Poesia come esperienza. Una formazione nei versi

Filippo La Porta

Editore: Fazi
Collana: Le terre
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 16 maggio 2013
Pagine: 254 p., Brossura
  • EAN: 9788864112671
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Perché un'antologia poetica oggi? L'Italia, paese di poeti, oltre che di santi e navigatori, sembra affetta da una singolare schizofrenia: da una parte ha smesso di leggere la poesia, dall'altra tende a celebrarla come unico certificato di creatività (contiamo due milioni di poeti!). In questo viaggio alla riscoperta dei principali nomi della poesia italiana, da Dante a Zanzotto, passando - ne citiamo solo alcuni - per Petrarca, Ariosto, Tasso, e ancora Leopardi, Saba, fino a Pasolini e Amelia Rosselli, e per alcuni imprescindibili autori stranieri - tra cui Keats, Baudelaire, Rimbaud, ma anche Hikmet e Szymborska -, il critico e saggista Filippo La Porta rivendica il valore dei versi nel mondo contemporaneo. Oggi più che mai l'esperienza del linguaggio poetico, quella del corpo materiale del testo che si apre a innumerevoli orizzonti di senso, è un prezioso antidoto contro l'assuefazione a una comunicazione onnipresente e standardizzata: "equivalente emotivo del pensiero" (Eliot), la poesia risponde al nostro bisogno di un "sapere" degli affetti, di una scienza "esatta" delle relazioni invisibili (e non ovvie) tra le cose.

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    01/06/2013 12:46:24

    Un'antologia felicemente sbilanciata, sfrontatamente parziale nelle proposte, anticonvenzionale nei commenti, questa firmata da Filippo La Porta, con una scelta programmatica esplicitata già dal titolo: offrire a chi legge un arricchimento culturale ed emotivo sulla base della sua esperienza di lettore innamorato della poesia, che ha eletto i suoi maestri di vita e di pensiero tra chi ha scritto in versi. I poeti rappresentati appartengono tutti alla storia, essendo morti chi da secoli e chi da anni: poeti ormai considerati "classici", avvolti da un'aura di condivisa ammirazione. Ci si potrebbe interrogare sul motivo di alcune originali inclusioni, o su ancora più clamorose esclusioni. Ma La Porta ha inteso proporre i "suoi" poeti, da Dante alla Szymborska, quelli che ha amato e che gli hanno offerto più stimoli intellettuali e "sentimentali", e lo ha fatto partendo proprio da se stesso, dai suoi ricordi studenteschi, dalle musiche ascoltate e dai film visti, dalle esperienze di lotta politica e dai primi timidi tentativi di composizione poetica personale. Ciò in cui più si manifesta il suo appassionato fervore critico è nella ribadita ricerca di una definizione estetica ed etica della scrittura in versi: "la poesia come spazio utopico, 'antiutilitaristico', è la posizione più 'sovversiva' oggi immaginabile"; "non consiste in un linguaggio speciale, anticomunicativo, costitutivamente diverso da quello quotidiano, o in un gergo oscuro, autosufficiente, aggressivamente incomprensibile"; il suo ruolo è "mescolarsi al proprio tempo, alla contemporaneità, pensare... alla storia, incontrare le persone comuni". Celebra così la vitalità della poesia che "scompiglia la nostra idea convenzionale delle cose, che dissolve le divisioni artificiose, che disinnesca strategie e calcoli del potere, e che ci mette in sintonia con un ritmo più ampio, e imperscrutabile, del cosmo".

Scrivi una recensione