Plays the Cole Porter Song Book - Vinile LP di Oscar Peterson

Plays the Cole Porter Song Book

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Oscar Peterson
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
Data di pubblicazione: 3 febbraio 2017
  • EAN: 8436559461672
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Con l'introduzione degli LP nella metà degli anni Cinquanta, il produttore Norman Granz ha rivoluzionato il mondo del jazz con una serie di album basati sul lavoro dei più famosi autori americani. I più celebre di questi canzonieri sono quelli realizzati da Ella Fitzgerald impegnata nell’interpretazioni di opere di Rodgers & Hart, Gershwin, Porter, ecc… I cosiddetti Songbooks, tuttavia, non si limitavano a performance vocali. Nel 1954, Granz aveva già cercato di realizzare uno dedicato a Cole Porter interpretato da Charlie Parker, ma i risultati non furono soddisfacenti a causa anche del peggioramento delle condizioni di salute di Bird (sarebbe morto nel Marzo del 1955). Nato in Canada, Oscar Peterson è stato convinto da Granz a recarsi negli Stati Uniti, dove divenne uno dei musicisti più i presenti della sua “carovana”, sia per quanto riguarda le registrazioni in studio sia nei tour del Jazz at the Philharmonic. Peterson ha registrato come accompagnatore per molte altre stelle, e anche come leader del suo trio, composto in quel periodo da Ray Brown al contrabbasso e Ed Thigpen alla batteria. Questa è la formazione che può essere apprezzata in questo omaggio a Cole Porter.
Disco 1
1
John Lewis - D & E Blues 5.00
2
Charlie Parker - Now'S The Time 4.42
3
Thelonious Monk - 'Round Midnight 3.58
4
Nacio Herb Brown-Arthur Freed - Should I 5.16
5
Lucky Millinder-Stafford Simon - Big Fat Mama 7.36
6
James F. Hanley-Ballard Macdonald - Indiana 4.12
7
Clifford Brown - Joy Spring5.33
8
Elliot Lawrence-Gerry Mulligan - Elevation 3.29
  • Oscar Peterson Cover

    Pianista canadese di jazz. Scoperto da Norman Granz nel 1949 e trasferitosi negli Stati Uniti, ha ottenuto immediata notorietà grazie al suo virtuosismo e al brio, ispirati al tardo Swing e in particolare ad Art Tatum; alla sua fama hanno concorso anche le tournées internazionali col «Jazz at the Philharmonic». Approfondisci
Note legali