Categorie

Rosario Sorrentino, Cinzia Tani

Editore: Mondadori
Collana: Saggi
Anno edizione: 2008
Pagine: 192 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804579557

Molti l'hanno sperimentato sulla propria pelle, molti ne hanno sentito parlare, gli psichiatri lo studiano da anni, i giornali e le televisioni gli dedicano ampi servizi. è l'attacco di panico, un disturbo purtroppo sempre più diffuso che secondo le attuali stime riguarda, solo in Italia, oltre due milioni di persone. Un numero elevato, destinato a crescere nelle previsioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ma di cosa si tratta? Di una semplice manifestazione d'ansia, di una vera e propria malattia psichica, di una predisposizione genetica, di un disturbo comportamentale? Ce lo spiega questo libro che illustra le cause, le tipologie, le caratteristiche del problema e propone possibili cure e soluzioni, tutto con estrema chiarezza e con un linguaggio accessibile al vasto pubblico. è una lettura rivolta non solo a chi soffre di attacchi di panico ma anche a familiari, medici, educatori e a chiunque voglia saperne di più. L'hanno scritto un'autorità nel campo, il professor Rosario Sorrentino, membro della American Academy of Neurology e fondatore dell'Istituto per la ricerca degli attacchi di panico di Roma, e Cinzia Tani, scrittrice e conduttrice di programmi radiotelevisivi.
Panico è un lungo dialogo tra i due: la giornalista pone domande puntali e circostanziate sull'argomento, il neurologo risponde con competenza ed esaustività, analizzando a fondo i vari aspetti del problema. Gli studi compiuti fino ad oggi da Sorrentino e altri studiosi internazionali hanno dimostrato che all'origine dell'attacco di panico c'è una sorta di "bugia" del cervello che si allerta per farci percepire come reale un pericolo che non c'è. Non si tratta dunque di una semplice stranezza della mente o di una semplice fobia "sociale", ma di un vero e proprio fenomeno neurologico che come tale va curato. In questi casi, secondo Sorrentino, la sola psicoterapia, seppur importante, non basta: è indispensabile l'intervento farmacologico, necessario per ritrovare l'equilibrio perduto e per "convincere il cervello e la mente" ad adottare un comportamento meno traumatico.
I mille volti della paura, il contributo della società di oggi all'insorgenza del fenomeno, le responsabilità dei mass media, le predisposizioni caratteriali, i legami con la depressione, gli atteggiamenti e le prese di posizione della psicanalisi, i soggetti più esposti al rischio: questi e molti altri gli argomenti trattati, in un'analisi lucida e completa, che non tralascia alcun aspetto del fenomeno ma si conclude con una nota di grande speranza. L'attacco di panico non è un male incurabile, può essere risolto. Questo libro ci spiega come uscire dal tunnel e come fare per non tornarci mai più.

Prologo
1. Vivere in un recinto
2. I due volti della paura
3. La chimica della paura
4. In perenne stato di attesa
5. L’ «urlo» del cervello
6. La «bugia» del cervello 7. Panico, depressione e altro
8. Contro la psicoanalisi
9. Le colpe dei mass media
10. Spaventati dagli altri
11. Gli ossessivi
12. L’altalena dell’umore
13. All’attacco del panico
14. I candidati al panico
15. Fuori dal tunnel

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giuseppe

    19/01/2010 18.43.26

    ci credete se vi dico che questo libro mi ha cambiato la vita? che mi ha tirato fuori da un tunnel dal quale nemmeno riuscivo a vedere la luce all'orizzonte? credeteci..e leggetelo xche la vita è stupenda e va assaporata in tutta la sua bellezza

  • User Icon

    Francesco

    01/12/2009 17.07.12

    Ci sono molti libri che trattano l'argomento in maniera migliore e completa,in questo libro non c'è scritto nulla di nuovo a parte alcune piccole cose(es.i soggetti con predisposizione a attacchi di panico a causa dell'elevata andride carbonica nell'aria).Come terapia concordo con il medico:sono a favore dell'uso dei farmaci se prescritti da un bravo medico e delle psicoterapia cognitivo comportamentale meno a quella solo di tipo psicoanalitico.Voto 3 su 5 perchè non è male come libro

  • User Icon

    aldo fondi

    16/07/2009 13.23.54

    ciao volevo dire a tutti coloro che criticano il libro che non è cosi come dicono perche grazie al profesor sorentino tanti pazzienti ne sono usciti e che se oggi abbiamo la fortuna di avere un professore che a studiato e grazie ai suoi sforzi ne possiamo uscire vittoriosi da questo male indesiterato. poi volevo dire che quanto riquarda il costo devo dire che a fronte di tanti dottori è lunico onesto perche oltre ad chiedere il giusto è anche specializato su questa padologia, mentre la gran parte dei dottori si inprovisano medici ma non lo sono e ti rubbano solo dei soldi ,quindi io dico che chi piu spende meno spende ,questo lo dicevano tanti hanni fa i nostri cari.

  • User Icon

    Annarita

    11/03/2009 11.34.02

    Ottimo libro. Verità assoluta. Lo dico dopo essere stata 20 anni in terapia senza concludere nulla, tranne dei brevi periodi di relativo miglioramento, accompagnati però con quel sottofondo di ansia perenne. I farmaci, da me per anni disdegnati, sono stati l'unica soluzione. E li prenderò, se dovesse servire per stare bene così come ora, per tutta la vita. Il libro è scritto in maniera molto semplice, senza troppi termini scientifici e di scorrevole lettura.

  • User Icon

    elettra

    01/02/2009 01.31.19

    sconsiglio assolutamente questo libro a tutti coloro i quali,come me, soffrono di attachi di panico!trovo che sia il parere di un medico con poca pazienza e con tanta voglia di pubblicizzare gli psicofarmaci.chissa' che poi non ne abbia un tornaconto.... e poi non dice nulla di nuovo(tranne forse la storia dell'accumolo di anidride carbonica sugli aerei...) che delusione!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Antonio

    22/11/2008 12.37.35

    Ho letto questo libro e mi sento in dovere di sconsigliarlo. Ovviamente è il mio punto di vista, motivato dal fatto che, al di là di una superficiale panoramica dei vari disturbi, non solo non ti insegna nulla ma punta tutto su un messaggio che ritengo per alcuni versi anche pericoloso e cioè che è inutile sperare di poter guarire perchè è impossibile a meno che non si faccio uso di farmaci. Credo invece che nella maggioranza dei casi si possa fare/imparare molto prima di cedere alla cosa più semplice/comune.

  • User Icon

    Claudio

    23/07/2008 09.57.13

    Ottimo libro che distende chi soffre di questi disturbi. Un libro che discretamente scivola all'interno dei problemi delle persone senza usare termini medico-scientifi esasperatiti. Unica pecca forse il sotenere troppo e spavaladamente la cura farmacologica, spesso è proprio questo il problema che rende ancora più diffidenti chi già lo è. Buona lettura e relax.

  • User Icon

    Silvia

    11/07/2008 08.48.56

    L'ho letto fino all'ultima pagina, sperando sempre che diventasse "il saggio" che si spaccia di essere. E invece no!, da questo libro non ho imparato nulla di più di quel che già avevo appreso sull'argomento, leggendo normali articoli di giornale. Cosa non si fa per la pubblicità e per i soldi!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione