Il poliziotto è marcio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1974
Supporto: DVD
Salvato in 12 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 9,99 €)

Domenico Malacarne è un commissario di polizia colluso con la malavita, che approfitta dei suoi rapporti corrotti per ottenere lauti guadagni. A poco a poco, però, si rende conto che la mafia sta esagerando, ed inizia ad ostacolare le sue operazioni, inimicandosela. Quando la sua fidanzata viene uccisa, Domenico sa che è un avvertimento. Ma è comunque deciso a dichiarare la sua personale guerra.
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    fabrizio

    12/05/2020 16:40:03

    Uno dei film Top di gamma di F.Di Leo. Azione e bella trama. Un ottimo poliziotto sottopagato dallo Stato , non rinuncia , anche tradendo i suoi affetti, ai tanti soldi della mala. . Da vedere

  • Produzione: Minerva, 2012
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 95 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: documentario; trailers
  • Allegati: booklet
  • Richard Conte Cover

    Attore statunitense. Figlio di emigrati italiani, esordisce a Broadway nel 1939. Nel dopoguerra svolge un'intensa attività cinematografica, imponendo la sua sobria recitazione in Piangerò domani (1955) di D. Mann e in una lunga serie di film di gangster. In seguito è eccellente caratterista in parecchi film del filone dedicato alla mafia (Il Padrino, 1972). Approfondisci
  • Salvo Randone Cover

    "Attore italiano. Un lungo tirocinio precede la costituzione di una propria compagnia teatrale insieme a M. Benassi, L. Carli e E. Magni. Si afferma, in una carriera durata oltre cinquant'anni, come interprete profondo e professionalmente rigoroso del teatro classico greco e di quello pirandelliano, stemperando la calda passionalità mediterranea con la razionalità dell'uomo di cultura. Celebri anche la sua prova in L'albergo dei poveri di M. Gor'kij, spettacolo inaugurale del Piccolo Teatro di Milano, e i duetti shakespeariani con V. Gassman (1956), ora nei panni di Otello, ora in quelli di Jago. Esordisce nel cinema nell'unica regia del commediografo Renato Simoni (Sant'Elena, piccola isola, 1943). I modesti ruoli nel dopoguerra (Il bigamo, 1955, di L. Emmer) precedono i primi riconoscimenti... Approfondisci
Note legali