa è illuminata di Liev Schreiber - DVD

Ogni cosa è illuminata

Everything Is Illuminated

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Everything Is Illuminated
Paese: Stati Uniti
Anno: 2005
Supporto: DVD
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 9,90

Venduto e spedito da RedStore

Solo 3 prodotti disponibili

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 9,90 €)

Un giovane ebreo americano parte alla ricerca della donna che ha salvato la vita a suo nonno durante la seconda guerra mondiale in Ucraina. Il suo unico indizio è una vecchia foto, la sua guida un ragazzo del posto che parla un buffo inglese e sogna di andare un giorno in America.
4,76
di 5
Totale 21
5
16
4
5
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristina

    11/05/2020 15:53:01

    Film originale sia come trama che come realizzazione, ricco di trovate e soluzioni registiche particolari e insolite. Una storia che diverte e che commuove, personaggi e vicende che toccano il cuore nel profondo e che non lasciano indifferenti.

  • User Icon

    Bookworm

    03/05/2020 10:21:07

    Un film tragi-comico meraviglioso.

  • User Icon

    rita

    21/09/2019 08:43:48

    Un film che mi ha toccato le corde dell’anima. Una piccola perla inaspettata e imprevista, nel panorama della cinematografia. La poesia del ricordo, il bisogno del protagonista di raccogliere le testimonianze del passato e del presente, la memoria di un uomo che aveva dovuto vivere e sopravvivere all’orrore del nazismo. I personaggi assumono una valenza che varia tra il comico e il tragico, ma rimane tutto incentrato su un unico fulcro: la Memoria. Per non dimenticare

  • User Icon

    Alceste

    07/03/2019 19:49:35

    Dal libro di Safran Foer un fantastico film di Liev Schreiber. Un ragazzo ossessionato dalla collezione di ogni oggetto che gli capita per mano, riceve una foto dalla propria nonna. Spinto dalla curiosità, va in Ucraina con questa foto per ricercare una delle due persone ritratte. Il film naviga tra il tragico e comico lasciando allo spettatore rilevare le cose più sane, e commoventi, sulla quale porre attenzione. Stupendo!

  • User Icon

    Alessandra

    22/09/2018 02:24:43

    Di questo straordinario viaggio alla ricerca di un passato lontano tutto rimane impresso,la macchina vecchiotta,la cagnolina con una buffa maglia,il nonno poco cortese e involontariamente divertente,i grandi e belli girasoli dell'Ucraina.Inizialmente comica e grottesca, la stramba vicenda si oscurerà man mano che le verità sottaciute dalla guerra e dal silenzio verranno rivelate. La memoria si riallaccia al presente e culture diverse si annodano in legami d'amicizia.Tratto dal bel libro di Foer,il film si sofferma sul filone narrativo della vicenda principale tralasciando i racconti degli avi del protagonista che rendono il libro non sempre semplicissimo da seguire(figuriamoci inseriti nel film!).Un piccolo gioiellino che dimostra quanta freschezza e valore possano dare piccole produzioni indipendenti nel paronama cinematografico,una storia unica sulle conseguenze dell'olocausto che vorrete custodire con cura. Straconsiglio di sentire la band gipsy punk Gogol Bordello il cui leader è il coprotagonista Hutz,presente con un brano in una piccola ma simpatica scena.Fantastici!

  • User Icon

    Alberto

    07/10/2017 13:07:24

    Film magico, tratto da un romanzo brillante ma che porta alla meditazione. Con regista ed attori assolutamente all'altezza del compito. Il passato tragico e il presente buffo (e assolutamente realistico) si fondono in una narrazione quasi fiabesca, che lascia lo spettatore con il fiato sospeso, coinvolgendolo dall'inizio alla fine, sull'onda della nostalgia, dell'amarezza e del desiderio di sperare ancora.

  • User Icon

    jane

    10/02/2009 09:43:44

    commovente, divertente, poetico; vorrei assolutamente rivederlo, e leggere anche il libro.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    08/06/2008 16:24:18

    film poco conosciuto ma molto bello...

  • User Icon

    andrea bianchini

    02/06/2008 15:30:51

    l'ho visto in tv il 01-06-2008. lipperlì ero un po come dire, diffidente, ma con il passare delle scene sia la simpatia per i forti contrasti dei protagonisti,il colore, la musica, quel senso di avventura di persone semplici non di eroi, la verità storica(gli ucraini anno collaborato con i nazisti) alla fine mi anno conquistato e commosso.un film che dà molti spunti di discussione

  • User Icon

    OskarSchell

    22/01/2008 16:03:21

    Grande Safran Foer... bravissimo il regista!! Film bellissimo.

  • User Icon

    Shine On

    27/06/2007 22:59:22

    Jonathan parte per l'Ucraina per conoscere la donna che ha salvato suo nonno durante la seconda guerra mondiale, colei che ha cambiato la sua stessa vita, che gli ha permesso di crescere negli Stati Uniti e non nell'Ucraina post-sovietica..Jonathan è un collezionista, di tutto, di "cose" come dice lui, e colleziona perchè ha paura di dimenticare..Nella sua ricerca "molto rigida" intreccia la propria strada con uno strano trio, nonno, nipote e cane guida per un cieco che cieco non è, attraverso l'Ucraina, fino alla vera illuminazione. Un film delicato, ironico, sconvolgente, crudo, tenero, con una fotografia eccezionale, una colonna sonora curata e mai invadente, attori incredibili..un piccolo capolavoro. Da guardare, con attenzione, sorridendo e piangendo, fino all'illuminazione.

  • User Icon

    Barbara P

    17/06/2007 11:15:00

    Assolutamente stupendo,come il libro,d'altronde...da vedere assolutamente !!

  • User Icon

    Ciro

    13/06/2007 22:31:18

    Davvero un bel film, semplice ed interessante.

  • User Icon

    Enrico

    02/05/2007 12:11:57

    Semplicemente stupendo... un capolavoro sconosciuto... Troppo spesso ormai film del genere non vengono pubblicizzati, in virtù di budget irrisori rispetto ai film "colossal". Eppure fidatevi, questo film supera di gran lunga altri filmoni, che di storia hanno ben poco. Meraviglioso.

  • User Icon

    Massimo

    19/04/2007 14:28:30

    Per me un ottimo film. Grande spazio alle immagini (splendide), dialoghi a tratti curiosi e divertenti, colonna sonora che ha un peso rilevante nella poesia del film. Attori bravissimi. Un film che presenta anche toni tristi e drammatici trattati pero' sempre con garbo e maestria dal regista. E' un film che non ti lascia indifferente e che ti porta ad approfondire le conoscenze storiche di un periodo che ha segnato l'umanita'.

  • User Icon

    Ste

    04/11/2006 18:44:29

    Dopo aver visto "ogni cosa è illuminata"mi è venuta voglia di andare in Ucraina,quasi un modo per avvicinarmi ai protagonisti del film,per poter far parte in qualche modo della storia;perchè è questo che ttasmette il film:un grande senso di empatia. Geniale la scena finale con Johnatan in aeroporto e le sue "allucinazioni" sui personaggi incontrati.Uno splendido invito ad aprire gli occhi e guardarsi intorno piu spesso con intelligenza.

  • User Icon

    suonatoredicorno

    25/09/2006 13:51:10

    Un film che si avvicina molto alla Vita è bella del nostro Benigni, perchè pur trattando il non facile argomento della Shoah, conserva quel lato comico nel tragico che tanti consensi ha portato al film italiano. Divertente la presentazione della famiglia di Alex; poetico è l'incontro con il passato in un campo di girasoli (il vero simbolo del film). Difficile non amare quest'opera di grande sensibilità e acutezza, che parla di un passato triste che conosciamo bene, ma che parla al cuore di ognuno di noi con quella semplice frace che Elija sussurra: "Ho paura di dimenticare"...

  • User Icon

    Luca - Udine

    14/09/2006 15:50:15

    Davvero un gran bel film, buona trasposizione dall'omonimo libro, che ho letto tempo fa e che non avevo apprezzato fino in fondo.....mi sbagliavo......la storia è bellissima e portata sullo scherno con molta grazia e leggerezza, nonostante il tema che tratta. Bravo il regista, bravissimi gli attori, bellissimi i paesaggi che fanno da sfondo alla storia; insomma da vedere, rivedere e conservare nella propria collezione di dvd. Una rarita' !!!!

  • User Icon

    MAX67

    06/09/2006 14:53:52

    BELLISSIMO FILM PER COGLIERE TUTTA LA POESIA CONSIGLIO DI RIGUARDARLO UNA SECONDA VOLTA, LA MEZZORA FINALE E' UN CAPOLAVORO.DIMOSTRAZIONE CHE QUANDO UN FILM HA UNA BELLA STORIA DA RACCONTARE NON HA BISOGNO DI EFFETTI SPECIALI .

  • User Icon

    eleonora

    11/07/2006 18:24:47

    Un bel film, strano..commovente, ironico e a tratti cinico.. Purtroppo vengono sempre pubblicizzati i film spazzatura e poco intelligenti e immediati.. La fotografia e la storia è sicuramente sublime..bravissimi gli attori!!!

