La ragazza del giardino di fronte - Parnaz Foroutan,M. Cerato - ebook

La ragazza del giardino di fronte

Parnaz Foroutan

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: M. Cerato
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 352,66 KB
Pagine della versione a stampa: 252 p.
  • EAN: 9788854190283
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un Iran così non lo avete mai letto

Asher Malacouti è il capo di una famiglia ebrea che vive nella città iraniana di Kermanshah. Nonostante il successo e la ricchezza, Asher non può avere ciò che più desidera al mondo: un figlio maschio. La giovane moglie, Rakhel, costretta in un matrimonio opprimente, in un periodo storico in cui il valore di una donna dipende dalla sua fertilità, è disperata a causa della propria sterilità e, con il tempo, diventa gelosa e vendicativa. La sua afflizione è esasperata dalla gravidanza della cognata e dalla passione che il marito prova per Kokab, la moglie di suo cugino. Frustrato perché la moglie non riesce a dargli un erede, Asher prenderà una decisione fatale, che ridurrà a pezzi la sua famiglia e porterà Rakhel a compiere un gesto estremo, per salvare se stessa e la sua posizione all’interno della famiglia. Una storia tragica, una magnifica rappresentazione del tradimento e del sacrificio. E di un Iran che forse non esiste più.

Una famiglia, una decisione fatale, una storia imperdibile

«In questo splendido esordio, Foroutan attinge alla propria storia familiare per integrare il folclore e le tradizioni del vecchio Iran. Piena di tensione, quasi inquietante, questa storia avvincente di gelosia, sacrificio e tradimento, così come i suoi personaggi intimamente tratteggiati, non sarà facile da dimenticare.»
Booklist

«L’esordio lirico di Foroutan offre un mosaico di storie... Abilmente strutturato, questo romanzo racconta la vita di una famiglia, parlando del dolore, dei legami oppressivi, all’interno e fuori dalle mura domestiche, e lo fa con una grazia particolare, merito della delicatezza del punto di vista.»
Kirkus Reviews


Parnaz Foroutan


È nata in Iran e ha trascorso la sua prima infanzia lì. Per il romanzo La ragazza del giardino di fronte, ispirato alla sua storia familiare, ha ottenuto la borsa di studio americana per scrittori emergenti e ricevuto un finanziamento dalla Fondazione Elizabeth George. Attualmente vive a Los Angeles con il marito e le due figlie.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,4
di 5
Totale 4
5
0
4
1
3
2
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anele

    11/06/2020 17:04:32

    Molto descrittivo, ma confuso, non si capisce chi è che ricorda se non alla fine, la vicenda è raccontata come un sogno una rievocazione a posteriori e inoltre la fine è tragica

  • User Icon

    mc

    14/05/2020 19:14:02

    Credo sia uno dei pochi libri dove ho odiato tutti i personaggi praticamente e ho fatto fatica a leggere la storia. Lo stile non era complesso, si leggeva facilmente, la trama era sicuramente molto interessante e piena di spunti di riflessione, ma racconta una realtà difficile. Ad ogni pagina mi arrabbiavo per quella situazione che vivevano le donne, mi arrabbiavo per il modo in cui venivano trattate senza poter cambiare la loro vita. È difficile da leggere soprattutto se si pensa che da qualche parte nel mondo una realtà simile possa esistere.

  • User Icon

    lb

    22/09/2019 20:25:25

    Una storia dove le donne devono solo obbedire, fare figli e curarsi di loro, una donna che diventa preziosa solo se porta in grembo un bambino, altrimenti non è utile, non ha un significato o un ruolo nella casa o nella comunità. Una storia dove i matrimoni sono solo per apparenza, perché non ci sono sentimenti, da nessuna parte, e alcuni momenti io li considererei solo e pura violenza. Un libro che crea rabbia, contro un mondo ottuso, contro tradizioni che non fanno altro che distruggere le persone. Un libro forte, per quanto abbia dei momenti di confusione tra passato e presente, o tra momenti diversi del passato. E dopo aver odiato tutti i personaggi perché non hanno il coraggio di reagire, perché non fanno nulla per cambiare quella realtà, perché per salvare tradizioni e apparenze sono disposti a tutto, ho finito la lettura e spero davvero che non ci siano persone così nella vita.

  • User Icon

    alex

    22/09/2018 11:31:48

    Asher è quel personaggio che non merita di essere chiamato uomo e marito. Pensa solo all’orgoglio, alla ricchezza e a dimostrare di essere un vero uomo, senza curarsi della moglie, dei suoi sentimenti, o di chiunque altro. Non pensa che forse la colpa non è della moglie ma sua se non ha figli, e forse non li meritava per niente. Rakhel è quella donna per la quale si prova pietà all’inizio, ti chiedi come fa a resistere a tanto dolore, e poi arrivi a pensare che forse non si deve provare pietà, perché ha scelto la strada più brutta per salvarsi: la vendetta e la gelosia. E’ una donna direi manipolativa, che fa di tutto per i suoi scopi. La storia viene raccontata attraverso i ricordi di un personaggio che all’inizio non si capisce molto chi sia, per poi capire che in fondo il suo unico ruolo è quello di raccontare il passato. la-ragazza-del-giardino-di-fronte_7467_ Una storia dove le donne devono solo obbedire, fare figli e curarsi di loro, una donna che diventa preziosa solo se porta in grembo un bambino, altrimenti non è utile, non ha un significato o un ruolo nella casa o nella comunità. Una storia dove i matrimoni sono solo per apparenza, perché non ci sono sentimenti, da nessuna parte, e alcuni momenti io li considererei solo e pura violenza. Un libro che crea rabbia, contro un mondo ottuso, contro tradizioni che non fanno altro che distruggere le persone. Un libro forte, per quanto abbia dei momenti di confusione tra passato e presente, o tra momenti diversi del passato. E dopo aver odiato tutti i personaggi perché non hanno il coraggio di reagire, perché non fanno nulla per cambiare quella realtà, perché per salvare tradizioni e apparenze sono disposti a tutto, ho finito la lettura e spero davvero che non ci siano persone così nella vita, anche se ho i miei dubbi.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Note legali