Traduttore: R. Debenedetti
Editore: SE
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 5 maggio 2016
Pagine: 176 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788867232055
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Nel 1928, cinque anni dopo la morte dell'amico Raymond Radiguet, durante una cura disintossicante in clinica, Jean Cocteau, oppiomane, scrive e disegna. Per lui le due attività appartengono a un medesimo atto creativo: "Scrivere, per me, è disegnare, unire le linee in modo che diventino scrittura, o disunirle in modo che la scrittura diventi disegno". Così, nel corso delle giornate, dei singoli istanti, sotto i nostri occhi nasce un libro fatto di an notazioni, di giochi di parole, di giudizi da poeta ("Il mio sogno, in musica, sarebbe di ascoltare la musica dei mandolini di Picasso"). Ai commenti sulla letteratura e sugli scrittori (si vedano le pagine su Proust, su Raymond Roussel) si aggiungono le osservazioni sul cinema (Buster Keaton, Chaplin, Bunuel), sulla poesia, sull'arte. Ma il tema lancinante, che ritorna a ogni pagina, è quello dell'oppio: "Mi sono reintossicato perché i medici che disintossicano non cercano di guarire i disturbi originari che causano l'intossicazione...". Ma il disturbo originario può essere guarito? "Tutto ciò che si fa nella vita, anche l'amore, lo si fa nel treno espresso che corre verso la morte. Fumare l'oppio è abbandonare il treno in marcia, è occuparsi d'altro che della vita, della morte". In questo libro Jean Cocteau ritrova la grande tradizione dei poeti visionari, quella di De Quincey, di Baudelaire, e soprattutto di Rimbaud.

€ 17,85

€ 21,00

Risparmi € 3,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 11,34

€ 21,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 21,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lafcadio

    20/09/2018 19:03:02

    Uno dei libri che non dovrebbe mancare nella biblioteca di chi ama l'arte. Non solo il resoconto della disintossicazione dell'autore, ma uno zibaldone di note colmo di piccoli aneddoti sulle vicende personali di Cocteau e delle sue frequentazioni.

Scrivi una recensione