Playboys (Orange Coloured Vinyl)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Waxtime in Color
  • EAN: 8436559465366

€ 21,50

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 21,50 €)

Il critico jazz Todd Selbert ha scritto di questo album in una delle sue numerose riedizioni: «Nella storia relativamente breve delle registrazioni jazz, più di un album è stato prodotto con l’idea che, se una stella solista può fare grande musica, due possono fare musica ancora migliore. Questo pensiero è logico, ma spesso la musica prodotta da queste coppie stellari non funziona. O un musicista non apprezza la musica dell’altro o i loro stili sono incompatibili. Ma di tanto in tanto l'abbinamento di due stelle produce musica di un ordine superiore, musica animata dall’ispirazione reciproca. È questo il caso di Playboys. A quel tempo, Baker e Pepper erano all’apice della loro carriera, entrambi suonavano il proprio strumento meglio di chiunque altro nel jazz. Ma le loro parti soliste non sono ciò che eleva questo disco; entrambi erano ispirati, e, a loro volta, hanno ispirato gli altri membri del sestetto Phil Urso, Carl Perkins, Curtis Counce e Lawrence Marable. Tutto ha funzionato alla perfezione quel giorno».
Disco 1
1
For Minors Only
2
Minor Yours
3
Resonant Emotions
4
Tynan Time
5
Picture Of Heath
6
For Miles And Miles
7
C.T.A.
8
Little Girl
  • Chet Baker Cover

    Propr. Chetney H.Baker. Trombettista statunitense di jazz. Influenzato da Miles Davis, ha elaborato un suo originale lirismo derivato dal cool jazz ed espresso anche nel canto sottile e suggestivo. Affermatosi col quartetto di G. Mulligan (1952), ha svolto soprattutto negli ultimi anni un'intensa attività con gruppi occasionali. Approfondisci
  • Art Pepper Cover

    Propr. Arthur Edward Pepper. Altosassofonista statunitense di jazz. Influenzato da Charlie Parker e nel contempo vicino alle nuove ricerche del «cool jazz», fu tra i più inventivi improvvisatori del dopoguerra, risentendo nelle ultime registrazioni anche di influssi di John Coltrane. Nel 1943-44 e dal '48 al '52 suonò nell'orchestra di Stan Kenton. Approfondisci
Note legali