Categorie

Rapina a mano armata

(The Killing)

Paese: Stati Uniti
Anno: 1956
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuela Alessio

    12/09/2014 16.51.32

    Personalmente gli preferisco di molto il precedente "Il bacio dell'assassino", parecchio più originale e coinvolgente. Questo "Rapina a mano armata" è inoltre rovinato da un finale quanto mai goffo, che starebbe assai meglio in una comica di Stanlio e Ollio.Va anche detto che il bigotto e censorio doppiaggio impedisce di riconoscere il dialogo aggiunto dal grande scrittore Jim Thompson. Per individuarlo (si tratta senza ombra di dubbio del dialogo tra il protagonista e il lottatore scacchista) occorre vedere la versione originale, disponibile in questo dvd con sottotitoli sia in inglese, sia in italiano.

  • User Icon

    MrVegeth96

    06/02/2013 17.40.05

    Uno degli esordi del grande regista che ha segnato la cinematografia per più di mezzo secolo. Un gangster movie ricco di colpi di scena, con personaggi ottimamente caratterizzati e con una trama veramente intrigante (anche se poco originale al giorno d'oggi) che nonostante gli oltre 50 anni di età è godibilissimo ancora adesso. Anzi, sono molti i film che gli devono qualcosa (Le Iene di tarantino e Slevin per citarne alcuni). Insomma, ottimo, ma non gli do il voto massimo per il semplice fatto che i film di Kubrick che amo sono altri. Comunque un gran esordio per un maestro.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    14/12/2007 19.13.22

    nonostante i suoi 50 anni e passa, questo film si difende ancora...e poi è un film di Kubrick, il più grande regista di tutti i tempi...cmq se essere cinefilo significa non capire la genialità, la bravura, lo stile di un certo Tarantino, allora non sono un cinefilo...Quentin e Stanley sono due genii, diversissimi, forse opposti, ma due genii...e i miei 2 registi preferiti...

  • User Icon

    Michele Bettini

    05/07/2007 01.16.10

    Uscito dal carcere, Johnny, non ha fiducia nelle istituzioni e nei lavori onesti. Quindi ricomincia, non curandosi che se va male per lui è finita per sempre. Organizza una rapina in un ippodromo con varie complicità, esterne ed interne. Il cassiere dell’ippodromo, complice anche lui, si confida con una moglie da cui non è amato, che confida tutto ad un altro gangster, peggiore dei primi. Il colpo è davvero difficile da realizzare e una qualsiasi mossa sbagliata vanificherebbe il piano. A colpo riuscito ci sarà una strage tra le due bande. Sopravvivono soltanto Johnny e la moglie, ma i soldi, giunti in un aeroporto, sono stati stupidamente male impacchettati e finiranno al vento. Finale davvero banale, come quasi tutti i film di Kubrick al cui genio mancava sempre l’ultimo verso. Un peccato, dopo che i vari attori hanno reso al massimo, specie dopo aver mostrato il loro fascino, nel bene e nel male.

  • User Icon

    Luca Ballati

    20/05/2007 23.12.38

    Per chi pensa che Pulp fiction sia un bel film. Hayden e Kubrick sono sempre grandi P.S.: a chi è piaciuto consiglio Giungla d'Asfalto dell' altrettanto grande Huston

  • User Icon

    Marco Scardella

    23/12/2006 23.37.12

    Secondo capolavoro del maestro. Eccellentemente congegnato, girato e recitato, merita il posto d' onore nel suo genere. Ottimo Hayden.