Vedi tutte le 21 recensioni cliente

Un'opera prima illuminante e illuminata come "ogni cosa" nel titolo, che lavora sui registri del tragico e del comico

Trama

Un esordiente nel cinema, Liev Schreiber, mette in schermo un esordiente della letteratura, Jonathan Safran Foer, un ebreo americano che racconta a sua volta di uno studente americano deciso a trovare in Ucraina la donna che salvò suo nonno dalla furia nazista. Jonathan Safran Foer è anche il nome del suo personaggio che compiendo un viaggio nella memoria ricostruisce la vita del villaggio di Trachimbord, uno dei numerosissimi shtetl bruciati e dimenticati durante la Seconda Guerra Mondiale. Un luogo che ha smesso per sempre di essere geografico sopravvivendo soltanto nell'anima di coloro che ne hanno pazientemente raccolto e conservato, fino a collezionarle, le tracce. Il viaggio di Jonathan si avvia da una fotografia del nonno ritratto accanto ad Augustine, ad accompagnare la sua ricerca sarà un altro nipote, Alexander Perchov, voce narrante del film, e un altro nonno che scopriremo "sopravvissuto" ed ebreo. Il nonno di Alex, per gli amici, è un brusco uomo di Odessa che ha cancellato la sua "ebraicità" fino a trasformarla in rabbioso antisemitismo. La sua cecità, marcata da scuri occhiali da sole e accompagnata da una cagnetta guida "psicopatica", è finta, simulata quanto la vita che disperatamente ha cercato di (soprav)-vivere lontano da Trachimbord.

Molto prima della fine del viaggio, Joanathan e Alex scopriranno di vivere la stessa vita accreditata proprio dagli oggetti appartenuti ai loro cari.

  • Produzione: Warner Home Video, 2011
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 102 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Danese; Finlandese; Inglese; Italiano; Italiano per non udenti; Norvegese; Svedese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: scene inedite in lingua originale; trailers
  • Liev Schreiber Cover

    Propr. Isaac L. S., attore e regista statunitense. Studia recitazione alla Yale School of Drama e alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra ed esordisce a Broadway, continuando a lavorare in teatro, impegnato soprattutto in adattamenti shakespeariani, anche dopo il debutto al cinema (nel 1994 in Agenzia salvagente di N. Ephron). Sul grande schermo, ottenuta notorietà con il personaggio di Cotton Weary, sospetto assassino nella trilogia horror Scream (1996, 1997, 2000) di W. Craven, recita in RKO 281 - La vera storia di Quarto potere (1999) di B. Ross, in cui interpreta il giovane O. Welles, Kate & Leopold (2001) di J. Mangold, The Manchurian Candidate (2004) di J. Demme, L'amore ai tempi del colera (2007) di M. Newell. Nel 2005 firma la sua prima regia con Ogni cosa è illuminata, sul soggiorno... Approfondisci
  • Elijah Wood Cover

    "Propr. E. Jordan W. Attore statunitense. Impegnatissimo sui set sin da bambino, incarna il classico e rassicurante esempio di bravo ragazzo americano, dall'aspetto timido ma dal sicuro fascino scenico. Un piccolo ruolo in Ritorno al futuro parte II (1989) di R. Zemeckis segna il suo debutto, subito seguito da Affari sporchi (1990) di M. Figgis. Nel 1992 è coprotagonista di Amore per sempre di S. Miner, e brilla poi in L'innocenza del diavolo (1993) di J. Ruben e Tempesta di ghiaccio (1997) di A. Lee. È un ragazzino schivo ma sveglio in Deep Impact di M. Leder e The Faculty di R. Rodriguez, entrambi del 1998, mentre nel 2001 ottiene il ruolo di Frodo Baggins, protagonista della trilogia Il signore degli anelli di P. Jackson. Abbandonati i panni dell'Hobbit buono, è un killer silenzioso e dalle... Approfondisci
  • Jonathan Safran Foer Cover

    Jonathan Safran Foer (Washington 1977) è narratore statunitense. Nel 1999 si è recato in Ucraina per condurre ricerche sulla vita del nonno ebreo. Da quel viaggio è nato Ogni cosa è illuminata (2002), romanzo vincitore del National Jewish Book Award e del Guardian First Book Award. Un altro dramma sommesso della memoria è Molto forte, incredibilmente vicino (2005), divagazione di un ragazzo alle prese, tra foto di famiglia e altre reliquie, col ricordo del padre, vittima dell’attacco alle Torri Gemelle. Nel saggio Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? (Eating animals, 2009) ha raccontato le motivazioni della propria scelta vegetariana. Nel 2007 è stato incluso nel Granta's Best of Young American Novelists. Tra gli altri libri... Approfondisci
Note legali