Il pianista (Blu-ray)

The Pianist

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Pianist
Paese: Francia; Polonia; Germania
Anno: 2002
Supporto: Blu-ray
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,99 €)

Nella tranquilla saletta di registrazione della radio dove lavora, Szpilman (Adrien Brody) sta eseguendo il Notturno in Do diesis minore di Chopin, quando una serie di violente esplosioni distruggono la facciata del palazzo, annunciando l'inizio della seconda guerra mondiale e l'invasione della Polonia. Nei giorni successivi Varsavia viene occupata e sulla famiglia Szpilman, come sul resto della comunità ebraica, si abbatte il flagello nazista. La fame e la miseria in cui versano, le angherie e le umiliazioni subite non piegano lo spirito di Wladyslaw e dei suoi cari che, seppure esiliati nel ghetto di Varsavia, lottano per restare uniti. Persino sui vagoni spogli diretti ai campi di sterminio. Solo il pianista viene separato dal nucleo e comincia a vagare solo per la città, elemosinando cibo e rifugio. Finché un ufficiale tedesco (Thomas Kretschmann), colpito dallo straordinario talento musicale del giovane, non decide di proteggerlo e nasconderlo fino alla liberazione della città.
5
di 5
Totale 7
5
7
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Federico

    17/05/2020 21:41:27

    Storia drammatica e che fa profondamente riflettere.

  • User Icon

    Arwen

    17/05/2020 20:06:37

    Torna l'Olocausto, e per mano di un "autore". Pareva che Spielberg avesse detto l'ultima parola, invece ecco una storia sul ghetto di Varsavia. Siamo nel '38. Comincia a stringersi la tenaglia nazista che produrrà le prime limitazioni per gli Ebrei: prima leggere -la stella di Davide cucita sul braccio- poi pesanti, poi intollerabili, poi mortali. Fino alla decimazione. Wladyslaw, giovane, talentoso pianista, sta suonando Chopin per una registrazione radiofonica proprio mentre arriva la notizia dell'invasione nazista della Polonia. Il giovane assiste all'orribile spirale: tutta la famiglia deportata e poi le condizioni del ghetto: bambini che muoiono di fame, gente uccisa per nulla, e una piccola parte di ebrei che tradiscono per sopravvivere. Alla fine Wladyslaw è di nuovo al piano, proprio come all'inizio. Ma naturalmente l'esperienza lo ha devastato. Niente, neppure Chopin sarà più come prima.Un capolavoro di film ,avvincente dall'inzio alla fine.

  • User Icon

    Mariagrazia

    16/05/2020 02:33:09

    Film autoriale sull'olocausto davvero ben fatto, da avere assolutamente, specie in questa edizione Blu-ray. Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Fabio

    13/05/2020 12:40:07

    Una straordinaria sopravvivenza all'orrore dell'Olocausto vissuta da quest'uomo dotato dal talento musicale, una sopravvivenza conquistata con dignità. Questa è la cosa che più mi ha colpito del protagonista: la tua immensa dignità davanti all'orrore. Film bellissimo, uno dei più belli che io abbia mai visto.

  • User Icon

    Ornella

    11/05/2020 13:00:07

    Un film che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita. Molto fedele al libro e ben girato. Davvero toccante.

  • User Icon

    Michele

    21/09/2019 09:35:49

    Opera fondamentale nella filmografia di Polanski: incollato alla sedia dall'inizio alla fine. In BLU RAY non può mancare.

  • User Icon

    Cesare

    11/03/2019 18:55:45

    Un brillante pianista polacco, di religione ebraica, viene confinato nel ghetto di Varsavia dove sperimenta sulla propria pelle la sofferenza e l'umiliazione. Sfugge alla deportazione nascondendosi fra le rovine della città mentre un ufficiale tedesco lo aiuta a sopravvivere. Splendida la regia di Polanski e molto convincente la recitazione di Adrien Brody. Un bellissimo film, che lascia il segno. Parlando della copertina, peccato la Eagle Pictures abbia scelto la ripetitiva grafica della collana Indimenticabili, molto fastidiosa per i collezionisti.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

Polanski racconta l'Olocausto. Palma d'oro a Cannes 2002


Trama


Torna l'Olocausto, e per mano di un "autore". Pareva che Spielberg avesse detto l'ultima parola, invece ecco una storia sul ghetto di Varsavia. Siamo nel '38. Comincia a stringersi la tenaglia nazista che produrrà le prime limitazioni per gli Ebrei: prima leggere -la stella di Davide cucita sul braccio- poi pesanti, poi intollerabili, poi mortali. Fino alla decimazione. Wladyslaw, giovane, talentoso pianista, sta suonando Chopin per una registrazione radiofonica proprio mentre arriva la notizia dell'invasione nazista della Polonia.

  • Produzione: Eagle Pictures, 2018
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 150 min
  • Roman Polanski Cover

    Nome d'arte di R. Raymond Liebling, regista francese di origine polacca. Nato nella capitale francese, ritorna in patria con i genitori polacchi, che nel 1941 finiscono in un campo di concentramento nazista, dove la madre non sopravvive. Precoce attore di teatro, fa un’apparizione anche sullo schermo prima di iscriversi alla Scuola di cinema di Lodz, dove si diploma nel 1959. Durante gli studi gira alcuni cortometraggi in formato ridotto, ma sono i due saggi di fine corso, Due uomini e un armadio (1958) e La caduta degli angeli (1959), che ne rivelano il talento. P. esibisce fin dagli inizi una carica surreale e un gusto del grottesco derivati dall’interesse per l’arte d’avanguardia e coltivati con la frequentazione di artisti e con una personale esperienza nella pittura. I due uomini che... Approfondisci
  • Adrien Brody Cover

    Attore statunitense. Esordisce con un piccolo ruolo in New York Stories (1989, nell'episodio La vita senza Zoe di F.F. Coppola) e colleziona molte altre apparizioni marginali prima di La sottile linea rossa (1998) di T. Malick, in cui può finalmente mostrare le pieghe più sofferte del suo volto spigoloso. Nel 1999 recita in Liberty Heights di B. Levinson, ma soprattutto è il punk Richie in S.O.S. Summer of Sam - Panico a New York di S. Lee, un ruolo memorabile che costruisce sottolineando tutta la sua diversità rispetto alla comunità in cui vive e subendo le conseguenze della sua anarchia. Nel 2000 è in Bread and Roses di K. Loach. Nel 2002 vince l'Oscar come miglior attore protagonista per la sua interpretazione del musicista ebreo Wladyslaw Szpilman in Il pianista di R.?Polanski, cui seguono... Approfondisci
Note legali