Il presente non basta. La lezione del latino

Ivano Dionigi

Editore: Mondadori
Collana: Oscar saggi
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 14 novembre 2017
Pagine: 112 p., Brossura
  • EAN: 9788804682462

13° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Lingue, dizionari, enciclopedie - Linguistica, lingue straniere e dizionari - Linguistica - Sociolinguistica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    04/10/2017 05:23:00

    Quando un libro assume i tratti di un valore (e in quest'epoca una tale rivelazione è miracolo allo stato puro), non resta che caderci dentro con quell'amor di conoscenza che radica nello spirito i suoi parti più nobili. Contro un presente troppo vorace, dove pare che la tradizione e l'humus del sapere si siano persi nell'Ade dell'amnesia più fitta, ecco la deviazione più bella, il salto necessario, il fastoso recupero della verità di una lingua, sorgente e fuoco restituiti al loro giusto ambiente. Basta "coi feticci da omaggiare" scrive puntualmente Dionigi, qui si tratta di incarnare con pienezza assoluta "un valore da vivere". Basta con le scolastiche da svelta pedagogia, il comando che esplode è scendere nei tesori di una vera identità. Per non rischiare quello che inevitabilmente sarebbe "il divorzio delle parole dalle cose, dove entrambi perseguono una sciagurata autonomia", quindi un'anoressia del pensiero dove le poche boe a cui tenersi si allontanerebbero da sole come in un disgusto senza ravvedimenti. Una vicinanza e un bisogno urgenti come la fame. La meraviglia del latino, una galassia di precisione e di una tale splendida sintesi che i secoli hanno come alterato e dilatato coi loro barocchismi e le loro traduzioni capovolte. Un viaggio nella maternità della lingua, radice e germoglio, in compagnia di Seneca, Cicerone, tanti altri nomi enormi, in una Paideia magnifica che rende questo libro il ritorno del Vero nel suo seno autentico. Tutto giunge da quell'eco, una ricchezza inavvicinabile anche dalla macchina più perfetta. Non c'è partita. "La vera tragedia è che i padroni del linguaggio mandino in esilio i cittadini della parola", scrive l'autore, "in quello che ormai è diventato un vero e proprio autofagismo mediatico". Allora "Fluctuat nec mergitur", per resistere contro i marosi arcigni di un tempo flagellato. Perché: "in un mondo di fuggitivi, chi corre nella direzione opposta sembra che stia scappando" (Eliot). Dunque fuggite...minus habens.....

Scrivi una recensione