€ 20,20

€ 23,76

Risparmi € 3,56 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Riera Rehren, J., L'Indice 1989, n. 3

È mai esistito un surrealismo poetico spagnolo e in quali rapporti col movimento francese? Vittorio Bodini non ha dubbi sulla legittimità della questione, anche se la critica iberica e gli stessi poeti interessati hanno sempre negato o relegato entro confini stretti qualsiasi rapporto tra quel prodigioso fenomeno che è stata la poesia spagnola della prima metà del secolo e la cultura oltrepirenaica. La riedizione dell'ampia antologia poetica di Juan Larrea, Gerardo Diego, Rafael Alberti, Federico Garcia Lorca, Vicente Aleixandre, Luis Cernuda, José Moreno Villa e Manuel Altoaguirre, preceduta dal lungo saggio di Bodini, include una prefazione a cura di Oreste Macrì nella quale vengono spiegate le alterne fortune incontrate dentro e fuori la Spagna dallo sforzo critico bodiniano teso a rintracciare la presenza dell'anima surrealista nel corpo della "Generacion del '27". In realtà l'oggetto dello studio diventa appunto questo movimento generazionale - "somma di fervori comuni, di simpatie e antipatie, ma soprattutto un coordinato sistema culturale" - all'interno del quale spiccano i nomi di Dalì, Picasso, Bunuel, Aleixandre, Alberti, Lorca, più facilmente assimilabili in certi momenti della loro evoluzione artistica al surrealismo storico degli anni venti e trenta. L'antologia ritaglia una linea orizzontale che attraversa la generazione e i singoli del '27 (data legata al centenario di Gongora) stabilendo un netto confine tra la "poesia pura" e la "nuova poesia", debitrice delle correnti profonde del barocco ispanico, del modernismo e dei movimenti di avanguardia culturale e politica insieme ai quali affronterà la prova decisiva della guerra civile, la sconfitta, l'esilio, la morte.