Editore: TEA
Collana: Narrativa TEA
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 maggio 2013
Pagine: 347 p., Rilegato
  • EAN: 9788850231287
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
Oksana Leykova era bella, bella da morire. Sua nonna glielo diceva sempre: "La tua bellezza non ha prezzo, perciò la sconterai sempre e dovunque". Ma non avrebbe mai pensato di doverla pagare con la sua stessa vita, e proprio quando finalmente aveva incontrato l'amore, quello vero. Alvise Guarnieri, quarantenne e separato, è il sostituto procuratore di turno della cittadina di provincia di Ardese la sera in cui Oksana Leykova viene trovata morta. Il caso è suo. Ma appena inizia a indagare con l'aiuto del maresciallo Alfano, suo filosofico braccio destro, scopre dietro l'omicidio della ragazza un intreccio di rapporti economici e politici, tra poteri locali, mafie ed esponenti istituzionali. Le pressioni sul magistrato sono forti e contrastanti: chi vorrebbe l'insabbiamento dell'indagine, chi si gioverebbe del processo spettacolo... Sebbene le interferenze arrivino anche a minacciare la sua vita privata, Guarnieri andrà avanti, fin dove possibile, sino a quando i meccanismi della Giustizia glielo consentiranno. Ma coprotagonista del romanzo è proprio la Procura, con i suoi personaggi ai quali ci si affeziona subito, tanto da voler seguire ciascuno di loro: il magistrato furbo che scarica sui colleghi, l'autista tuttofare, il vecchio pazzo che si costituisce almeno una volta alla settimana, gli amanti del bagno del quinto piano, gli spacciatori di mozzarelle fresche nei garage...

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    candy

    21/09/2018 13:24:47

    Ho trovato questo romanzo di Roberta Gallego alquanto originale. Più che un vero e proprio giallo, incentrato su uno o più omicidi e la descrizione delle indagini condotte alla ricerca dell assassino(i) che solitamente si intrecciano con le vicende personali dei protagonisti, solitamente poliziotti, commissari o simili, tipici dello stile italiano del genere, questo romanzo è uno sguardo d'insieme sulla vita e i funzionari di una procura italiana. Certo, il tutto gira sempre attorno ad una indagine su di un omicidio e sulle vicende, in questo caso un sostituto procuratore, del protagonista che indaga sullo stesso. Però, il tutto è molto sfumato, se posso utilizzare questo termine, e inframezzato dalla descrizione di altri elementi della procura, del loro carattere e delle loro competenze professionali. L'intreccio che viene fuori delle indagini e la sua conclusione sono poi molto verosimile e anche attuali, che lasciano un amaro in bocca e anche.....un senso di sconfitta.

  • User Icon

    chicca

    26/02/2016 09:34:44

    Godibilissimo, ben scritto, scorrevole. Mi sono davvero immedesimata, lavoro nella pubblica amministrazione e mi pareva di leggere dei miei colleghi! Ho letto i primi tre romanzi dell'autrice in due settimane e sto attaccando il quarto. Fa piacere scovare delle piccole perle, ogni tanto.

  • User Icon

    Massimo F.

    04/02/2015 10:45:03

    La struttura della storia è deboluccia, ma il senso di questo romanzo è altrove. Da un lato un'ambientazione (inusuale nel panorama italiano) che consente una visione tanto realistica, quanto disincantata ed ironica dell'ambiente giudiziario, con molti dei vizi privati e delle pubbliche virtù dei protagonisti che si muovono all'interno delle Procure. Dall'altro, un'interessante iniezione di realismo sul 'come va a finire' una storia criminale: una fase che nella maggioranza dei thriller o romanzi gialli viene lasciata alla logica e alla fantasia ottimistica del lettore e che invece, nella cruda realtà, assume connotati tutt'altro che lineari e molto spesso non coerenti con le attese. Piacevole.

  • User Icon

    Andrea

    01/01/2015 12:18:51

    Ho comprato questo libro dopo aver letto il 3°. Leggerli nell'ordine contrario mi è piaciuto di più che nell'ordine logico. L'ambientazione sembra rispecchiare la quotidianità di un ufficio pubblico, le storie che si sviluppano parallele al filone principale mostrano uno spaccato di vita quotidiana ed attività di chi lavora nell'ambito della Giustizia. Forse un pò pesanti alcuni passaggi di ordine filosofico, ma tutto sommato "ci possono stare". In sintesi mi è piaciuto molto e la divisione in tanti capitoli di poche pagine crea una sorta di aggancio alla lettura cui non è facile sottrarsi. Comprerò anche il secondo libro....

