Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Edizione: 1
Anno edizione: 2016
Pagine: 208 p., Rilegato
  • EAN: 9788806226725

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,99

€ 13,88

€ 18,50

Risparmi € 4,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    SIMONA TANZINI

    13/01/2018 12:19:59

    sinceramente da un vincitore di un premio Strega mi aspettavo qualcosa di meglio. Un libro tutto sommato nella norma : buona la storia e apprezzabile la sua filosofia ma a volte la lettura risulta un po' noiosa per la lentezza della storia

  • User Icon

    Luciano

    12/01/2018 10:20:12

    Libro piacevole, che si legge bene e che ti lascia appagato. Il bellissimo rapporto con la montagna, con gli stupendi paesaggi che evoca, con la natura incontaminata, che solo a certe quote ormai si riesce a trovare, ti entra dentro e ti lascia pensare. E il pensiero vaga, scopre rapporti dimenticati, amori perduti e momenti di solitudine esistenziale. E un grande desiderio di riappropriarsi della propria vita, del proprio destino e della nostra storia personale.

  • User Icon

    nelly61

    09/01/2018 14:22:19

    Bravo, lettura molto appagante. Chi ama la montagna non può non leggerlo

  • User Icon

    Erika

    08/01/2018 23:01:28

    Bello e amaro

  • User Icon

    Stefano

    04/01/2018 22:38:13

    Da un premio Strega uno si aspetta molto di più (ma ormai i premi servono solo a vendere più libri). A parte questa nota polemica la storia è ben scritta e procede in modo scorrevole. Il rapporto con il padre è forse la parte più bella ma anche la figura di Bruno è molto ben delineata ed è quasi commovente. Nel complesso un libro "schietto" e vero come le montagne di cui parla.

  • User Icon

    ST360

    01/01/2018 20:39:07

    Vivamente consigliato. Bellissimo libro. La figura del padre e di Bruno indimenticabili. Unica nota fuori posto il commento negativo riservato ai primi "alpinisti" che nei primi anni del novecento sono morti o hanno lottato per sopravvivere riportando serie conseguenze dovuto alle condizioni sia proibitive della montagna sia dell´equipaggiamento insufficiente di quel tempo. Ma grandi alpinisti che hanno fatto la storia e che molti traversi, passaggi o luoghi portano il loro nome. Peccato che l´autore liquida questi immortali eroi con aggettivi poco lusinghieri. Unica nota stonata. Per il resto gran libro.

  • User Icon

    marco

    29/12/2017 11:24:02

    A mio avviso è un libro scritto per vincere un premio: gli ingredienti ci sono tutti: rapporto padre/figlio, una amicizia tra un ragazzo di città e uno cresciuto in montagna, la montagna come metafora di un luogo dove ritrovarsi e isolarsi. Tutto questo però scritto molto bene e a tratti commuovente (la telefonata dal Nepal mi ha molto colpito). Lo consiglio non solo a chi ama la montagna.

  • User Icon

    Alfredo

    13/12/2017 22:15:19

    Complimenti ad Einaudi e il più brutto premio Strega della Strega, complimenti a i 5 editori se si spartiscono il premio dal 1949 e che dal 2013 rappresenta davvero LA GRANDE BRUTTEZZA DELL'EDITORIA. Gli incassi passano, i capolavori restano.

  • User Icon

    Gianni F.

    13/12/2017 09:22:25

    Uno dei più bei romanzi di questi ultimi anni! Potessi gli darei un bel dieci. Duecento pagine che contengono il summa di una stupenda amicizia virile, l'amore per la montagna e la natura in generale. Ammetto che l'ambiente alpino mi è molto congeniale ed in molte situazioni descritte mi ci sono ritrovato. Un romanzo che fa riflettere sui rapporti famigliari, sulla ricerca di una pace interiore e sui valori, veri o presunti, del cosi detto "progresso". Un grande autore!

  • User Icon

    Simona Massara

    11/12/2017 20:37:51

    Libro bellissimo ha saputo descrivere molto bene i paesaggi , i personaggi che danno vita ad una bella amicizia che li accompagna nel corso della loro vita complimenti alla autore che ho scoperto con questo libro

  • User Icon

    n.d.

    09/12/2017 17:47:34

    il libro è un ottimo libro lo consiglio

  • User Icon

    Greta

    26/11/2017 10:46:50

    Il libro l'ho trovato davvero malinconico, subito dalla prima pagina. Il rapporto del padre con la montagna l'ha reso ancora più triste, il fatto che trovasse la montagna un posto dove rifugiarsi, fuggire e a non pensare a quello che accade a valle. E questo senso di protezione lo vuole trasmettere anche al figlio. I temi del libro sinceramente li ho trovati un po' banali, già visti, che trattano di amicizia e infanzia, nonostante questo mi è piaciuto; mi è piaciuta l'ambientazione, però non mi ci sono ritrovata a pieno non essendo legata a quel tipo di paesaggio. La scrittura è semplice, senza parole particolarmente difficili, ho apprezzato l' inserimento di indovinelli, quelli che il padre porgeva al figlio, che comunicano dei bei messaggi sulla vita. La fine mi ha lasciato un po' perplessa, non ho capito veramente quello che è accaduto, perché poteva essere interpretato in vari modi e magari anche con un seguito del libro.

  • User Icon

    Ilaria C.

    18/11/2017 14:15:54

    Romanzo pervaso di una grande tristezza dalla prima all'ultima parola. Due protagonisti irrisolti che vivono relazioni irrisolte: Pietro con Bruno, Bruno con Lara, Pietro col padre, Pietro con la montagna. I dialoghi sono scarni, nessuno dei due riesce a trovare se stesso, la propria strada. La lettura è scorrevole, ma sono arrivata alla fine con la bocca amara... Da un premio strega mi aspettavo di più.

  • User Icon

    Antonio Piscitelli

    16/11/2017 22:48:05

    "Non riuscivo a capire come mai qualcuno avesse scelto una vita tanto dura. - Non l’hanno mica scelto. Se uno va a stare in alto, è perché in basso non lo lasciano in pace. - E chi c’è in basso? - Padroni. Eserciti. Preti. Capi reparto. Dipende". In queste essenziali categorie sono i segni dei mali del mondo: il capitalismo selvaggio, le guerre, le superstizioni e i fondamentalismi, il lavoro alienante prossimo alla servitù della gleba. E poi le disuguaglianze, le ingiustizie, le intolleranze e la povertà. Che orrore! Allora si comprende perché dei quarantenni non privi di intelligenza e ingegno si tengano a distanza di sicurezza dalle donne e prediligano una connivenza tutta al maschile. Le donne sono la procreazione, la continuità della specie, una sorta di sadica perpetuazione del male nelle ipotetiche creature future. Sì, è vero, Bruno diventa padre, ma ne vive la condizione per un breve periodo, presto fatto consapevole dell’inadeguatezza del suo ruolo. Pietro, al contrario, cambia compagna come cambia d’abito; con consapevolezza non vuole legami, non vuole figli, benché poi si prenda cura di bambini non suoi, nella lontana Katmandu, dove lo spettacolo del dolore altrui è il prezzo da pagare alle fughe sulle alture vertiginose del Tibet, una terra contesa, asilo di esuli volontari e nostalgici sognatori. Forse la purezza non ha patria. I due protagonisti del romanzo sembrano dei novelli Amleto, entrambi, loro malgrado, dentro una tragedia, circondati dalla ferocia di un presente angoscioso la cui scaturigine storica è ancora ferocia. Che fare? Essere o non essere, recitava Amleto nel castello avito della guasta Danimarca. Non c’era dicotomia in quel suo monologare sensato, ogni prospettiva che gli si apriva era sul fronte del solo “non essere". Morire, dormire, forse sognare. Tre verbi che rifiutano sdegnosamente la vita, il mondo reale.

  • User Icon

    luca

    02/11/2017 09:05:45

    storia coinvolgente, montagne stupende. COnsigliato

  • User Icon

    Edmund

    31/10/2017 14:23:44

    la lettura più coinvolgente degli ultimi anni - si esce dai soliti cliché, si vive l'uomo nel suo rapporto con con gli altri uomini e con la natura che li circonda e che ne accoglie gli umori e gli stati d'animo in una descrizione in stato di grazia, libera da condizionamenti pseudo letterari, una scrittura felicemente spontanea che ti avvicina all'anima dell'autore rendendotelo amico e compagno di vita, una vita sofferta alla quale partecipi con somma empatia

  • User Icon

    lordaslan

    30/10/2017 10:13:22

    Noioso. Tecnicamente, la scrittura si attesta su un livello davvero minimo sufficiente, qundi lo sconsiglio per i ragazzi che leggendo i libri vogliono imparare qualcosa. E i contenuti? Risposta: non ci sono. Un racconto triste di una vita quasi normale. Certo, il protagonista si bea di aver vissuto la vita che voleva, mentre noi comuni mortali abbiamo barattato una vita da impiegati nella Milano sporca e travolta dalla crisi grottesca, come la defnisce lui, mentre lui se ne sta in Nepal a guardare il mondo con il suo laptop senza fare nulla e quindi senza alcun impegno verso i suoi simili. L'unico impegno ce l'aveva con Bruno, e quando era ora di tirare fuori gli "attributi" e salvare il suo amico dall'autodistruzione... non ha saputo fare e dire nulla. Bravo! Se avessi vissuto come noi stupidi mortali con una famiglia e degli obblighi... avresti saputo cosa drigli! Gli avresti detto: Bruno alzati e vedi di trovarti un lavoro! Qualsiasi, non importa cosa e dove... perché hai messo al mondo una bambina! E non la puoi abbandonare così! Da genitore, questo libro l'ho trovato davvero pessimo. Una storia triste, di due uomini che hanno passato a guardare le montagne invece delle persone.

  • User Icon

    n.d.

    27/10/2017 20:40:28

    Very nice book and story, really worthwhile reading.

  • User Icon

    biribettina

    25/10/2017 12:42:52

    bello come le montagne...consigliato

  • User Icon

    MauBau

    25/10/2017 12:37:18

    Da appassionato di montagna sono partito con le migliori intenzioni...ma piano piano l'interesse è andato scemando e ho concluso la lettura con fatica, la causa principale per quanto mi riguarda sono stati i personaggi poco coinvolgenti, in particolare il protagonista e scarsa introspezione psicologica. Peccato.

Vedi tutte le 80 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Siete voi di città che la chiamate “natura”. È così astratta nella vostra testa che è astratto pure il nome. Noi qui diciamo “bosco”, “pascolo”, “torrente”, “roccia”, cose che uno può indicare con il dito. Cose che si possono usare. Se non si possono usare, un nome non glielo diamo perché non serve a niente.

È proprio vero che ognuno di noi ha le sue montagne. Le mie sono nell’alta Val Venosta, incastrate lassù, in quell’angolo tra l’Austria e la Svizzera. È lì che ho scoperto il profumo delle pinete e dei rododendri. Che ho imparato che cos’è la fatica, e quanto a volte può essere ripagata. Che ho visto paesaggi talmente belli da lasciarti senza fiato, che ho respirato un’aria fresca e pungente così diversa da quella della campagna e che riconoscerei ovunque.

La montagna di Pietro sorge sopra Grana, un paesino ai piedi del Monte Rosa. Ha iniziato ad andarci quando era ancora bambino, d’estate, con i suoi genitori. Ci tornerà tutti gli anni. Un ragazzo di città, solitario e fragile, che scopre il verde dei prati, il rumore dei ruscelli, la bellezza della natura. E conosce Bruno, che in quel di Grana ci vive, che è ancora bambino ma è già costretto a lavorare accompagnando le mucche al pascolo. La loro prima estate insieme è fatta di corse nei prati, di esplorazioni di case diroccate, di tuffi nei torrenti. Di avventura e libertà.

Tra i due nascerà un legame profondo, un’amicizia che non vive di parole ma di azioni, così forte da sopravvivere alle stagioni più dure e alla distanza. Perché il tempo e lo spazio nel loro rapporto non contano poi tanto. Non basteranno l’immaturità e l’egoismo dell’adolescenza ad allontanarli; non serviranno il viaggio di Pietro in Asia e la nuova famiglia di Bruno, le incomprensioni e il senso di perdita; tutte le difficoltà della vita non riusciranno a rompere quel rapporto. Qualunque sia la strada che ognuno ha deciso di intraprendere prima o poi passerà ancora una volta dalla quella montagna.

È uno splendido romanzo di formazione quello di Paolo Cognetti. La storia di un’amicizia che cresce e si consolida nel tempo, forte e selvaggia, quasi primordiale, fatta di poche parole e di tanti silenzi. Scritta con una lingua vera, essenziale, che si nutre di termini precisi e ricercati legati a quel mondo alpino così distante dalla città e che forse si sta perdendo per sempre. Una storia di uomini che hanno bisogno di concretezza, che hanno imparato ad abituarsi alla solitudine, uomini insicuri, fragili, vivi, che cadono e si rialzano, che si fanno le ossa, che diventano adulti.

Recensione di Mauro Ciusani


In Nepal si dice che il mondo è una ruota a otto raggi. Al centro c’è una montagna altissima, il monte Sumeru, intorno otto montagne, i raggi della ruota, e tra di loro otto mari. (…). Nella terza parte di “Le otto montagne” Bruno, il montanaro, domanda a Pietro, il narratore: “Tu saresti quello che va per le otto montagne e io quello che sale sul monte Sumeru?”. “Pare proprio di sì”, risponde Pietro. Bruno non ha mai lasciato il piccolo paese natale di Grana. Pietro, il milanese, lavora in Himalaya. Ma hanno una casa in comune, fatta con le loro mani: “Barma drola che è il centro della ruota nella seconda parte: un vecchio rudere ricostruito, con due stanze, una piccola e chiusa con il lucchetto, perché è il deposito degli attrezzi, l’altra grande, con la stufa, sempre aperta come un rifugio (…). Ognuno è il centro del proprio mondo e intorno a lui i raggi della ruota sono le persone che gli sono care. Conoscersi è difficile come salire il monte Sumeru.

Molti diranno che in questo libro è la montagna il centro della ruota. A me pare che nella prima parte, Montagna d’infanzia, il centro sia il narratore, fino ai sedici anni. Lo ritroviamo a trent’anni nella seconda. Nella terza il centro è Bruno. Le otto montagne è scritto come un classico, limpido e asciutto. Ha la pendenza aurea del romanzo breve e percorrendolo si respira bene. Per metà del racconto i fatti si svolgono lineari; poi arrivano le sorprese. Pochi sono i personaggi: i due amici, i loro genitori, qualche parente stretto. Leggendo veniamo a conoscerli bene. La trama è l’amicizia: è questo il centro della ruota nepalese. La montagna è il cerchione: senza di esso i raggi non stanno insieme. Se la ruota è un simbolo, il racconto ci offre altre due immagini simboliche. Se entriamo nell’acqua di un torrente, che scorre come il tempo, dove sono il passato e il futuro? domanda a Pietro il padre. “Il futuro è giù, dove va l’acqua” risponde Pietro; cioè a valle. “Sbagliato, per fortuna” lo corregge il padre. Solo qualche anno dopo, andando a pesca Pietro capirà perché ha sbagliato. Se guardi a monte, come fanno i pesci, che mangiano con il muso rivolto alla corrente, il futuro ti viene incontro e alle spalle hai l’acqua passata. Il destino viene dall’alto, dalla montagna. Ma se le volti le spalle, il futuro è a valle, dove l’acqua scende. Ogni simbolo è reversibile. In montagna si può vivere al diritto, a l’adret, oppure al rovescio, a l’envers. Il diritto è il versante esposto a sud; il rovescio è il versante nord, dove la luce è riflessa e l’inverno dura a lungo. Nelle loro scorribande Pietro e Bruno amano esplorare i versanti all’envers, e all’envers si costruiranno la baita; e la vita. Guardano a monte. Ma quale versante? La ruota non lo dice (…).

Recensione di Andrea Casalegno


Caso letterario prima ancora della pubblicazione (è già stato venduto in 22 Paesi, cosa rara per un romanzo italiano) è la terza opera montanara di Cognetti, dopo Il ragazzo selvatico e alcune ispirazioni di A pesca nelle pozze più profonde. È il racconto di un apprendistato all’amicizia e alla vita, attraverso il rapporto tra Pietro, il protagonista, e Bruno, un ragazzino che abita nel paesino ai piedi del Monte Rosa, dove Pietro e i genitori trascorrono l’estate. Bruno è nel suo habitat (cura le vacche e in agosto parte con i parenti per raggiungere un alpeggio), mentre Pietro è un ragazzino di città, che viene iniziato all’amore per la montagna dalla madre, assistente sociale, e dal padre, un uomo irrequieto confinato alla prigione del lavoro in città, spesso imperscrutabile, ma capace di grandi dolcezze.

In narrativa non ci sono temi più universali del paesaggio, dell’amicizia e del diventare adulti, e la scrittura di Cognetti si fa classica (ed elegante) per raccontare al meglio questa storia. Credo sia per questo che Le otto montagne è stato così apprezzato all’estero.

Per molti, quando si parla di romanzo a tema “montagna” la prima cosa che viene in mente è Mauro Corona, e le sue elegie minime da eremita in divisa. Qui non c’è niente di tutto questo. C’è solo il romanzo vero di un bravo scrittore.

Recensione di Mario Bonaldi