€ 7,46

€ 8,78

Risparmi € 1,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 


scheda di Micozzi, N., L'Indice 1988, n.10

Sviscerando il problema della pluralità dei metodi scientifici in relazione agli obiettivi epistemici ed al contesto socio-culturale, Cristina Bicchieri approda ad una revisione critica della tradizionale dicotomia tra visione teoretica e visione pragmatica della scienza: l'attività scientifica viene qui invece intesa come modo di intervenire nel mondo e di manipolarlo, piuttosto che come modo di osservarlo e rappresentarlo. Concentrandosi esclusivamente sull'aspetto formale dell'impresa scientifica (rapporti fra teorie, ricerca di strutture invarianti e di linguaggi neutrali, contestualità dei significati ed immagini paradigmatiche), i filosofi della scienza neopositivisti come i contemporanei neoempiristi hanno rimosso sia la matrice socio-culturale e le condizioni in riferimento alle quali le convenzioni ed i metodi stessi acquistano carattere vincolante, sia la dimensione del fare, l'insieme di procedure ed interessi che determinano il contesto sperimentale in cui gli enunciati scientifici e i fatti stessi divengono tali. Le "ragioni per credere" (lo sfondo teorico interpretativo), non sono quindi separabili dalle "ragioni per fare", relativizzando culturalmente il relativismo metodologico oggi prevalente.