  • User Icon

    Sergio Zingoni

    04/10/2014 22:46:26

    Il plot della storia viene spesso perso di vista, con digressioni mai funzionali alla storia stessa. Per il resto scritto benino, con molti spunti interessanti e talvolta toccanti. Confido in una seconda prova con qualche banalità in meno.

  • User Icon

    Matteo

    15/07/2014 12:29:49

    Scopro questo romanzo quasi per caso. E meno male che ciò è avvenuto! La vera "storia" non è tanto il filone principale del romanzo (seppur interessante e conivolgente, intendiamoci), ma l'ambiente, i personaggi (anche quelli minori, compreso il simpatico autista, consapevole di essere l'ultima ruota del carro) e tutto il mondo di una Procura "imperfetta" come la definisce l'autrice, ma in fin dei conti laboriosa. Comprendo che sia a tratti un po' tecnico e certi passaggi risultano poco comprensibili per i non addetti ai lavori come il sottoscritto. Per chi gravita in questi ambienti però, risulta essere un romanzo che si fa leggere piacevolmente: rappresenta una quotidianità, forse leggermente streotipata e romanzata, ma nemmeno troppo lontano dalla realtà degli uffici giudiziari. Giudizio ampiamente positivo: appena terminato questo libro ho provveduto ad ordinare il secondo (che per inciso sto già divorando!)

  • User Icon

    Simone

    28/07/2013 18:36:49

    Un libro veramente divertente e ben scritto, ottima soprattutto la caratterizzazione dei personaggi della procura, che riprende un po' l'uso dei tipi proprio di tanta letteratura, ma mantiene le sfumature senza appiattire. Si evita inoltre quella piaga di tanti gialli "procedurali" in cui il protagonista non-poliziotto finisce per mettersi nei guai risolvendo il caso da solo. Aspetto con ansia il prossimo libro.

  • User Icon

    giovanni

    28/07/2013 18:17:16

    Mi è veramente piaciuto questo romanzo che rende perfettamente l'idea del clima quotidiano di una piccola Procura. Il testo scorre, i personaggi sono ben caratterizzati, fuori dagli stereotipi del poliziesco tradizionale e molto reali. Ricco di spunti anche divertenti, mi ha regalato alcune ore di gradevolissima lettura. Ora aspetto gli altri due romanzi di prossima pubblicazione come indicato nel volume. Consigliato.

  • User Icon

    Geronimo il perfidodd

    21/07/2013 16:18:47

    Pur nuotando a farfalla anche nelle acque calme della sera, "Quota 33" mi ha precipitato in un tedio incommensurabile !!! Spunti da noir triti e ritriti; umorismo da bar; la storia principale che si intreccia con tutte le altre facezie; e non viene risolta perché il sostituto procuratore Alvise Guarnieri, onesto e laborioso, ha pure lui uno scheletrino nell'armadio... Una Procura da cartone animato; uno stile pedante; un rifarsi a Ed Mc Bain, Rex Stout, non ad autori italiani in quanto scrivono baggianate, mentre gli americani sono molto più agguerriti... sì, i citati, ma gli odierni sbagliano di brutto pure loro... la Signora Procuratrice non è aggiornata... Il luogo di tanto sfacelo, Ardese, si potrebbe identificare con una qualche cittadina sulla sponda veneta del lago di Garda... Scritto sette anni fa e pubblicato ora con una grancassa di interviste sui rotocalchi, persino su "Famiglia Cristiana"... soltanto adesso l'autrice ha trovato il cosiddetto "Santo in Paradiso"... non per ripetermi, ma per farsi delle sane risate, si legga "Il Procuratore" di Andrea Vitali...

  • User Icon

    dike1127

    10/06/2013 15:14:40

    Buon romanzo corale, buona ambientazione...direi piuttosto realistico e con caratteri dei personaggi ben delineati. Non merita un 5/5 perché a tratti la trama si sfilaccica, diventa un po' inconsistente...ma nel complesso non é male...

  • User Icon

    19boh44

    02/06/2013 08:08:34

    Libro godibilissimo scritto in modo pregevole. È un vero spaccato del cosmo giustizia rappresentato in modo schietto e senza infingimenti. Non resta che attendere che quanto prima l'autrice voglia gratificare i lettori con altri successivi libri della serie. Eccellente !!!

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione