La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato l'Europa romana - Peter S. Wells - copertina

La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato l'Europa romana

Peter S. Wells

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Maria Grazia Gini
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2019
Pagine: 382 p., Brossura
  • EAN: 9788842825647
Salvato in 68 liste dei desideri

€ 31,80

€ 33,40
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 29,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I conquistatori romani li hanno chiamati «barbari». Cesare e Tacito ne hanno descritto gli usi primitivi, lo stile di vita selvaggio, le forme di organizzazione politica elementari: popoli senza alcuna tradizione scritta, con una scarsa identità sociale. Sono le popolazioni celtiche e germaniche che l'impero romano incontra, combatte e ingloba nella sua espansione in Europa, dalle Gallie alla Germania fino alla Britannia.

«Grazie agli studi storiografici più recenti, questo libro smentisce i luoghi comuni - già da tempo scricchiolanti - sui cosidetti "barbari", visti come popoli arretrati e senza identità culturale, e evidenzia la fecondità diell'interazione tra romani e popoli conquistati» - Il Venerdì

Da allora il termine «barbaro» è sinonimo di arretratezza e inciviltà, un marchio con cui stigmatizzare l'altro ritenuto inferiore. Negli ultimi decenni, tuttavia, ricerche e studi archeologici hanno modificato la nostra percezione di questi popoli, rivelando un quadro sociale e culturale molto complesso e variegato. A partire da questa nuova prospettiva, Peter S. Wells propone una storia alternativa dell'epoca romana e compie un viaggio nel tempo che dall'età del Ferro giunge fino al In secolo d.C.: resti di mura e templi, vasellame, gioielli, manufatti e monete provano l'esistenza di civiltà evolute, che dopo la conquista romana entrano in simbiosi con la cultura dei «vincitori» e svolgono un ruolo fondamentale nella trasformazione della società romana in ambito commerciale, militare e religioso. La parola ai barbari smentisce consolidati luoghi comuni e rende manifesta un'interazione culturale ricca e feconda, nella quale i tradizionali ruoli di conquistatori e conquistati sono stati in realtà meno rigidi di quanto tramandato dalla storiografia. È questo l'humus che ha reso fertile il terreno su cui si è sviluppata l'Europa, e da cui si è formato il primo nucleo della nostra identità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali