Quella metà di noi - Paola Cereda - copertina

Quella metà di noi

Paola Cereda

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Perrone
Collana: Hinc
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 21 febbraio 2019
Pagine: 222 p., Brossura
  • EAN: 9788860044891
Salvato in 124 liste dei desideri

€ 14,25

€ 15,00
(-5%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Quella metà di noi

Paola Cereda

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Quella metà di noi

Paola Cereda

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Quella metà di noi

Paola Cereda

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella dozzina del Premio Strega 2019 proposto da Elisabetta Mondello

«Un'occasione di esplorazione della vita e della sua necessità resa a chi la vive, perché non esistono le parole giuste, ma solo le esperienze di chi le fa (o non le fa)» - Stefano Jossa, Robinson

Alle volte ci si ritrova nel mezzo: di due case, di più lingue. Nel mezzo di più vite, di decisioni ancora da prendere, di bisogni contrastanti. È qui che sta Matilde, maestra in pensione che si reinventa badante, alle prese con una parte di se stessa che credeva di non dover mai affrontare. I segreti sono spazi di intimità da preservare, nascondigli per azioni incoerenti, fughe, ma anche regali senza mittente per le persone che amiamo. Ma cosa resta di autentico nei rapporti quando si omette una parte di sé? Dove si sposta il confine tra sentimento e calcolo? Matilde lo scoprirà nel confronto con sua figlia, con l'ingegnere di cui si prende cura, con gli spaccati di vite sempre in bilico del quartiere di periferia in cui vive: ogni rapporto ci trasforma, in una dimensione di reciprocità che, attraverso l'altro, ci permette di valutare quanto, alla fine, siamo disposti a cedere di quella metà di noi. Dando voce a una coralità di personaggi, Paola Cereda racconta una società frammentata che cambia e fa emergere nuovi bisogni e nuove prospettive, in cui pare necessario inventarsi una nuova modalità per far quadrare i conti con noi stessi e con gli altri. Con una scrittura asciutta e chirurgica, che pure inaugura spazi di autentica poesia, tesse una storia universale, la storia di una donna in grado di restare in piedi quando crolla anche l'ultima illusione.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,29
di 5
Totale 148
5
60
4
74
3
12
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dana63

    29/05/2020 20:49:06

    "Abbiamo tante vite quante sono le persone che incrociamo e alle quali concediamo la possibilità di determinare un cambio di direzione o una svolta". C'è una parte di noi,intima,che teniamo nascosta agli altri,spesso anche a noi stessi,che viene fuori,a volte prepotentemente altre timidamente, grazie ad uno sguardo,una parola,una situazione. Una parte in cui custodiamo"Spazi di intimità da preservare,nascondigli per azioni incoerenti,fughe,sguardi,libertà particolari,il trucco che nasconde l'evidenza,pozze in cui saltare a piedi scalzi,regali senza mittente,errori, vendette, persone amate". Una parte capace di"desiderare con gusto.Farlo pienamente.Disperarsi per ottenere.Bearsi della conquista. Ricominciare a volere". Quella parte soffocata,ammutolita dalle delusioni,dagli inganni,dalla durezza e dalla prosaicità della vita,che"non viene raccontata e che continua ad esistere, nonostante l’imbarazzo",ma che,quando meno te l'aspetti,magari all'ennesima batosta,riemerge e ti fa ricominciare a credere,ti risveglia,ti reinventa. Paola Cereda con uno stile pulito e piacevole,partendo dalla vita di Matilde, ci porta ad affacciarci su altre vite, accomunate da una profonda solitudine, da quella inesorabile incompletezza che deriva dalle scelte che siamo chiamati a fare,scelte che causano rimorsi o rimpianti. "C'è dell'assurdità nell'amore,mischiata al desiderio di compiacere,al bisogno di non deludere,alla voglia di sentirsi al centro,sempre capaci.Quanto fa bene, invece,lasciare a chi amiamo il dovere di riempire i propri vuoti e di abitare i propri spazi.Ci sono rumori notturni che lasciano svegli - non dobbiamo silenziarli - ambizioni insoddisfatte -non dobbiamo consolarle - cadute improvvise da guardare senza tendere la mano. Soprattutto questo è amore. È il bisogno costante di ridefinire i confini: ciò che ti accarezza non deve ferirmi. Se lo fa non è amore".

  • User Icon

    3.14~DrHouse~2.72

    13/05/2020 22:58:18

    Un libro profondo, scritto che [ una meraviglia. Ti prende sin dalle prime pagine, ambientato nella bellissima torino. Consigliato da tutti i punti di vista.

  • User Icon

    deluso

    26/03/2020 07:12:13

    "Non mi spiego" i consensi su questo libro. Non è piaciuto, l'ho lasciato e ripreso più volte per mancanza di una trama. Più che un romanzo mi è sembrato il diario di una "vicina di pianerottolo". Lasciamo perdere ogni considerazione circa la scrittura.

  • User Icon

    Valentina

    24/09/2019 20:24:42

    La potenza di questo libro è tutta nelle pagine finali quando Matilde finalmente si lascia andare alle paure e ai ricordi e non ha più paura della verità e di cedere quella metà di lei.

  • User Icon

    Alice

    23/09/2019 13:05:50

    La vita quotidiana di una famiglia in generale e di una donna, Matilde, in particolare, che si reinventa badante quando ormai il suo lavoro ufficiale, l'insegnante, è giunto al termine, permette un pensiero più ampio sulla società attuale. Quella metà di noi (eh sì, abbiamo tutti il piede in due scarpe nella vita!) è realmente ben scritto. Consigliato e letto velocemente.

  • User Icon

    Conny

    22/09/2019 15:38:15

    La protagonista Matilde, si trova, già giunta all'età del proprio pensionamento, a dover continuare a come assistente in una famiglia che vive in un quartiere periferico della città di Torino. Il suo percorso è circondato da tante altre persone, che vivono delle ben diverse realtà, ma che, in qualche modo, seppur nascosto, condividono con lei molti aspetti. Nonostante tutte le sue difficoltà nell'affrontare la dura quotidianità ed il litigio con la figlia, riesce a trovare le forze necessarie per proseguire e per non arrendersi... Alla fine, questa storia, letta nel suo profondo, non fa altro che raccontare la vita di tutti noi, quella per la quale si deve lottare, quella per la quale si deve sudare e graffiare, per non arrendersi e per andare avanti.

  • User Icon

    Concy

    21/09/2019 06:56:48

    Letto tutto d'un fiato. Un libro duro ma tragicamente reale e umano nel descrivere i rapporti sia con la figlia che con gli altri protagonisti del romanzo. Storia amara ma di vita vera.

  • User Icon

    gisella

    20/09/2019 07:11:07

    letto questa estate, libro ben scritto che ti coinvolge gia dalle prime pagine consigliato

  • User Icon

    4.0blog

    19/09/2019 16:19:19

    In una Torino affatto calligrafica ma guizzante e multietnica, e ciononostante ancora saldamente attaccata alle passate barriere socio-economiche, la maestra in pensione Matilde Mezzalana si reinventa badante insistendo con la vita «anche quando la vita le si rivoltava contro per dire no, cara, ti stai sbagliando: non ne vale la pena». Il suo assistito è un ex dirigente della Fiat che ha vissuto prima in Brasile e poi in India e che, a causa di un ictus, è adesso costretto a trascorre quel che resta dei suoi giorni su una sedia a rotelle, trasformato nel corpo, nella mente, nella percezione del tempo e dello spazio, dei modi e dei desideri. E la questione è proprio questa: perché una maestra in pensione, vedova, con una casa di proprietà in un quartiere periferico, quasi un microcosmo, uno specchio degli attuali cambiamenti molecolari del tessuto antropologico di cui è fatta la nostra Italia, con un’unica figlia in pre-collina – Emanuela – veterinaria, sposata a un dentista e madre di due figlie adolescenti, perché, dunque, questa donna normale decide di cambiare cateteri e pannoloni invece di godersi la pensione, la libertà, le nipoti, quel singhiozzo di famiglia che le resta, insomma? Non è un interrogativo. È un segreto quello che Matilde nasconde, anzi omette: «Un segreto è una verità omessa, un pezzo di intimità preservata, una decisione da esporre in caso di pericolo personale.

  • User Icon

    Nadia

    19/09/2019 15:31:32

    Mi è piaciuto moltissimo, soprattutto lo stile dell'autrice, senza fronzoli, una cosa che apprezzo molto. Consigliato.

  • User Icon

    Beatrice

    19/09/2019 15:10:11

    “A noi che abitiamo nel mezzo. Nel mezzo di più lingue, nel mezzo di due case, nel mezzo di altre vite, nel mezzo di decisioni ancora da prendere.” Matilde non ha paura delle contraddizioni, le abita: è in pensione ma lavora, è italiana ma, contro ogni stereotipo, fa la badante, era maestra ma voleva coltivare l’orto. Vive a Torino, non nelle austere vie del centro o nelle ricche zone residenziali della precollina, dove è letteralmente fuggita sua figlia per aggiungere una distanza fisica alla voragine di incomunicabilità che la separa dalla madre. Ha continuato anche dopo la prematura morte del marito a vivere a Barriera, quartiere che reca il marchio della zona liminale, a contatto con un’umanità varia e multiforme a cui Matilde si accosta con uno sguardo attento, capace di “autorizzare all’esistenza.” A rappresentare sin dal cognome Mezzalama la cifra distintiva di questa figura è l’incompiutezza, ma non la negazione o il rifiuto. Matilde riconosce negli altri la propria fragilità e la accoglie, fa esperienza delle tante verità che si nascondono agli occhi dei più, ma che si stratificano nell’esistenza di una persona e che ne costituiscono la reale essenza. Quella metà di noi è un romanzo forte e bellissimo, in grado di indagare le lacerazioni e l’amore nelle sue più diverse declinazioni, con un linguaggio che non esita ad aprire ferite per le quali non esiste un balsamo.

  • User Icon

    ale

    19/09/2019 11:58:01

    Si entra subito in empatia con la maestra.. una storia che senti vicino e merita essere letta. bello.

  • User Icon

    Federica

    19/09/2019 09:14:26

    Questo libro mi ha attirata sin dall’inizio per la sua copertina. Uno di quei casi (ormai sempre più rari) in cui la copertina stessa esprime già tutto quanto. Storia familiare intricata, personaggi bloccati. Vorresti abbracciare la madre, darle un bacio. Così come ti viene da schiaffeggiare la figlia. Scritto molto bene.

  • User Icon

    Francesca

    12/08/2019 14:19:09

    Tanti spunti di riflessione interessanti in un romanzo originale, che non si scompone nel linguaggio e nella trama. Consigliato a chi è stufo di tante protagoniste femminili stereotipate e superficiali, di una prospettiva banale e di uno svolgimento semplicistico della trama. Non posso dire che sia un libro coinvolgente, al contrario è estremamente serioso nel tono e quasi monocorde, con un pizzico di ironia sagace. Sicuramente inaspettato, e solo per questo merita un giudizio positivo, a mio avviso!

  • User Icon

    Federica

    11/06/2019 21:54:00

    Sottile, delicato, il romanzo arriva in punta di piedi a illuminare le zone più segrete e recondite dell’animo umano. Copertina 5, storia 4, stile 4

  • User Icon

    kitty17

    11/06/2019 21:35:52

    Una storia struggente, scritta in uno stile asciutto ed essenziale, ma non per questo meno emozionante, anzi. Perché tocca le corde della parte segreta, quella “metà di noi” che rappresenta anche la parte più vera di noi stessi. Una scrittrice che conquista col suo tocco leggero ma deciso e preciso nel descrivere aspetti semplici e quotidiani delle nostre vite, con le mille difficoltà e i mille piccoli grandi problemi della vita della gente comune. Copertina: 4 Storia: 5 Stile: 5

  • User Icon

    Fabo

    11/06/2019 21:17:45

    Paola Cereda dimostra una grandissima sensibilità nel descrivere, lasciando scorrere la sua scrittura essenziale e pulita, le relazioni umane e i delicati rapporti che caratterizzano le vite di ognuno di noi. La vicenda dell’insegnante in pensione che è costretta, dalle necessità della vita, a riprendere a la vorare come badante, cattura a livello emotivo e lascia una grande malinconia per la consapevolezza de “la metà di noi“ che, tutti noi, non riveliamo mai agli altri. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 5

  • User Icon

    Leo

    11/06/2019 21:15:23

    Matilde è un personaggio in cui mi sono ritrovato, non a metà, bensì al 100%. Vivere a metà al giorno d’oggi sembra una prerogativa, non riusciamo ad essere noi stessi, indossiamo mille maschere, siamo uno, nessuno e centomila, ma sempre a metà. Matilde insegna come affrontare la vita a pieno non senza difficoltà, come ritrovare il coraggio di cambiare dopo mille imprevisti. Stile magnifico, forte e poetico allo stesso tempo. Copertina 4 Storia 5 Stile 5

  • User Icon

    Vincenzo

    11/06/2019 21:15:17

    Il romanzo ci racconta la storia di Matilde, maestra in pensione che ricomincia a lavorare per necessità come badante per un anziano ingegnere. Paola Cereda, già dal titolo, pone un quesito al lettore: perché viviamo con una metà di noi stessi che spesso non siamo disposti a consegnare a nessuno? Forse per paura dei giudizi degli altri o per costruire un riparo sicuro da future delusioni? L’autrice, con Matilde, ci invita ad avere relazioni più sincere per una vita più piena. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 5

  • User Icon

    Bibi

    11/06/2019 20:50:42

    Matilde Mezzalama, maestra in pensione, deve ritornare a lavorare per necessità, e viene assunta come badante, ed ogni giorno esce dalla sua casa modesta in un quartiere della periferia di Torino, per andare nella lussuosa casa in centro dell’anziano ingegnere che deve assistere, e in cui si troverà a dover fronteggiare segreti e conflitti. Ma anche lei non è estranea a verità che non può rilvelare, perché vive, come tutti, solo con “quella metà di noi” che possiamo permetterci di mostrare agli altri. Copertina: 4 Storia: 5 Stile: 5

Vedi tutte le 148 recensioni cliente

I vincitori del concorso “Caccia allo Strega” 2019

ALESSANDRA GALAFATI

Matilde è in pensione e vive a nordest di Torino, in un quartiere popolare, la Barriera. Nel tempo libero si prende cura dell'ingegner Giacomo Dutto, non più autosufficiente a causa di un ictus. La figlia Emanuela è contraria ad un impiego così umile e degradante e non perde occasione di criticare la madre, quelle rare occasioni che la sente. La ragazza ha lasciato il quartiere appena ha potuto. Barriera è un impasto di lingua e spezie, di miseria e mediocrità. La morte del padre ha reso la convivenza impossibile e Matilde sembra aver ereditato colpe che non ha, ma che Emanuela le fa scontare. L'ingegner Dutto si è presto abituato alla discrezione ed alle cure di Matilde, con la quale non deve dimostrare quello che non è più. Sua moglie, sposata in fretta e ormai disamorata, è sempre arrabbiata, scontenta di un futuro mancato. Sia l'ingegnere che Matilde offrono al mondo solo una parte di ciò che sono e di ciò che gli altri sono disposti a vedere. C'è una metà di loro che rimane nascosta, silenziosa ma che avrebbe tanto da raccontare. E' la metà che pesa di più, che è fatta dei desideri più intensi, dei sentimenti più forti. Se la sono portata avanti sino alla vecchiaia dove ormai è impossibile avere la forza di trasformare il tempo che rimane e cambiare le cose, o forse no...Bellissimo libro. Una storia ironica, che ti fa sorridere per poi lanciare stilettate emotive. Uno stile scorrevole, che alterna eventi a riflessioni introspettive che lasciano il segno. Protagonisti d'eccezione: il tempo e la parola. Il primo che scorre veloce nascondendo così bene la sua fugacità che quando lo afferriamo il cammino della vita è alla fine. Il secondo sono le parole soprattutto quelle non dette che poi sono quelle che forse ci rappresentano di più. Un romanzo scritto con amore. Meraviglioso libro. 5 stelle su COPERTINA, lettura delicata come il peso di una foglia ma viva come la linfa che scorre nel suo reticolato; 5 su STORIA e STILE magistralmente messi su carta.


Giò       

Matilde Mezzalama, maestra torinese ormai in pensione, decide per bisogno economico, di accettare un lavoro come badante presso un anziano ingegnere. Lei, che si è occupata una vita intera dei suoi alunni, ora si trova a dover svolgere un compito difficile, in un’ambiente che di certo è molto problematico: la donna si fa carico non solo dello stato fisico dell’uomo, ma anche dei suoi ricordi e delle sue emozioni. Cosa nasconde Matilde? è davvero mossa da compassione? Quella metà di noi è scritto in modo asciutto, diretto, corposo e racconta quella parte intima tenuta a bada dagli inganni e dalle angosce, ma che ad ogni colpo inflitto dalla vita, sa riscoprirsi e reinventarsi. Una donna che nella sua apparente fragilità, come foglia impregnata da mille screziature, è ben salda al suo ramo. Ci cattura Paola Cereda in queste duecento pagine, poiché ha la capacità di convertire in familiare ciò che non lo è, di rendere viva con il sospiro della narrazione, ogni pagina del romanzo. Copertina: 4 Storia: 4 Stile: 4                                                                          


Alberto

Abbiamo tutti una vita ufficiale. Un ruolo pubblico. Il nostro posto nel mondo. Poi, all’improvviso, ogni cosa può cambiare. Così: in un attimo. E allora succede che Giancarlo, colpito da un ictus, smette di essere un ingegnere e diventa un uomo bisognoso di cure. E accade anche che Matilde, ex insegnante in pensione, per far fronte alle ristrettezze economiche, si trasformi in badante di Giancarlo. Il romanzo racconta come la vita sa trasformarci continuamente e come le persone, di fronte ai cambiamenti che si trovano ad affrontare, possono creare nuove identità, in continuità con ciò che sono stati, ma anche in totale evoluzione. Non si smette mai di crescere, di maturare, di cambiare. Operazione non facile, come dimostra la rigida fermezza con cui la figlia di Matilde si oppone alla decisione della madre di diventare badante. “Quella metà di noi” di Paola Cereda è un romanzo intimo e spiazzante, un viaggio dentro l’anima in cui ciascuno ritrova frammenti di se stesso. E’ una storia che avvicina e allontana. Che interpella e coinvolge. Abbiamo tutti una metà di noi che rimane nell’ombra. E’ la nostra parte più vera? E’ quella che nasconde la verità più profonda rispetto a chi siamo e a cosa realmente desideriamo? Non ci sono risposte in questo romanzo, ma infinite domande. Lo stile della narratrice aggancia il lettore con scelte coraggiose, battute taglienti, parole che diventano tatuaggi verbali, in un romanzo che pagina dopo pagina si deposita nel mondo profondo del suo lettore e lo sollecita senza tregua. Una copertina devo le due metà, con la loro alternanza di pieno e vuoto, diventano struttura e immagine, bianco e nero, pieno e vuoto. Nulla di più simbolico. Nulla di più adatto a fare da cornice ad uno dei romanzi più belli di questa stagione. Un romanzo dove dare cinque stelle a tutto. Copertina 5 storia 5 stile 5                                                                  


Giulia D.             

In che misura ciò che non riveliamo di noi stessi ci determina? È ciò che si chiede il lettore quando incrocia Matilde, protagonista del romanzo di Paola Cereda. Matilde è un’insegnante in pensione, vedova e con una figlia già grande, ma non abbastanza da comprendere che chi è madre per lei, non è madre per il mondo. “Quella metà di noi” racconta una storia che potrebbe essere di tutti, ma che di tutti non è: è la storia di una donna che dopo il pensionamento si reinventa badante, e che curando gli altri cura sé stessa. Una donna con la carne deformata dal dolore per un marito morto troppo presto, che le ha lasciato un posto vuoto a tavola e uno vuoto nell’anima. Un volto segnato dalla vergogna per aver creduto di poter essere amata ancora una volta, nonostante le rughe di una vita per buona parte già trascorsa. Un’anima che tace quella parte di sé che si arroga il diritto di desiderare finché il corpo resterà acceso. Con uno stile essenziale e per questo lacerante, l’autrice scrive un romanzo che precipita il lettore dal monte sul quale si è arroccato, e dal quale non può godere di alcun paesaggio. Un libro per chi crede che il momento di scegliere sia già trascorso, senza accorgersi che quel momento è ora. Sempre. Copertina: 3 Storia: 4 Stile: 4                                                                


Gaia     

Matilde, ex maestra elementare, ha cercato la felicità dopo la pensione. Non si è accontentata di invecchiare e far passare il tempo, questo l’ha condotta a doversi reinventare badante e celare un imbarazzante segreto. Paola Cereda ci parla di Barriera, un quartiere di Torino dove si mescolano persone, lingue e culture. Un eterogeneo gruppo di esistenze che corrono parallele, si intrecciano e si dividono fra case di ringhiera, monti dei pegni e affollati mezzi pubblici. Barriera e Matilde hanno molto in comune: perennemente considerati per secondi e sottovalutati, ma entrambi con molto da offrire. Barriera è teatro di piccole e variegate scene di vita quotidiana, alle quali Matilde assiste e con i cui attori intreccia rapporti di amicizia. I rapporti fra persone sono un cardine importante del libro. Celando un’importante parte di sé, rapporti idealmente considerati solidi e indistruttibili, come quello madre-figlia o moglie-marito, finiscono per ridursi a una mera conoscenza. Circondando i protagonisti con silenzi, rivendicazioni, incomprensioni e insicurezze. Questo porta a tessere relazioni nuove e inaspettate. Emergono rapporti di fiducia e amicizia tra persone vicine. Nate da una dipendenza assistenziale e poi emotiva: come quello domestica-padrona di casa o badante-assistito. Qui vincono la cura reciproca, la comprensione e atti di sostegno. In ‘Quella metà di noi’ Paola Cereda racconta una città, un quartiere, una collettività dalle mille sfaccettature. Utilizza una scrittura dalle geografie precise, descrivendo minuziosamente una successione di vie per inquadrare il teatro sul quale si incontrano i protagonisti, rischiando di estraniare però chi Torino non la conosce. Lo stile lineare e privo di fronzoli permette di far emergere l’essenza dei personaggi, le loro vite, le loro voci e le loro impressioni. Lascia loro lo spazio per raccontarsi attraverso le proprie decisioni ma anche i propri silenzi. COPERTINA: 3 STORIA: 4 STILE: 4            

C’è un quartiere di Torino che ha un nome irresistibilmente particolare: Barriera di Milano. Siamo a nord della città, in una zona di periferia e forzati attriti tra etnie, migrazioni sovrapposte che si mescolano al paesaggio urbano, sonoro, olfattivo. Un posto del genere è un banchetto per uno scrittore, e Paola Cereda ha deciso di ambientare proprio lì il suo ultimo romanzo, Quella metà di noi (222 pagine, 15 euro), pubblicato da Giulio Perrone editore.

«Barriera è una parola che condiziona le esistenze. Ci sono barriere che dividono e altre che difendono, esistono barriere che rassicurano e altre che decidono chi sta dentro e chi sta fuori, che cosa è simile e cosa, invece, è differente». Non c’è miglior riassunto per descrivere un quartiere che reca nel nome la propria essenza. Quella metà di noi è infatti fin dal titolo un romanzo di metà e di doppi, e non potrebbe trovare ambientazione più adatta di un quartiere dalla storia complessa, stratificata, che porta nel nome l’idea di una limitazione, a segnalare un dentro e un fuori.

Matilde Mezzalama, la protagonista, è una maestra in pensione, vedova, che vive a Barriera ma lavora come badante in centro. Ogni giorno scavalca, in bus, la linea di confine che separa i due mondi, la linea geografica forse più nitida al centro di un intero universo fatto di doppie facce, di lati a volte opposti, di realtà e di apparenze che si accoppiano in soggetti complessi.

La storia della protagonista parte da un segreto che si porterà dietro per tutto il romanzo, lasciando il lettore in attesa di indizi, segnali per capire. È uno svelamento lento, che accompagna le vicende di una donna colpevole solo di aver obbedito a una metà di sé. Sarà infatti proprio per questo capriccio, immediatamente relegato alla dimensione del segreto, che Matilde si ritroverà, pensionata, a lavorare di nuovo. Lo farà a stretto contatto con una persona malata, non più in grado di gestire al cento per cento le proprie facoltà. Una persona che, di nuovo, nasconde un segreto. Tutti i personaggi di questo romanzo hanno storie stratificate e zeppe di lati oscuri, di metà non dette per vergogna personale, sociale, per esigenza di discrezione, per non essere giudicate. Il dito inquisitore è infatti una spada di Damocle sopra le teste delle esistenze che ruotano intorno a Matilde: è proprio sua figlia, sprezzante e ipocrita, la più crudele giudice. Il guizzo che rende Matilde un personaggio simpatico, ottenendo dal lettore fiducia, è il rendersi conto dell’indicibilità della metà nascosta, ma non per questo far finta che non esista. Matilde non si pone barriere: il suo muoversi dalla periferia al centro sancisce proprio la sua mobilità, il suo sguardo aperto.

Se l’empatia con la protagonista cresce pagina dopo pagina in ragione della sua complessità e della sua benevolenza che, scoperte metà nascoste di altri personaggi – dall’ingegner Dutto, il suo paziente, colpito da un ictus, alla moglie e persino alla badante rumena -, non succede così per la figlia. Sono duri i colpi inferti a una donna che custodisce un segreto del quale si prende cura con la stessa tenerezza che usa nei confronti dell’ingegner Dutto e della sua storia, che piano piano emergerà dal passato. Contraltare alla violenza del giudizio, in questo romanzo, è infatti proprio la cura, una dimensione che Paola Cereda scava su più piani. Cura di sé, cura per l’altro, cura per chi è costretto a curare gli altri. Matilde stessa, chiusa in una dimensione che spesso brucia di solitudine estrema, incomprensione, etichette sociali, ma anche la moglie di Dutto e la badante straniera. Ogni personaggio in scena cura o ha curato, ognuno ha bisogno della carezza di qualcuno capace di accogliere quella metà, quella che non si può dire, che non si sa.

E alla fine? Alla fine Matilde unirà le sue due metà, quella di sessantacinquenne di Barriera e quella di persona libera, una sorta di riscatto tardivo contro la brutalità del denaro, il dolore della malattia, l’amore passato e tutte quelle doppie facce di un mondo che, scavando poco sotto la superficie di una mappa urbana, si scopre brulicante di contraddizioni, complessità e duplicità. Una coralità di vite umane che, sparse per Torino, finiscono per rientrare tutte nella metafora geografica rappresentata da un quartiere che, come tante periferie, riunisce insieme tutte le metà del mondo in un tessuto di trame e orditi mai uguale a se stesso. È in questo tessuto – nel testo letterario – che Paola Cereda lancia il suo interrogativo sulle metà di noi, sui segreti e le relazioni. Al lettore, la piacevole sensazione di inciampare nel dubbio, pregio di ogni storia capace di guardare oltre i confini della consuetudine.

Recensione di Alessandra Chiappori

Motivazione per la candidatura al Premio Strega 2019:
«Quella metà di noi è un romanzo intenso e coinvolgente, ambientato nella Torino dei nostri giorni, in cui si muovono una folla di personaggi a cui Paola Cereda affida il compito di narrare le contraddizioni e le difficoltà della condizione contemporanea. Il romanzo, sostenuto da una lingua precisa ed essenziale, pagina dopo pagina diviene la narrazione della condizione liminare che, in alcune fasi della vita, tutti dobbiamo affrontare e interroga il lettore sulla possibilità di non restare sulla soglia ma di diventare capace di immaginare, scegliere e progettare il futuro».
Proposto da Elisabetta Mondello
  • Paola Cereda Cover

    Psicologa, è nata in Brianza ed è appassionata di teatro. Dopo un lungo periodo come assistente alla regia in ambito professionistico, è andata in giro per il mondo fino ad approdare in Argentina, dove si è avvicinata al teatro comunitario. Tornata in Italia, vive a Torino e si occupa di progetti artistici e culturali nel sociale. Vincitrice di numerosi concorsi letterari, è stata finalista al Premio Calvino 2009 con il romanzo Della vita di Alfredo (Bellavite).Piemme nel 2014 pubblica Se chiedi al vento di restare. Approfondisci
Note legali