  • User Icon

    Elias

    14/11/2006 23.06.25

    KUBRICK è stato il maestro di tutto. Ecco l'inizio di una carriera segnata da capolavori, che si susseguono uno dietro l'altro. Dopo KILLER'S KISS nel quale in pochi tratti si notava la mano del maestro(l'inizio, l'incontro di boxe, l'inseguimento sul tetto, la lotta fra i manichini e specialmente il sogno), è pessato solo un anno che ha creato il primo di una lunga serie di capolavori, che vanno dal 1956 al 1999, con il suo ultimo, cioè EYES WIDE SHUT. Nel suo primo film realizzato in uno studio cinematografio, realizzato anche grazie a risparmi delle vincite agli scacchi,il grande STANLEY comincia a lasciare le sue orme nella storia. Pensandoci se l'hanno definito il genio dell'eccesso e della perfezione, sarà anche perchè KUBRICK era appassionato di scacchi e in ogni suo film tutto doveva essere curato nei minimi dettagli. Con la fotografia che non si lascia certo a disparte, specialmente nella sequenza dell'orginazzione del piano, con le musiche, con i personaggi che creano coinvolgimento, con la narrazione che segue un filo diretto, anche se raccontata non normalmente, con le risprese che creano il "marchio di fabbrica" KUBRICKIANO, THE KILLING è senza alcun ombra di dubbio un capolavoro, con un finale che è tutto l'opposto del semplice e dello scontato. Anche se non di altissimi livelli, THE KILLING è quindi pur sempre un capolavoro. Ma è da questo film che comincia la lista delle pietre miliari del grande regista, infatti due anni dopo comincia a mostrare LE SUE PRIME CARRELATE, e a creare il suo capolavoro supremo che mostra tutta la sua emotività: sto parlando dell'impareggiabile PATHS OF GLORY. Dal 1956 al 1999 KUBRICK ha fatto solo CAPOLAVORI.

  • User Icon

    Alberto

    05/07/2006 16.13.50

    Il 1° capolavoro di Kubrick. una storia in apparenza banale, ma montata genialmente e resa celebre da un finale malinconico e imprevedibile.

  • User Icon

    Mauro68

    20/03/2006 21.49.59

    Non è un capolavoro assoluto, ma è pur sempre Stanley Kubrick. E tanto basta. Già qui si vede quasi appieno ciò che sarà il suo cinema: storie mai banali (in questo caso si fa aiutare nella sceneggiatura dallo scrittore Jim Thompson), cura dei particolari, inquadrature impeccabili, attori fatti rendere al meglio. Il film in sè per sè è interessantissimo e ha idee da vendere, ma pecca un po' nello svolgere completamente la vicenda: sembra abbia (troppa) fretta di chiudere i conti, e il tratteggio dei personaggi risulta essere un po' troppo grossolano. Ma va bene anche cosi.

  • User Icon

    Claudio

    30/12/2005 12.08.00

    The Killing è decisamente migliore del film precedente (Killer's Kiss), non siamo ancora ai mega-capolavori tipici del regista ma è un bel passo in avanti. Anche qui, come già in Killer's Kiss, si percepisce il pianeta Kubrickiano, per diversi motivi: quello più evidente sono il gioco degli scacchi, elemento (quasi?)sempre presente nei film del regista americano. I debiti con l'espressionismo sono ancora più evidenti rispetto a Killer's Kiss (tagli delle luci, la recitazione esagerata ecc.). Film pieno di citazioni. Buono

  • User Icon

    joker

    13/04/2005 13.47.08

    sono d'accordissimo. e' da questo film cxhe sono nati i progetti, le storie, i film su una rapina e sul bottino cosi' grande che non si sa dove metterlo o come trasportarlo via. Il film e' un autentico processo sempre piu' angosciante e teso fino alla incredibile rapina all' ippodromo e all' impensabile finale all' aereoporto. E' una base dove oggi ancora ci costruiscono sopra.

  • User Icon

    Duca Bianco

    12/04/2005 11.30.53

    Kubrick era affascinato dagli scacchi, lo vediamo nella disposizione di alcune sue scene, disposizione tipicamente a scacchiera(l'inizio di arancia meccanica,i soldati in Barry Lyndon); in quasi tutti i film di K inoltre, si gioca una partita a scacchi. La logica scacchista in questo film pervade tutta la trama; il colpo è ben organizzato, ogni pezzo è ben posizionato, tutto sarebbe andato a meraviglia se non fosse per un paio di errori che mandano tutto all'aria..Prima il cassiere dell'ippodromo dice alla moglie del colpo....ma l'errore più clamoroso è quando Johnny per non pagare metà del biglietto aereo per imbarcare la valigia piena di soldi, la manda al bagagliaio....scacco matto.

  • User Icon

    paolo63

    31/08/2004 00.47.04

    In realtà Tarantino è andato oltre il semplice 'plagio'. Le iene 'Suo secondo film in realtà' è il remake di rapina a mano armata. La rapina andata a male, con tutte le conseguenze del caso. Comunque mentre si scrive un libro, gira un film, ecc. Non è solo la nostra parte razionale ad essere in gioco, ma anche quella inconscia. K. Estwood il regista di destra più amato dalla sinistra. Il compagno Dario Argento, in gioventù vicino a lotta continua, è il più'Fascista' dei nostri cineasti. Di conseguenza a mio PARERE, il vero punto di riferimento per quanto riguarda Tarantino, ma anche Ferrara è Martin Scorsese, l'ultimo dei maestri. Poi vogliamo spendere due parole su altre fonti, sapete dove voglio pararare La belva con il mitra, ed ora i film di Kung Fu. Chabrol 'Maestro' metteva in guardia gli spettatori dalle parole di es. Tarantino. Lui sostiene che sono un poco furbini, 'Nelle università americane si studia tutto il cinema, di coseguenza quando si trovano in Italia, elogiano La belva, in Francia magari lo stesso Chabrol, ecc. Potete trovare queste affermazioni su di un numero dei Cahiers du Cinema, dedicato all'autore francese. Dimenticavo sia La belva, che i film di Kung fu dai cinefili sono considerati spazzatura. Da Quentin Tarantino, Jon Milius, Martin Scorsese no. Come la mettiamo????????????

  • User Icon

    NICOLA

    03/08/2004 12.26.36

    Bello e comunque il grande Quentin Tarantino non copia, anzi "ruba", però vorrei vedere se quacuno di voi riesce a essere migliore di Quentin

  • User Icon

    paolo63

    30/07/2004 14.53.43

    Tipico film di serie B del periodo, non ha nulla che lo caratterizzi, se non il montaggio 'Voluto bho', il gioco degli scacchi, le idiosincrasie che diventano marchi d'autore. Volete mettere con giungla d'asfalto?

  • User Icon

    Fabrizio

    05/07/2004 11.19.44

    Stupendo. nonostante sia vecchio di quasi mezzo secolo, la sua bellezza continua ad attrarci, la sua purezza ti inchioda allo schermo per vedere la fine anche se gia' la conosci. Questo film batte tutti quelli del genere in cui ci sta un colpo da fare tipo Colpo Grosso. Bella la scena della rissa nel bar dell' ippodromo, da non perdere!!!

  • User Icon

    sansebastiano calogero

    03/07/2004 15.15.35

    grandioso, pur essendo vecchio di mezzosecolo, questo film continua a mantenere lo spasmo e anche se conosci il finale, ti viene voglia di rivedertelo fino in fine. bella la scena della rissa nel bar dell' ippodromo.

  • User Icon

    alex

    22/02/2004 17.22.07

    Certamente il film è unico nel suo genere, con una trama semplice ma realizzata in maniera assolutamente originale. La regia di Kubrick è sempre magnifica, e il finale tutt'altro che scontatto è quello a cui siamo gia stati abituati dalle opere più famose del Maestro.

  • User Icon

    marco tradii

    08/02/2003 15.22.25

    dopo visto questo film,scoprirete da dove ha copiato tarantino!!!

  • User Icon

    Jonathan Penderecki

    22/11/2002 07.01.54

    E' un'opera di grande fascino, illuminata dall'alto come se fosse una luce spettrale, o un senso di colpa. I rapporti carnefice-vittima, i vari destini che si incrociano, le visioni alternative della rapina, il destino che non concede seconde chance, tutto gira su una struttura narrativa complessa, armoniosa, geniale.Questo è già il Kubrick che conosciamo.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: MGM Home Entertainment, 2002
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 83 min
  • Lingua audio: Italiano (Mono);Inglese (Mono);Francese (Mono);Tedesco (Mono);Spagnolo (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Francese; Spagnolo; Olandese; Inglese; Tedesco
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers