Traduttore: H. Lyria
Editore: Feltrinelli
Collana: I canguri
Edizione: 3
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 31 agosto 1998
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788807700989
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Pepe Carvalho, dopo tanti anni viene chiamato a Madrid. Questa volta non per risolvere un caso, ma per occuparsi degli invitati a una premiazione di gala. A bandire il lauto premio letterario è Lazaro Conesal, pescecane della finanza e re di quella corte dove politica ed economia si intrecciano selvaggiamente. Non c'è dubbio, Madrid è molto diversa da come Pepe se la ricorda. Resta solo la bella Carmela a lottare con passione per i suoi ideali, ma il quadro è desolante: politici rampanti, scrittori dalla lingua (e forse dalla mano assassina), tronfi premi Nobel e trepidandi giovani promesse, critici venduti, donne risentite e industriali corrotti. E presto fa la comparsa un cadavere eccellente: quello dello stesso Lazaro Conesal.

€ 7,52

€ 13,94

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 11,85

€ 13,94

Risparmi € 2,09 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicola Sartorello

    02/03/2002 16:45:38

    Il potere economico e la sua forza sul potere politico, il potere culturale e la sua sottomissione al capitale, la vacuità dei letteroblesi che sulle parole costruiscono la propria presunta diversità. Un libro corrosivo dei meccanismi della politica, dell'economia e soprattutto della cultura istituzionale, nel quale si compiono in un albergo i destini intrecciati dei personaggi e di un Carvalho che utilizza la propria cultura per penetrare nella sostanza delle cose. Uno straordinario affresco della vita negli attici sociali madrileni, con un finale solo un poco deludente anche se svelato attraverso le ultime ore di vita della vittima.

Scrivi una recensione


recensione di Martinetto, V., L'Indice 1998, n.11

Un'altra avventura del detective-gourmet Pepe Carvalho, questa volta alle prese con il mondo madrileño della finanza e dell'editoria, che offre al suo autore non pochi spunti sagaci e corrosivi di critica a un ambiente più narcisista, fatuo e mondano che non letterario, in cui forse l'autore sfoga le ragioni che gli hanno fatto coniare un personaggio che, fra altre caratteristiche comuni ad altri famosi detective della letteratura, ha quella peculiare di bruciare i libri...
Anche in "Il premio", infatti, come nei precedenti romanzi della serie, al di là delle puntuali doti narrative di Montalbán e della sua abilità inventiva in materia di intreccio "noir", si ritrova una vicenda che è comunque pretesto per inserire un'acuta e succosa analisi della realtà nazionale, tanto nei suoi aspetti socio-politici quanto in quelli culturali." "L'azione è tutta compresa nel lasso di tempo di una serata in cui sta per essere annunciato il nome del vincitore di un premio letterario miliardario, a una platea di illustri invitati fra politici, scrittori logori e scrittori-promessa, critici venduti, giornalisti a caccia di scandali, premi Nobel imbalsamati e capitani d'industria pescecani dalle superficiali velleità culturali. A indirlo è lo squalo numero uno della finanza, Lázaro Conesal, il quale, a fronte di una giuria fantoccio, è l'unico depositario del nome del fortunato, che tuttavia non giunge a pronunciare, perché vittima di un avvelenamento mortale. L'assassino si trova certamente fra gli invitati, trattenuti all'Hotel Venice, dove si svolge la cerimonia, per un'interminabile notte di suspense, che ribolle di chiacchiere letterarie e rivelazioni più o meno desolanti riguardo ai retroscena politico-culturali di una Spagna postmoderna e liberista.
Di un giallo, è ovvio, si possono annunciare poche cose per non guastare il piacere della lettura. Si dica semplicemente che Montalbán, ancora una volta, non delude i suoi "aficionados", ma che il loro Carvalho, per un giusto rispetto della verosimiglianza, è visibilmente invecchiato, non in acume investigativo, "ça va sans dire", ma nelle circostanze: percepisce un critico aumento di disincanto e una progressiva flaccidità addominale, ritrova la Carmela di "Assassinio al Comitato Centrale "(Sellerio, 19849) invecchiata e con un figlio ormai adulto e ribelle, e ha lasciato a Barcellona sia Charo - che già da tre anni lo ha lasciato - sia il fedele Biscuter, ormai in cerca di emancipazione professionale. Qui a Madrid, Carvalho si trova a lavorare gomito a gomito con l'ispettore di polizia Ramiro, nel quale, dopo le prime diffidenze reciproche, trova una valida spalla, anche se, della soluzione finale, rimane indiscusso e geniale protagonista.
Niente paura, comunque, per chi vede il personaggio Carvalho accusare un po' di stanchezza a più di due decenni dal primo caso: sarà proprio questa stanchezza a fargli accettare un incarico nel Nuovo Mondo che è al contempo annuncio di un prossimo caso ambientato nella Buenos Aires del tango e dei "desaparecidos..."