L' ora incerta fra il cane e il lupo - Hans Tuzzi - ebook

L' ora incerta fra il cane e il lupo

Hans Tuzzi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 597,69 KB
  • EAN: 9788833970240
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Marzo 1985: nei campi ancora innevati alla periferia sud di Milano, sotto l’antico campanile dell’abbazia di Chiaravalle, viene trovato il cadavere sfigurato di una giovane donna. Inizia così la nuova inchiesta del commissario Melis, un’inchiesta che porterà passo dopo passo lui e i suoi uomini nel mondo del giornalismo e della più o meno alta finanza. E dei suoi legami più o meno occulti. Ma se, una volta appurata l’identità della vittima, le domande fondamentali sono quelle classiche – chi l’ha uccisa e perché –, altri più sottili e inquietanti interrogativi tormentano Melis, sullo sfondo di una Milano che reca ancora ben visibili le tracce della grande nevicata che in gennaio bloccò per giorni le attività cittadine. E questi dubbi chiamano in causa gli affetti, le ambizioni e il potere di una società che sembra irrimediabilmente votata al degrado:?per scoprire, alla fine, che soltanto nei semi delle carte i cuori sono più forti dei danari. Hans Tuzzi è l’autore – oltre che di apprezzati saggi sulla storia del libro e sul suo mercato antiquario – dei celebri romanzi polizieschi ambientati a Milano che hanno come protagonista il commissario Melis: Il maestro della testa sfondata (2002), Perché Yellow non correrà (2003), Come il cielo sull’Annapurna (2004), Tre delitti un’estate (2005). L’ultimo, La morte segue i magi, uscito da Bollati Boringhieri nel 2009 è stato definito dalla critica in entusiastiche recensioni «un gioiello», «vera scrittura», «ottovolante linguistico strepitoso» con una trama segnata da «aspetti fortemente innovativi». Ha insegnato al Master di Editoria Cartacea e Multimediale diretto da Umberto Eco presso l’Università di Bologna.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,5
di 5
Totale 6
5
0
4
1
3
3
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudio

    21/11/2017 07:17:04

    E' il mio primo libro su Melis e company e non è stato senz'altro esaltante. Storia ambientata all'inizio della primavera dell'85, l'anno della grande nevicata. Una donna, giovane, viene trovata barbaramente assassinata alle porte di Milano in un boschetto di solito frequentato da prostitute e loro clienti. L'indagine si interseca con la presenza a Milano di un noto killer di mafia, venuto al Nord per trovare il modo di riciclare il denaro mafioso.

  • User Icon

    letizia

    05/03/2011 21:27:31

    La trama, lineare, disegna il quadro di un mutamento: quando, alla metà degli anni Ottanta, su Milano s'allungano le ombre della criminalità organizzata, la volgarità da privata diventa pubblica e i vecchi valori meneghini di sobrietà e understatement stanno per essere messi in soffitta. Una trama troppo lineare? Forse, rispetto ad altri Tuzzi. E nulla di politicamente corretto. Ma la pagina sulla traduzione da Proust vale, da sola, il prezzo del libro.

  • User Icon

    Maria Gregorio

    04/03/2011 16:52:17

    Dò ragione a Caterina, non è il primo Tuzzi da leggere, ma comunque da leggere. Credo che qui l'’autore abbia voluto rappresentare l'’inizio del degrado etico e lessicale che, uscito in pubblico in quegli anni, da Milano ha invaso l'’Italia. Da milanese mi ci sono ritrovata molto. Vero, Tuzzi qui ogni tanto sonnecchia..., eppure la lettura regala qualche boccone prelibato. E, poi, secondo me, la fedeltà agli autori paga sempre, almeno fino alla terza caduta.”

  • User Icon

    paolo

    15/09/2010 22:23:11

    Delusione cocente per gli estimatori di Tuzzi e Melis (tra i quali ero anche io). Una storia asfittica, stiracchiata, con personaggi o grotteschi o scontati. Frequenti volgarità del tutto gratuite e cedimenti ad un insopportabile e petulante ossequio al 'politicamente corretto' nella evidente ricerca di un plauso che il merito stavolta non riesce ad ottenere. Da dimenticare.

  • User Icon

    caterina

    13/06/2010 13:37:17

    Che peccato! Ho letto tutti i libri di Tuzzi con protagonista Melis e questo è davvero il meno riuscito: un pò stanchi i personaggi, lento lo svolgimento dell'indagine, anche se, come sempre, la trama gialla tiene bene fino alle ultime pagine. Scrittura raffinata. Si può leggere, ma non come primo libro di Tuzzi.

  • User Icon

    Chicca63

    03/05/2010 12:59:12

    Bah ... un romanzetto dalla trama abbastanza scontata e neanche troppo coinvolgente. Una quantità di personaggi inutili ai fini del racconto e altri, quelli importanti, poco più che tratteggiati. Un narcisismo di scrittura più che suff e citazioni al limite dell'irritante

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Hans Tuzzi Cover

    Hans Tuzzi, pseudonimo di Adriano Bon, è l’apprezzato autore – oltre che di saggi sulla storia del libro e sul suo mercato antiquario – dei celebri gialli ambientati a Milano che hanno come protagonista il commissario Melis: Il Maestro della Testa sfondata (2002), Perché Yellow non correrà (2003), Tre delitti un’estate (2005), La morte segue i magi (2009), L’ora incerta fra il cane e il lupo (2010), Un posto sbagliato per morire (2011), La notte, di là dai vetri (2019) sono pubblicati da Bollati Boringhieri. Con Vanagloria (2012) Tuzzi ci regala una nuova, sorprendente prova narrativa fuori dal genere giallo e con Morte di un magnate americano (2013) arriva finalista al Premio Commisso. Altri suoi libri pubblicati... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali