Categorie

Chiara Gamberale

Editore: Bompiani
Anno edizione: 2009
Pagine: 106 p. , Brossura
  • EAN: 9788845262166

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Laura

    18/04/2011 11.37.40

    Gli ingredienti per una trama appassionante ci sono tutti, eppure... sembra più l'abbozzo di una storia che deve ancora essere sviluppata, che un romanzo vero e proprio. Peccato. Incompiuto.

  • User Icon

    lois76

    15/01/2010 16.23.50

    Carino.

  • User Icon

    elettra lincata

    23/10/2009 00.11.24

    Aprendo questo libro della Gamberale mi aspettavo di trovare un’altra sua preziosa difesa dell’amore. L’autrice, però, è riuscita a sorprendermi: Una passione sinistra è una divertentissima, dolce e strenua apologia dell’accadere. Sembra lontano da lei, eppure, anche qui, sempre di più, la riconosci; è questo che di lei preferisco. Come sa raccogliere quello che succede in giro e molti, spesso, buttano via e calpestano, come non si arrende e continua a dipingere le cose che fanno bene al cuore, le persone che ci piacciono, dettagli che qualcuno accusa fuori moda e invece sono proprio ciò per cui vale la pena tutto il resto, portandoci ogni libro un passo avanti con lei. Adoro Chiara Gamberale perché mai come qui ci ricorda quanto, a volte, è semplicemente vivo quello che accade. Come i cansuzei in montagna, una casa da vendere, l’inseminazione artificiale, piazza Navona che corre da tutte le parte, esclamare “che tette”, quando non potresti davvero dire altro. Come il rapporto extraconiugale tra Nina e Giulio che, a un certo punto, semplicemente c’è, esiste. Le cose che accadono sono strane. Quelle che pensi, che sogni, sono le spinte da inseguire, da dire, da avvolgere in cornici magiche, ma quelle che accadono non hanno altra ragione che la loro stessa manifestazione. Giulio, per esempio, passato un po’ di tempo perfino se le dimentica. “Se si hanno dei sogni e non li si rispettano la vita è un casino” scrive Chiara Gamberale, proprio nel libro in cui ci regala con sincerità e ironia la forza del corpo e del materico. Quello che preferisco, di questa scrittrice, è che non cerca una risoluzione al conflitto, che non riduce i termini della questione a un incontro forzato. Semplicemente, e con la grazia che le è propria, li fa accadere uno vicino all’altro, senza volerli fermare, e accogliendo le lacrime e le risate dritto in mezzo dove i fatti stanno e tu ti ritrovi a essere.

  • User Icon

    gio'

    08/06/2009 08.26.18

    Folgorante fotografia del momento più buio della sinistra italiana! Come sempre la Gamberale mi sorprende da un lato e dall'altro conferma la sua ironia più unica che rara. Brava!

  • User Icon

    Vittoria

    27/03/2009 08.38.10

    DISASTROSO. Quante banalità in questo libro!! Che poi chiamarlo libro mi pare un eufemismo, visto che sono poche pagine in formato ridotto. Ma la lunghezza (insegna Carver) non è necessariamente un pregio quando la storia e lo stile sono sostenuti dalla qualità. Questo sembra un libretto buttato lì da una ragazzina che ha frequentato (male) un corso di scrittura creativa. Sono veramente senza parole!!!

  • User Icon

    Ninetta

    13/03/2009 21.23.16

    Nina e Bernardo,normalissima coppia di sinistra,Giulio e Simonetta normalissima coppia di destra.Giulio e Nina all'apparenza non hanno nulla in comune,vite totalmente diseguali,anzi due opposti della nostra società odierna:destra e sinistra,il berlusconiano e l'attivista di sinistra,il tradizionalista e lo spirito rivoluzionario:assolutamente niente che all'occhio esterno li renda affini,che li possa legare.Ma spesso gli opposti si attraggono,il diverso intriga,affascina,incuriosisce.Così le loro vite si intrecciano e si fa spazio tra loro una passione scomoda,inconsueta,sinistra. La passione che nasce tra Nina e Giulio è una passione che scoppia in un attimo,quasi di irrazionalità.I due mostravano inizialmente un puro disprezzo l'uno per l'altro,che poi si trasformerà nel desiderio sfrenato che hanno di entrare l'uno nella vita dell'altro,nel modo di pensare dell'altro e voler accettare qualcosa da coloro che da sempre scartiamo a priori:i nostri opposti.Giulio è l'antitesi perfetta di Bernardo.Berlusconiano convinto è composto,chiuso nel suo mondo,non ama come Nina commentare e condividere opinioni politiche,pensare.Pertanto si rifiuta di instaura un colloquio con la sua amante e conversare sembra rappresentare l'aspetto che proprio non sopporta di lei.Eppure in un breve dialogo,instaurato forzatamente da Nina,Giulio le rivela due cose piuttosto intime:la sua voglia ostinata di avere un figlio e la brutta faccenda di anoressia e tentato suicidio di sua sorella Teresa.Sebbene Nina abbia fatto di Bernardo"l'unica persona di cui sinceramente,profondamente le interessi sapere il parere su qualsiasi cosa,l'unica in grado di metterla in crisi,di portarla a considerare le situazioni da un punto di vista che non sia il suo" lo tradisce.E lo tradisce col suo opposto per rompere i suoi schemi fissi,per scoprire il diverso.Dopo essersi abbandonati alla piacevole lettura di questo racconto,impresso nella mente resta il dubbio:Allora l'amore è in grado di unire anche persone che politicamente sono del tutto inconciliabili?

  • User Icon

    AttilioCT

    13/03/2009 10.17.49

    Carino, mi aspettavo anche io più conflittualità tra destra e sinistra, ma si legge tuttu di un fiato e l'idea narrativa è pregievole....un bel libro per il weekend.

  • User Icon

    laura

    10/03/2009 18.00.35

    fulminante.Un'idea geniale.

  • User Icon

    Silvia

    10/03/2009 15.49.27

    Si legge d'unfiato, non è male ma non era ciò che mi aspettavo leggendo la presentazione. Mi aspettavo una maggiore connotazione politica delle parti e una più profonda conflittualità tra destra e sinistra.

  • User Icon

    bruno trabattoni

    08/03/2009 14.38.26

    avevo visto l'autrice ospite al tg de la7 e , oltre che simpatica , mi sembrava in gamba . ho acquistato il libro e quì la prima sorpresa . in tv non avevo notato le dimensioni ultra ridotte , il prezzo un pò alto in confronto alla quantità di pagine . ma la vera delusione è il libro stesso . la storia potrebbe essere valida ma forse averla ridotta a quasi un tema di 3° media come durata e svolgimento non è stata una buona idea. potrebbe entrare in una raccolta per " idee da cui partire per un tema in classe " . personaggi vaghi e senza sale ambiente inesistente . bocciato !!

  • User Icon

    M.

    02/03/2009 11.41.50

    Perfettamente in linea con quanto ha scritto una lettrice che mi ha preceduto di qualche recensione. Questo libretto (esilissimo per dimensioni e contenuti) è nella TOP TEN DEI PIù BRUTTI degli ultimi anni. BOCCIATO, SENZA RISERVE.

  • User Icon

    valentina loiero

    28/02/2009 11.18.16

    Ancora molto confusa, come sempre i libri di Chiara mi toccano una corda evidentemente molto profonda tanto che ancora non l'ho individuata. Certo mi fanno sentire più "scoperta". Quest'ultimo, poi, non riesco a slegarlo dal precedente: insomma è possibile che "una passione sinistra" metta a nudo la mia "zona cieca"?. V.

  • User Icon

    Libero censore

    16/02/2009 10.22.52

    È stato un piacere leggerlo, anche se è volato via troppo presto. Con poche, precise frasi, Chiara Gamberale riesce a descrivere la parabola della passione amorosa e politica, fatta di grandi slanci ma anche di cocenti delusioni, fino ad arrivare al disincanto dei nostri tempi. Forse chi non ha vissuto la militanza, chi non ha perso la passione degli anni più impetuosi, non può apprezzare un libricino (sono solo poche pagine) tanto ricco.

  • User Icon

    donata

    14/02/2009 12.00.28

    Chirurgica come sempre Chiara Gamberale,nell'analizzare le nostre vite e gli slanci che le animano. Se ne 'La zone cieca' la dimensione era più interiore,in 'Una passione sinistra'i personaggi sono senza scampo proiettati al di fuori,nella realtà e nel momento in cui tutti viviamo, ma che cerchiamo di interpretare con criteri forse non più validi. Destra,sinistra,giusto,sbagliato... Un tentativo,riuscitissimo,di dare voce ai dubbi che spesso assalgono alcuni di noi,osservando chi sembra vivere di certezze incrollabili... Chiara Gamberale è una giovane scrittrice e un talento fresco,che proprio per questo guarda il mondo in modo autentico...

  • User Icon

    Giada

    12/02/2009 11.54.40

    Della più bieca e scontata ovvietà. A partire dalla copertina. Questo libro - me lo ha regalato mia cognata che da sempre non ne azzecca una - si candida ad essere IL PEGGIORE CHE ABBIA MAI LETTO.

  • User Icon

    Sandra

    12/02/2009 09.53.55

    La storiellina è un po' scontata ma si lascia leggere. Quello che sconcerta è il non-finale. Non si capisce dove si vada a parare: vuole forse dire che quelli di destra in un modo o nell'altro ottengono sempre quello che vogliono mentre quelli di sinistra sono votati al sacrificio? Mah?! La ragazza è intelligente ma non si applica: può fare molto di più (è l'ha ampiamente dimostrato con i primi tre romanzi).

  • User Icon

    achille

    10/02/2009 00.56.05

    Sono d'accordo con chi afferma che questo è un libro veramente illegibile. Velleitario nei propositi e scadente, puerile nelle conclusioni. Forse all'autrice farebbe bene un buon ritiro spirituale e una terapeutica lontananza dalla produzione letteraria (letteraria???) Achille

  • User Icon

    mb

    09/02/2009 11.59.45

    Intelligente e spietata fotografia dei "sinistrati", per dirla alla Berselli. Preferisco i romanzi lunghi della Gamberale ma anche qui l'ho trovata incisiva al suo solito.

  • User Icon

    gianvito

    06/02/2009 15.31.21

    Che luoghi comuni, che mediocrità, che noia. La Gamberale parla di cose che non conosce e lo fa con una disarmante superficialità. Che brutto libro. Bocciato.

  • User Icon

    gigia

    05/02/2009 23.59.37

    ho sentito l'autrice in radio, parlando di sè pensavo che scherzasse, che si prendesse un po' in giro. invece no! si prendeva terribilmente sul serio... come questo libretto del resto. si prende sul serio e dopo la lettura resta nulla, ma proprio nulla. se non la rabbia di aver buttato i soldi di una pizza.noioso e banalissimo. brrr

Vedi tutte le 44 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione