Quelli che dissero no. 8 settembre 1943: la scelta degli italiani nei campi di prigionia inglesi e americani

Arrigo Petacco

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 aprile 2018
Pagine: 180 p.
  • EAN: 9788804700807
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

L'8 settembre 1943 seicentomila soldati italiani si trovavano rinchiusi nei campi di prigionia inglesi e americani. «Tu con chi stai, con il duce o con il re?» fu il dilemma di fronte al quale si trovarono. Di questa massa enorme di giovani - l'età media era di 23-24 anni - una cospicua minoranza scelse di non «tradire»: lontani migliaia di chilometri dalla loro patria, andarono incontro, vuoi per fedeltà ideologica al fascismo, vuoi per orgoglio o, più semplicemente, per coerente dignità militare, a un futuro denso di incognite e di rischi. Quelli che dissero no restituisce voce e memoria ad alcuni di quei protagonisti e riporta alla luce una tessera significativa, spesso rimasta in penombra, di quel mosaico di esperienze e avventure personali che ha caratterizzato l'«altra Resistenza».

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    14/06/2018 06:01:30

    Lo storico spezzino qui si interessa della condizione dei nostri militari catturati dalle truppe angloamericane con riferimento a una particolare data, l’8 settembre 1943, cioè quella dell’armistizio, data in cui erano presenti nei campi di concentramento alleati sparsi un po’ ovunque fra Africa, Asia, Australia, Europa e America, circa 600.000 soldati italiani. Preciso che la distinzione fra il prima e il dopo ha più un carattere giuridico che un effettivo aspetto pratico, perché ben poco cambiò con la cessazione delle nostre ostilità nei confronti degli anglo-americani, mentre qualcosa di più significativo avvenne con la nostra successiva dichiarazione di guerra alla Germania. Fu così che dapprima vi fu la distinzione fra chi era disposto a collaborare secondo quando previsto dalla Convenzione di Ginevra e chi non lo era, con la creazione quindi di due distinte tipologie di campi di concentramento, distinzione che rimase anche dopo l’8 settembre 1943 con l’istituzione della figura del cobelligerante, che godeva di una certa libertà, e del non cobelligerante, maggiormente rinchiuso. Petacco cerca di spiegare i motivi delle opposte scelte dei soldati italiani, ma restando troppo in superficie. A parte qualche altra notizia e la descrizione delle nostre operazioni militari in Africa il saggio di Petacco non riserva altre sorprese, o motivi d’interesse, e si trascina, un po’ stancamente, fino alla fine.

  • User Icon

    Palermo Giuseppe

    14/03/2014 22:00:59

    Interessante come tutti i libri di Arrigo Petacco che ho letto fino ad oggi.Mi si consenta però di fare una osservazione.Tra i vari campi citati manca il campo nell'isola di Ceylon (oggi Sri Lanca). Ne sono sicuro perchè un mio zio che già nel 1935 si trovava a Gondar nell'A.O.I come militare senza stellette fu fatto prigioniero dagli inglesi. Dai campi di concentramento in Africa (dove gli italiani erano trattati piuttosto male) fu destinato in India, appunto nell'isola di cui sopra.Inoltre contrariamente ad altri prigionieri rientrò in Italia dopo circa 11 anni di prigionia,quindi verso la fine degli anni cinquanta. A chi interessa la storia non strumentalizzata,anche questo è un libro da leggere come tutti gli altri del genere dello stesso autore.

Scrivi una recensione